MAIORI (SA).

operation-avalanche-1943-2013-vivimediaL’Assessorato alla Cultura del Comune di Maiori, diretto dal Consigliere delegato Mario Piscopo, ha realizzato, tra l’altro, in occasione delle manifestazioni celebrative di “Maiori – Operation Avalanche 1943-2013”  la  mostra “Schegge di memoria tra storia e cronaca” a cura di Angelo Pesce, Presidente del Comitato Scientifico del Museum of Operation Avalanche di Eboli. 

La mostra sarà visitata da domani a venerdì 22 novembre dagli alunni delle scuole primarie dell’Istituto comprensivo di Maiori, nonché da quelli della Scuola Primaria Paritaria S. Maria. 

Sabato 23 novembre prossimo sarà la volta degli studenti degli istituti della Scuola secondaria di 1° e 2° grado del territorio di Maiori. La visita sarà guidata da Angelo Pesce, geologo-storico, autore del libro “Salerno – Operazione Avalanche”, direttore scientifico del MOA di Eboli, che ha concesso per scopi didattici le foto del suo archivio per una lettura del percorso fotografi. 

Per un coinvolgimento più attivo degli studenti, l’Assessorato alla Cultura, con la collaborazione dell’Associazione Culturale “La Feluca” effettuerà una visita guidata e sarà organizzata la visione dei filmati sulle testimonianze di chi c’era l’otto settembre 1843, realizzati da Giancarlo Barela dell’Associazione Maiori Film Festival e dagli alunni della quarta elementare sez. B, a cura di Angiola Amarante dell’Istituto comprensivo Luigi Staibano di Maiori. 

“Maiori – Operation Avalanche” è una pagina di storia importante per Maiori, che il Comune – sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio dell’Ambasciata Britannica di Roma, del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno, del Museum of Operation Avalanche di Eboli e della Provincia di Salerno, in collaborazione con le Associazioni: La Feluca, Maiori Film Festival, Atellana, il Centro di Cultura e Storia Amalfitana, Amalfi Coast Music & Arts Festival, Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo ed i Ranger - ha inteso far rivivere nella memoria collettiva per evidenziare le trasformazioni sociali, culturali e di costume avvenute in seguito a questo evento che ha cambiato il corso della storia della Costiera Amalfitana e dell’Italia e segnando così la conclusione della II guerra mondiale.
(Eugenia Apicella)

Condividi

Commenti non possibili