PONTECAGNANO FAIANO (SA). Soppressione passaggi a livello, incontro tra RFI e rappresentanti dell’impresa aggiudicataria dell’appalto. Presenti i comuni di Marcianise e Recale

passaggio-a-livello-cava-de'-tirreni-vivimediaIl Comune di Pontecagnano Faiano e Rete Ferroviaria Italiana annunciano l’avvio dei lavori relativi all’eliminazione dei passaggi a livello sul territorio di Pontecagnano Faiano. Gli interventi, attesi da tempo, saranno realizzati non solo nella città picentina, ma anche nei comuni di Marcianise e Recale. I progetti saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà venerdì 11 ottobre, alle 10.30 nei saloni del Comune di Pontecagnano Faiano. Con il Sindaco Ernesto Sica interverranno, per Rete Ferroviaria Italiana, Marco Gallini, Direttore Territoriale Produzione Napoli, e Calogero Parla, responsabile territoriale del Programma Soppressione PL e Risanamento Acustico. Parteciperanno all’incontro il Sindaco  del Comune di Recale, Patrizia Vestini,  l’Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica del Comune di Marcianise, Angela D’Anna e l’ingegnere Angelo Piccolo dirigente settore Lavori Pubblici del Comune di Marcianise, nonché rappresentanti dell’ATI CONSORZIO NAZIONALE COOPERATIVE DI PRODUZIONE E LAVORO CIRO MENOTTI – ALT Costruzioni S.r.l. di Ravenna, aggiudicataria dell’appalto, e dell’impresa I.CO.NA. società cooperativa di Napoli. 

Per il solo Comune di Pontecagnano Faiano, il progetto prevede l’eliminazione dei passaggi a livello di via Cristoforo Colombo, di via Abate Conforti e di Pagliarone, nonché l’adeguamento del sottopasso ferroviario di via Torino. In queste località, situate tutte  all’interno del tessuto urbano, cesseranno i disagi affrontati  quotidianamente da centinaia di cittadini per raggiungere la propria abitazione o altre zone nevralgiche del territorio. La ferrovia che separa il centro cittadino dalla vasta area che conduce lungo la fascia costiera, dove insistono attività commerciali e ricettive, nonché zone residenziali, potrà essere dunque attraversata senza soste, grazie alla realizzazione dei tanto attesi sottopassi. Le nuove opere infrastrutturali, inoltre,  non solo avranno una ricaduta positiva sui collegamenti, ma rappresenteranno anche un importante punto di partenza per la crescita e lo sviluppo di tutto il territorio comunale.
(Emanuela Anfuso)

Condividi

Commenti non possibili