SALERNO. A Salerno “Racconti-storie di follia creativa” SalernoCrea presenta Gianni Mauro

Gianni-Mauro-vivimediaSarà Gianni Mauro, poeta,scrittore, attore, componente dei Pandemonium e molto di più, l’ospite della rassegna “Racconti-Storie di ordinaria “follia” creativa “. Con personaggi della letteratura, arte, musica, teatro, cinema, giornalismo, con interviste semi-serie di Antonio Di Giovanni e Maria Rosaria Vitiello, giornalisti de “La Città” (Gruppo editorile L’Espresso). La serata, organizzata dall’associazione Culturale SALERNO Crea, presieduta da Giuseppe Carabetta, avrà come filo conduttore il pubblico che sarà parte integrante delle serata con domande, aneddoti e curiosità che riguarderanno la vita artistica e personale dell’ospite. L’incontro si terrà il prossimo 21 giugno alle ore 19,30 presso la  sede dell’associazione a Porta Rotese –Salerno. Gianni Mauro, artista storico salernitano esordisce nel 1976, quando la RCA Italiana (la più importante casa discografica del periodo) gli fa un contratto come autore di testi e nel 1977 gli pubblica due dischi come cantautore. Nello stesso anno inizia una collaborazione artistica con Gabriella Ferri, che incide alcuni suoi brani, tra questi “Lunedì”, una canzone che ha avuto successo anche in Brasile dove è un evergreen da 25 anni. Scrive sigle televisive in Buonasera con … Franco Franchi, “Più sani e più belli”, alcuni pezzi della fiction televisiva “Un medico in famiglia”. Da una sua strampalata idea del 1978 che Gianni Mauro definisce “Il manifesto scellerato di una generazione allo sbando”, ovvero la canzone demenziale Tu fai schifo sempre, nasce il gruppo “I Pandemonium”, poi divenuto il gruppo Teatro-Canzone Pandemonium (considerati dalla critica i naturali eredi del “Quartetto Cetra”). Nel 1979 partecipano al Festival di Sanremo e diventano gli apripista del Demenzial-Surreale in Italia. Le radio private impazziscono per questa “grande follia” e si vende un numero di dischi considerevole. Gianni Mauro aveva già partecipato l’anno prima al Festival di Sanremo con Rino Gaetano, col brano Gianna. Da questo periodo fino agli anni attuali divide il suo tempo tra l’attività di autore, quella di cantante e quella di attore teatrale. Come autore inizia un’importante collaborazione nel cinema con Detto Mariano (esponente di spicco del Clan Celentano, arrangiatore di Mina, Lucio Battisti, Adriano Celentano; autore di grandi hits). Gianni Mauro con quest’ultimo collabora come coautore di numerose canzoni in film di grande successo quali “Il bisbetico domato” con Adriano Celentano, “Il ragazzo di campagna” con Renato Pozzetto, “Spaghetti a mezzanotte” con Lino Banfi. Scrive per Gianni Nazzaro, per Lando Fiorini, per i Pandemonium “Fatte curà” che partecipò al Festival di Napoli nel 1981, Canzone scartata che vinse il festival della canzone comica di Viareggio nel 1990 condotto da Daniele Piombi. In televisione partecipa a numerose trasmissioni con “I Pandemonium”, lavorando in programmi di Pippo Baudo, Raffaella Carrà, Oreste Lionello, Gino Bramieri, Pippo Franco. In teatro lavora come attore-cantante con Renato Rascel, Gabriella Ferri, Gino Bramieri, Oreste Lionello, Vittorio Marsiglia, Pippo Franco, Gigi Proietti. Ha continuato la sua attività di autore collaborando come giornalista con la rivista mensile “Cultura” diretta dal Prof. Mario Scaffidi Abbate (dove si occupava di satira di costume). Attualmente collabora come autore di canzoni con Vittorio Marsiglia e con Gigi Proietti. Scrive testi teatrali e porta avanti con il teatro-canzone “I Pandemonium” eventi dedicati ai grandi artisti italiani. Tra questi uno spettacolo dedicato alla scuola genovese dei cantautori (Umberto Bindi, Gino Paoli, Fabrizio De André, Bruno Lauzi, Luigi Tenco), un omaggio al Quartetto Cetra con “In un vecchio palco della scala”, uno spettacolo dedicato allo straordinario artista Giorgio Gaber. Negli ultimi anni insieme ai Pandemonium è uno stretto collaboratore di Pippo Franco che è direttore artistico del gruppo teatro-canzone e regista dei loro spettacoli. Ad inizio dicembre 2010 è stato pubblicato un cofanetto libro+DVD dedicato a Vittorio Marsiglia e curato da Renzo Arbore, il cui titolo è “Come si ride a Napoli”. Il libro è una raccolta dei grandi autori della canzone umoristica napoletana dai primi del Novecento. Arbore ha inserito in questa raccolta due brani di Gianni Mauro. I brani sono: “La prima volta” e “Canto Malinconico”. Nel mese di dicembre 2010 è stato pubblicato il suo ultimo romanzo “Meno di niente Emilia” edito da Guida Editore. In questo toccante racconto che ha per protagonista una misteriosa Emilia, Gianni Mauro racconta con toni a volte malinconici, a volte paradossali il disagio dell’esistenza. Lo scrittore, in questo romanzo, si è ispirato molto a Fernando Pessoa ed in particolare ad una citazione tratta dai “Romanzi dell’inquietudine”. A fine settembre 2011 è stato pubblicato il lavoro in versi  ”Una folata di vento” edito da Meligrana Editore. In questa ultima opera Gianni Mauro ha raccolto e scelto nell’arco di due anni, 45 foto della fotografa inglese Julia Margaret Cameron, a cui ha dedicato la silloge. L’autore ha scritto “45 emozioni in versi” che si ispirano alle foto-ritratti della Cameron.

Condividi

Commenti non possibili