CAVA DE’ TIRRENI (SA). “Leonardo e Cesare Da Sesto nel Rinascimento meridionale”, a cura di Carlo Pedretti e Nicola Barbatelli

mostra-leonardo-e-cesare-da-sesto-cava-dei-tirreni-vivimediaUna mostra di grande rilievo artistico fa tappa per tre mesi a Cava de’ Tirreni (Sa). Dal 6 luglio al 30 settembre il Complesso Monumentale di Santa Maria del Rifugio e l’Abbazia della SS. Trinità ospiteranno l’importante esposizione “Leonardo e Cesare Da Sesto nel Rinascimento meridionale”. L’iniziativa è stata ideata dall’Associazione Mondarte Italia, con il supporto della Soprintendenza per i Beni Artistici, Storici ed Etnoantropologici per le province di Salerno ed Avellino, del Museo delle Antiche Genti di Lucania, dell’Armand Hammer Center for Leonardo Studies of Los Angeles, della Città di Cava de’ Tirreni e del CCN metelliano. Domani, venerdì 21 giugno, alle ore 10.00, la presentazione al Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni
Il Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni (Sa) sarà domani, venerdì 21 giugno, alle ore 10.00, la location della presentazione di “Leonardo e Cesare Da Sesto nel Rinascimento meridionale”, mostra che sarà visitabile dal 6 luglio al 30 settembre sia presso il Complesso Monumentale di Santa Maria del Rifugio, sito in Piazza San Francesco a Cava de’ Tirreni, che presso l’Abbazia della SS. Trinità metelliana.

Ideata dall’Associazione Mondarte Italia, con il supporto della Soprintendenza per i Beni Artistici, Storici ed Etnoantropologici per le province di Salerno ed Avellino, del Museo delle Antiche Genti di Lucania, dell’Armand Hammer Center for Leonardo Studies di Los Angeles, della Città di Cava de’ Tirreni e del Consorzio Cava Centro Commerciale Naturale (CCN), l’iniziativa porterà nella città metelliana per ben tre mesi un’esposizione di altissimo profilo artistico-culturale.

Il Complesso di Santa Maria del Rifugio e la Badia Benedettina di Cava de’ Tirreni, infatti, fino a fine settembre “ospiteranno” prestigiosi nomi della storia dell’arte italiana, come Leonardo da Vinci e Cesare Da Sesto, suo fedelissimo seguace e maggiore interprete della sua arte nel Sud.

Condividi

Commenti non possibili