CAVA DE’ TIRRENI (SA). Arrestati a Cava due Capoverdiani per furto e danneggiamento aggravato

polizia-comune-cava-vivimediaPer contrastare in maniera sempre più efficace le fattispecie criminose che abbassano il livello di percezione di sicurezza dei cittadini di Salerno e della provincia e per prevenire la recrudescenza dei reati, in particolare quelli di tipo predatorio quali rapine e furti in abitazione, il Questore di Salerno, Antonio De Iesu, ha disposto un intensificato piano di servizi di controllo mirato a risolvere particolari criticità emerse nell’ultimo periodo in alcune zone del territorio.

Nell’ambito di tali servizi di polizia, personale  dell’Commissariato di Pubblica Sicurezza di cava de’ Tirreni, nella giornata di ieri, ha tratto in arresto due extracomunitari, R. M. H., di anni 32 e M. L. S., di anni 31, entrambi dello Stato di Capoverde, per i reati di danneggiamento aggravato e furto aggravato.

Intorno alle ore 13.30 di ieri, gli agenti delle volanti del suddetto Commissariato di Polizia sono immediatamente intervenuti, a seguito di segnalazione telefonica di furto, presso gli uffici comunali ex O.M.P.I., in Corso Mazzini a Cava.

Giunti sul posto i poliziotti, avvertiti dal custode di strani rumori provenienti dai piani alti dell’edificio, hanno circondato l’area in modo da evitare possibili fughe dei malviventi ed hanno perlustrato l’interno dello stabile, raggiungendo con la massima tempestività la zona dell’edificio da cui si udivano i rumori.

In tal modo gli agenti hanno sorpreso i due stranieri che, armati di mazze di ferro, stavano frantumando i servizi igienici (lavandini ed altro) in porcellana per asportarne la rubinetteria ed i tubi di rame.

I due extracomunitari, vista l’irruzione della Polizia, hanno tentato di sottrarsi alla cattura fuggendo per i corridoi e le scale dell’edificio e nascondendosi poi in una stanza ma sono stati ben presto individuati, bloccati ed arrestati dagli agenti della Polizia di Stato.

M.L.S., al momento dell’arresto, era ancora in possesso del tubo di ferro con cui aveva mandato in frantumi i servizi igienici.

Il materiale già asportato dai due stranieri, 40 gruppi di rubinetteria e 4 kg di rame, è stato recuperato dai poliziotti e restituito al personale dipendente dell’Ufficio Comunale, mentre i due stranieri sono stati arrestati e condotti presso il carcere di Salerno, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. (Roberto Trucillo)

Condividi

Commenti non possibili