SALERNO. Rifiuti, Bellacosa: “Comuni chiariscano la loro posizione su affidamento ciclo ad EcoAmbiente, altrimenti intervenga il Governo”

adriano-bellacosa-salerno-vivimediaL’assessore provinciale all’Ambiente, Adriano Bellacosa, ha inviato una nota ai sindaci dei 158 comuni della provincia di Salerno, al Ministro dell’Ambiente, alla Regione Campania e, per conoscenza, al Prefetto di Salerno, alla società EcoAmbiente Spa, e ai Consorzi di Bacino, nella quale segnala che la Provincia di Salerno, con deliberazione di Giunta 107 del 17 giugno 2013, ha assunto la disponibilità ad assumere la gestione temporanea dell’intero ciclo dei rifiuti, a partire dal 1 luglio 2013, e chiede ai Comuni di prendere una posizione sulla questione.

«Dando esecuzione al deliberato della Giunta provinciale – si legge nella nota – si deve chiedere ai soggetti funzionalmente competenti sulla gestione integrale del ciclo dei rifiuti, ossia ai Comuni, di far sapere se intendano assumere in proprio la gestione o se condividano l’opportunità di trasferirla contemporaneamente alla società provinciale Ecoambiente Spa».

«Per inciso – continua l’assessore Bellacosa – giova evidenziare che l’attuale assetto normativo priva la Provincia di ogni competenza al riguardo e, nei fatti, impedisce, da un lato, la gestione dell’impiantistica sovra comunale attualmente mantenuta (con lo Stir e i c.d. siti “post mortem”) e, da un altro lato, pone anche un impedimento alla definizione della procedura di affidamento della gara per la realizzazione dell’impianto di termovalorizzazione nel comune di Salerno».

«Per questo – conclude Bellacosa – si ritiene di sollecitare, innanzitutto i Comuni, ad una chiara presa di posizione sul punto e, in considerazione della grave emergenza che si profila, si deve anche chiedere al Governo ovvero alla Regione Campania di valutare l’opportunità di esercitare i poteri sostitutivi contemplati dall’art. 191 del codice dell’ambiente, nel caso affidando la provvisoria gestione integrale del ciclo alla società provinciale EcoAmbiente Spa». 

Condividi

Commenti non possibili