“E GNORSI’” di Matteo Apicella

Te facevo nu segno passanno,

tu cu ‘a capa dicive ca no:

chesta storia duraie pe n’anno,

e na sera diciste: gnorsì!

Stu “gnorsì” ‘o diciste redenno,

t’arricuorde? Na sera d’està!

Tu na veste te stive cusenno

nnamze ‘a porta e me stive aspettà.

Chella veste ca stive facenno

nnanze ‘e piede ‘a  lassaste cadè,

pe ce strégnere  ‘e  mmane tremmanno,

pe  vvsarce sti vvocche, Mariè!

Matteo Apicella

Copertina-libro-Matteo-Apicella-big_vivimedia

Da “ ‘a nnammurata mia  poesie napoletane “ Mitilia, Cava de’ Tirreni 1968

tela-matteo-apicella_vivi

Matteo Apicella 1989 (Proprietà Privata)

Una poesia semplice (versi di varia lunghezza suddivisi in tre quartine con rime alternate spurie), spontanea, ma ricca di suggestioni d’epoca. Testimonianza di situazioni, momenti, atmosfere  che sembrano, specie agli occhi delle  ultime generazioni,  non reali;  tanto sono oggi riproponibili.  Corteggiare una ragazza “pe n’anno”, potersi vedere così  sull’uscio di casa  e furtivamente scambiarsi un segno “cu ‘a capa”  durante le sere calde d’estate fino al tanto sospirato primo bacio. Un’estate di tanti anni fa, molto diversa da questa nostra, con  attorno  il verde delle colline di Cava così care a Matteo Apicella pittore. E’ un mio piccolo omaggio a un nostro concittadino  cui si può attingere attraverso le sue tele e anche riscoprendo  i suoi scritti che non hanno “ufficialità accademiche”, ma tessono un genuino  legame con chi visse prima di noi.

Matteo Apicella (Cava de’ Tirreni 1910 – 1996)

Condividi

Commenti non possibili