SALERNO. Antonio Iannone: spiraglio alla Regione per finanziamento aree industriali in crisi nella provincia di Salerno.

antonio-iannone(4)-vivimedia

Antonio Iannone

«La provincia di Salerno ha subito nell’ultimo scorcio del Governo Monti un altro grave segnale di disattenzione. Tra le aree industriali in crisi della regione Campania sottoposte a finanziamento non è stata inserita nessuna della provincia di Salerno. Ma grazie all’impegno che ho richiesto al presidente Caldoro di attivarsi presso il Ministero dello Sviluppo economico, e grazie anche alla puntualità politica dell’on. Cirielli, che immediatamente da parlamentare si è fatto parte attiva di questa vicenda, c’è la possibilità di riaprire questo discorso. Pertanto, ieri ho voluto incontrare il presidente di Confindustria Maccauro per concordare con lui dei possibili interventi da sottoporre all’idea di finanziamento. Abbiamo parlato sia di settori dell’industria salernitana, in particolare dell’automotive e dell’edilizia, che delle aree industriali in crisi per le quali è pensato l’intervento governativo per il tramite della Regione. Nei prossimi 10 giorni elaboreremo un’articolata proposta sulla base oggettiva di dati che riguardano il nostro territorio, ci incontreremo con l’assessore regionale Martusciello affinché la Regione possa recepire questa nostra riflessione e, quindi, svolgere l’azione presso il Governo perché arrivi anche in provincia di Salerno questo aiuto».

Il presidente Iannone è intervenuto sulla nomina del sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, quale viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti.

«Ho rivolto immediatamente gli auguri di buon lavoro al sindaco di Salerno. Sono certo che si metterà al servizio del territorio in questo ambito che necessita di interventi da parte del Governo centrale. C’è bisogno di sostegno, di una collaborazione istituzionale che vada a colmare il gap del passato, ma anche ad affrontare le difficoltà del presente. Voglio essere speranzoso nei confronti di questa possibilità, anche se non sono molto fiducioso sulla nuova esperienza di governo che ha una maggioranza bipartisan che mi sembra molto litigiosa. Un Governo tirato per la giacca da una parte e dall’altra, perché convivono al suo interno due esperienze politiche profondamente diverse e che hanno una diversa visione dello Stato ed una diversa visione della vita del cittadino. Per il bene del Paese speriamo di sbagliarci, ma credo che quando non ci sono le condizioni di chiarezza politica all’interno di una compagine, sia molto difficile in questo periodo di crisi assicurare dei risultati».

Infine, il presidente della Provincia si è soffermato sul Giro d’Italia che farà tappa in provincia di Salerno.

«Voglio ringraziare in maniera accorata i sindaci di Ascea e Santa Marina, Rizzo e Fortunato, perché hanno portato questa importante opportunità. Un’occasione per promozionare il nostro splendido ed unico territorio. La Provincia di Salerno ha compiuto ogni sforzo per accompagnare questa intuizione dei sindaci. In questo momento di grossa difficoltà finanziaria, abbiamo compiuto un notevole sforzo per sistemare le strade provinciali che sono poi quelle maggiormente percorse dalla corsa rosa. Credo che attraverso il Giro d’Italia avremo l’occasione finalmente di far esplodere la bellezza del nostro territorio. Quindi, lo seguiremo con particolare attenzione e dedizione».

Condividi

Commenti non possibili