VIETRI SUL MARE (SA). Nuovo “sfregio”alla Villa Comunale di Vietri

sediolini-rotti-villa-rotti-(2)-villa-comunale-ott2013-vietri-sul mare-vivimedia

Nei giorni scorsi, all’apertura mattutina della villa, i responsabili della manutenzione si sono trovati di fronte ad uno spettacolo indegno ed indecoso: 4 seggiolini di pregiata ceramica vietrese, completamente frantumati.

Un pugno nello stomaco per i responsabili, che subito hanno allertato i funzionari e gli assessori preposti alla manutenzione, ma soprattutto un “pugno in faccia” a tutta la collettività vietrese.

Sdegno, ma soprattutto rabbia da parte dei cittadini all’ennesimo vilipendio di una delle strutture più fotografate da parte dei turisti, che sono abbagliati dalla sua bellezza e dai suoi giochi maiolicati, ma soprattutto arrabbiati poiché essa è, nelle ore notturne, in balia di vandali e delinquenti.

sediolini-rotti-villa-rotti-(1)-villa-comunale-ott2013-vietri-sul mare-vivimedia

Dai graffiti di qualche anno fa, alla distruzione dei bagni, alla enorme quantità di rifiuti lasciati dagli avventori, la Villa comunale è da sempre stata oggetto di “attenzioni” da parte di qualche persona senza nessun senso civico e civile. Qualche anno fa, all’indomani dell’ennesimo sfregio, l’amministrazione del sindaco Francesco Benincasa, diede incarico alla “Vietri Sviluppo” di aprire e chiudere la villa, oltre che renderla pulita, cosa fatta con professionalità e dedizione da parte degli operai della società. Ma questo ennesimo delinquenziale atto, porta alla ribalta quello che chiedono molti cittadini, ovvero una videosorveglianza da parte del Comune e un controllo anche notturno da parte delle Forze dell’Ordine. Da sottolineare che il Comune è dotato di telecamere su quasi tutto il territorio, ma per motivi ancora “oscuri”, esse non funzionano da ormai 5 anni. I cittadini, giustamente, si chiedono il perchè e dato che sono stati investiti, per la realizzazione della videosorveglianza, soldi pubblici, chiedono una l’immediata messa in funzione delle stesse, soprattutto per assicurare questi delinquenti alle Forze dell’Ordine.

Condividi

Commenti non possibili