NOCERA INFERIORE (SA). Gli agenti della Polizia di Stato del locale Commissariato di Nocera hanno arrestato due soggetti pericolosi.

POLIZIA-DI-STATO-POSTO-DI-CONTROLLO-TERRITORIO-vivimedia

Ieri (7 maggio, ndr), è stato tratto in arresto e condotto  al  carcere di Salerno, B. L. di  Nocera Inferiore  sessantenne, noto personaggio malavitoso della zona, per il passato collegato con l’organizzazione camorristica denominata “Nuova Famiglia” del clan “Pignataro – Prudente” operante nel territorio nell’agro nocerino – sarnese;   annovera precedenti di polizia per ricettazione (numerose volte), estorsione (varie volte), associazione per delinquere, esplosivi, rapina, truffa (varie volte), associazione mafiosa, armi, favoreggiamento, inosservanza obblighi, contravvenzioni, ed altro; risulta condannato per bancarotta fraudolenta, appropriazione indebita, emissione assegni a vuoto, violazione norme assicurazione R.C.A., truffa e ricettazione.

Il BARBA, nell’ultimo periodo, era stato affidato in prova al servizio sociale, ma più volte controllato dagli agenti del Commissariato di Nocera era stato segnalato all’autorità giudiziaria in quanto contravveniva agli obblighi impostigli.  In virtù di ciò, veniva tratto in arresto in ottemperanza del  decreto disposto dal  Tribunale di Sorveglianza  di Salerno  che ha disposto la sospensione dell’affidamento in prova al servizio sociale e la  conseguente carcerazione eseguita dai poliziotti  del Commissariato di Nocera Inferiore.

Oggi (8 maggio, ndr) alle 14,00  è stato tratto in arresto e condotto al carcere di Salerno tale VILLACARO Domenico di Nocera Inferiore, 45 anni, pregiudicato per violenza privata, lesioni personali aggravate, detenzione e porto illegale d’arma comune da sparo, ricettazione, concorso in rapina, detenzione al fine di spaccio di sostanza stupefacente in concorso, omicidio, favoreggiamento personale.

Già nel lontano 1992 venne sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza speciale della P.S. per anni tre  poiché, nonostante fosse diffidato, “continuò  a tenere  una  pessima condotta sociale e a commettere reati  contro la persona e il patrimonio”.

Il predetto era già stato sottoposto in data 17.04.2013 alla misura cautelare della detenzione domiciliare in esecuzione dell’ ordine di carcerazione emesso il 28.03.2013 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore dovendo espiare la pena detentiva  di mesi 9.

In regime delle detenzione domiciliare più volte aveva forti e violenti litigi in famiglia, e per di più venne sorpreso fuori casa motivo per cui fu tratto in arresto per evasione dagli arresti domiciliari e  sottoposto nuovamente al regime degli stessi arresti domiciliari il 30 aprile.

Gli  agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Nocera Inferiore che hanno controllato più volte  il suddetto, segnalavano all’Ufficio di Sorveglianza di Salerno, tali condotte, inconciliabili con gli arresti domiciliari. In virtù di ciò, il Tribunale di Sorveglianza di Salerno ha emesso il  decreto con il quale è stata disposta la sospensione del beneficio degli arresti domiciliari e la conseguente carcerazione di Villacaro Domenico presso il carcere di Salerno, in data odierna eseguita dai poliziotti del Commissariato di Nocera Inferiore. (Roberto Trucillo)

Condividi

Commenti non possibili