PONTECAGNANO FAIANO (SA). Paracadustismo: Mario Fattoruso si conferma campione italiano e conquista il quarto posto alla coppa del mondo

mario-fattoruso-Ex3mo-team-pontecagnano-vivimediaAncora un importante successo per il paracadutista di Pontecagnano Faiano Mario Fattoruso. Il giovane atleta, infatti, si è riconfermato con il suo team Ex3mo, per la terza volta consecutiva, campione italiano nella disciplina RW4 alla manifestazione che si è svolta nei giorni scorsi ad Arezzo. A seguire, Fattoruso, insieme alla sua squadra, si è recato a Banja Luka (Bosnia) per la coppa del mondo e il campionato europeo. Nonostante lo stress del viaggio, i pochi lanci di allenamento, il clima torrido e i tanti competitori in gara, l’atleta picentino e i suo compagni, sempre nella categoria a quattro elementi, hanno onorato il tricolore italiano nel migliore dei modi conquistando complessivamente un ottimo quarto posto alle spalle di Belgio, Russia e Francia. “Sono davvero soddisfatto – afferma Mario Fattoruso – del successo ai campionati italiani ad Arezzo e, come unico atleta del sud Italia e soprattutto campano posso ritenermi orgoglioso anche di aver rappresentato la nazionale italiana su campo straniero. Ovviamente, portando in alto la bandiera della scuola di paracadutismo Salerno e della città di Pontecagnano Faiano. Ringrazio di vero cuore il presidente Mario Tedesco, Maurizio Bertrand, i miei amici di squadra Ivan, Paci, Lore e Max e, in particolare, ringrazio Ilaria, la mia compagna che mi ha seguito e supportato in ogni gara”.

Grande soddisfazione da parte del sindaco Ernesto Sica e dell’assessore allo Sport Domenico Mutariello che dichiara: “Siamo orgogliosi dei nuovi e prestigiosi risultati raggiunti dal campione Mario Fattoruso che contribuisce a portare in alto il nome della nostra città nel mondo con i suoi straordinari successi. L’amministrazione intende garantire il massimo sostegno alla pratica sportiva sul nostro territorio riconoscendo gli sforzi, i sacrifici e l’impegno dei nostri atleti”. 

Condividi

Commenti non possibili