CAVA DE’ TIRRENI (SA). Teatro “Luca Barba”, sabato 18 maggio in scena “m’Amo NON m’Amo” .

cava-dei-tirreni-m-Amo-NON-m-Amo-maggio-2013-vivimediaSabato 18 maggio, alle ore 21.00, la Sala Teatro “Luca Barba” di Cava de’ Tirreni (Sa) ospiterà “m’Amo NON m’Amo”, spettacolo promosso in collaborazione con l’A.S.D. Dance Gravity di Paola Roma e Mirka Quercia. In scena il viaggio nella psiche femminile, dal rifiuto del proprio corpo fino all’accettazione di se stessi. Il costo del biglietto per assistere all’evento è pari a 5 euro

Continuano i grandi appuntamenti della Sala Teatro “Luca Barba”, sita in Corso Umberto I, 153, a Cava de’ Tirreni (Sa). Sabato 18 maggio, alle ore 21.00, andrà in scena lo spettacolo “m’Amo NON m’Amo”, presentato in collaborazione con l’A.S.D. Dance Gravity di Paola Roma e Mirka Quercia.

Liberamente ispirato a monologhi di Luciana Littizzetto ed Eve Ensler, lo spettacolo racconta di un viaggio nella psiche femminile. L’obiettivo della giovane regista Mirka Quercia è quello di rappresentare, in un connubio di gesti e parole, il passaggio dalla percezione negativa che una donna ha di se stessa all’ironica accettazione di pregi e difetti di un corpo non più giovanissimo.

Le protagoniste di “m’Amo NON m’Amo” incarnano tre diverse tipologie di donna: Lizzy, ex modella che, tormentata dal desiderio di restar giovane e magra, si sottopone a continui interventi estetici; Rossy, frustrata per aver concentrato troppo la sua attenzione sugli altri al punto di perdere di vista se stessa ed i suoi desideri; Cla, rassegnata per la sua poca avvenenza ed il suo scarsissimo appeal sugli uomini.

Al Teatro “Luca Barba” i monologhi di “m’Amo NON m’Amo” saranno intervallati dalle raffinate coreografie di danza contemporanea eseguite dal corpo di ballo dell’A.S.D. Dance Gravity di Paola Roma, il cui tema principale è l’attenzione all’estetica ed alla bellezza. Un’attenzione talmente maniacale da portarle a danzare addirittura sui tacchi per sembrare più alte e slanciate. Dal taglio veloce e brillante, la kermesse è un invito ad amarsi, a smettere di mascherarsi e modificarsi per comprendere che, solo accettandosi e accettando pienamente il nostro corpo ci sarà finalmente spazio per accogliere il mondo.

Il costo del biglietto per assistere all’evento in programma sabato 18 maggio è pari a 5 euro. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il numero 393 3378060.

Condividi

Commenti non possibili