GIFFONI VALLE PIANA (SA). La Sala Conferenze del Convento San Francesco intitolata al professore Vincenzo Grieco

convento-di-san-francesco-giffoni-valle-piana-vivimediaUna targa commemorativa, collocata nella Sala Conferenze del Convento di San Francesco, ricorderà la figura del professore Vincenzo Grieco, educatore esemplare, appassionato dell’insegnamento e della politica. Lo ha deliberato la Giunta nella seduta del 14 gennaio scorso. 

Originario di Buccino, il professore Grieco si trasferì a Giffoni all’inizio degli anni Sessanta, dove fu insegnante, amministratore comunale e presidente della Pro-loco. Inoltre fu propulsore di importanti iniziative culturali, su tutte la Mostra Internazionale di Arte Presepiale. 

Domenica 10 novembre, alle ore 17,30, il Sindaco Paolo Russomando, alla presenza della signora Anna Fernicola, vedova del professore Grieco, procederà allo scoprimento della targa. La cerimonia di intitolazione avverrà nell’ambito della manifestazione “Giffoni Day” che premia i giffonesi benemeriti ed è organizzata dalla locale Pro loco.

 

Breve Biografia:

Vincenzo Grieco nacque a Buccino nel 1924. Conseguito con grandi sacrifici e forte determinazione il diploma magistrale, comincia a insegnare nelle scuole elementari dei paesi vicini. Il “professore” Grieco, fin dal Dopoguerra, sviluppa due grandi passioni: l’insegnamento e la politica che si concretizza con una lunga militanza nella Democrazia Cristiana di De Gasperi.

Nel 1954 sposa Anna Fernicola, pure lei di famiglia di antiche origini buccinesi, dalla quale ha avuto tre figli (Giacobbe, Paolo e Stefano). Nel 1963 si trasferisce a Giffoni Valle Piana, dove viveva già una sorella, lasciando definitivamente Buccino, dove era stato insegnante, giudice conciliatore e amministratore comunale.

A Giffoni, nei primi anni Settanta, darà vita al giornale “Noi Giovani”, accanto a lui un giovane Claudio Gubitosi che, in quegli anni, stava sviluppando l’idea del Giffoni Film Festival. Dopo una breve parentesi romana (dal 1973 al 1981), il professore Grieco è collocato a riposo nel 1982, al termine di un breve periodo di insegnamento nella “sua” Giffoni.

A cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta ritorna in politica, ricoprendo vari incarichi presso l’Amministrazione di Giffoni, per poi dedicarsi in modo quasi esclusivo alla promozione della cultura attraverso la locale associazione Pro Loco di cui diverrà prima presidente (a metà degli anni Novanta) e poi presidente onorario, nel 2002. Con la Pro Loco ha dato vita alla Mostra Internazionale di Arte Presepiale.

Condividi

Commenti non possibili