SALERNO. Mattinata drammatica nel salernitano

mariconda-uscita-tangenziale-salerno-dicembre-2013-vivimediaRapina e sequestro di persone a Mariconda. E’ quanto si è verificato, alle ore 7.30, di ieri mattina, all’uscita della tangenziale di Mariconda, dove tre malviventi a volto scoperto ed in possesso di una pistola, hanno bloccato due corrieri a bordo di un furgone, di proprietà di un’azienda di trasporti di Baronissi, adibito a trasporto di prodotti farmaceutici.  Il furgone, carico di materiale sanitario, per un valore di oltre 10 mila euro, era diretto nei punti vendita che ne avevano fatto richiesta e i due corrieri avevano avviato le consegne, quando i tre uomini a bordo di una macchina,  gli hanno imposto l’alt e a seguito di minacce, hanno costretto uno a seguirlo nella loro macchina mentre l’altro lo hanno rinchiuso nel vano del furgone, con la pistola puntata contro.  I due operai della ditta di trasporto, sono stati scaricati dai loro aguzzini, dopo circa un’ora, nel napoletano, precisamente a Boscoreale, mentre i  malviventi a bordo della macchina e del furgone stesso, si sono dati alla fuga, facendo perdere le loro tracce. I due operai, hanno allertato i carabinieri della stazione di Boscoreale, raccontando loro l’accaduto e ricostruendo le fasi salienti della rapina. Intanto, i ladri, dopo aver svaligiato il furgone con i prodotti farmaceutici, hanno ben pensato di abbandonarlo nelle campagne di Cava de’Tirreni. Che quel furgone fosse oggetto di qualche reato, lo hanno, immediatamente, capito i residenti della località bagnara-sant'anna-cava-de'-tirreni-dicembre-2013-vivimediaBagnara di Sant’Anna, i quali vedendolo parcheggiato in un posto isolato della loro zona, hanno allertato gli agenti della Polizia Locale che con gli assistenti capo Adinolfi, Zito, e Pino Senatore, sono giunti sul posto ed in base a specifici accertamenti, hanno scoperto che il furgone era stato oggetto di rapina nella stessa mattinata. La stessa sala operativa di via Ido Longo, ha segnalato il rinvenimento del veicolo, alla locale tenenza dei carabinieri del tenente Vincenzo Tatarella, il quale prima di giungere sul posto ha chiesto l’intervento della sezione scientifica dell’arma di Nocera Inferiore. Ora, al vaglio dei carabinieri, oltre alla testimonianza dei due corrieri rapiti per qualche ora, ci saranno, soprattutto gli impianti di videosorveglianza di alcuni punti della città in base al percorso seguito dai malviventi. Non è escluso che i ladri, conoscessero bene la località metelliana dove hanno abbandonato il furgone e che da Boscoreale abbiano potuto uscire all’autostrada di Nocera inferiore, dove per giungere a Bagnara, è più facile percorrere la nuova via Randino che collega Nocera a Cava. Una volta a Santa Lucia, per la strada provinciale via Vitale, si giunge a Bagnara, passando inosservati.     

Condividi

Commenti non possibili