CAVA DE’ TIRRENI (SA). Un “giallo a colori” alla Stagione Teatrale Invernale “Li Curti”

assassino-misterioso-stagione-teatrale-invernale-li-curti-cava-de'-tirreni-dicembre-2013-vivimediaDomenica 8 dicembre, presso il Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni (Sa), la Compagnia “Extravagantes” presenterà lo spettacolo “Il mistero dell’assassino misterioso”, secondo appuntamento della Stagione Teatrale Invernale “Li Curti”. In scena un giallo ricco di humour, in cui le vicende degli attori si mescoleranno a quelle dei personaggi e coinvolgeranno il pubblico. Il costo del biglietto per assistere alla rappresentazione è di 6 euro. Prevista la possibilità di abbonarsi all’intera kermesse, in programma fino al 13 aprile 2014. Il cartellone completo su www.koine.us

Con la rappresentazione “Il mistero dell’assassino misterioso”, a cura della Compagnia “Extravagantes”, continua domenica 8 dicembre al Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni (Sa) la Stagione Teatrale Invernale “Li Curti”, kermesse dedicata all’indimenticabile Totò. Appuntamento alle ore 20.30 presso il noto Circolo metelliano, sito in via M. Garzia 2. A deliziare gli spettatori sarà l’affiatato gruppo diretto dal regista Antonello Gargiulo, che con “I Menecmi” e “La felicità comica” ha già dilettato la platea cavese nella scorsa estate durante il Premio “Li Curti” – Rassegna Teatrale Estiva.

Ne “Il mistero dell’assassino misterioso” lo schema sarà il classico: un detective privato, una giovane ereditiera, un vedovo aitante, un’infermiera tedesca, uno squilibrato ed una cara zietta ricca. Prima commedia scritta dal duo comico romano Lillo&Greg (Pasquale Petrolo e Claudio Gregori), questo “giallo a colori” si presenta pieno di humour. In un castello della campagna inglese viene assassinata l’anziana contessa di Worthington. Il detective Mallory, chiamato a svolgere le indagini, deve risolvere il delitto e smascherare l’assassino. I sospetti cadono sui singoli personaggi: la contessina Margareth (figlia dell’anziana nobildonna assassinata), la devota infermiera Greta Gruzenzmeyer, il nipote pazzo della contessa, Harry Worthington, ed Ashton Piboty, giovane marito della defunta. Un incidente, però, sconvolge tutto. Uno degli attori improvvisamente ha un malore in scena e viene sostituito dal bibitaro di sala. E sarà questo il punto a partire dal quale le vicende degli attori si mescoleranno a quelle dei personaggi della commedia: il tutto per un gioco metateatrale che coinvolgerà anche il pubblico.

«Il nostro impegno nel proporre al pubblico testi che continuamente stimolino curiosità e generino interesse è costante - afferma il regista Gargiulo - Così come costante è lo sforzo per creare un legame profondo con lo spettatore mediante tutti i mezzi espressivi del nostro vasto repertorio, costituito da gags, battute ad effetto, colpi di scena ed apparenti ingenuità, volti a creare quell’osmosi attore-spettatore indispensabile per rendere vero e vivo “l’incantesimo del Teatro”».

Con ormai tre anni di storia come gruppo autonomo, numerosi spettacoli all’attivo, tre variazioni di nome e formazione, la Compagnia “Extravagantes” si pone l’obiettivo di dare sostanza e continuità a quanto negli anni precedenti la sua fondazione ha tracciato. Nel corso della sua breve, ma intensa storia, il gruppo ha infatti affrontato spettacoli di vario genere, spaziando dal comico partenopeo di nuova scuola, come “…E fuori nevica!” (2008), all’outsider “Sveglia, Bastardo!” (2009) ed al rocambolesco dal sapore british “Gli allegri chirurghi” (2009), per poi approdare alla commedia dell’arte con “Qual è ‘o mistero? Sulle orme della maschera nera” (2010), alla nuova scrittura drammaturgica de “Le promesse spose” (2010) ed alla comicità esilarante del metateatrale “Il mistero dell’assassino misterioso” (2011) di Lillo e Greg, toccando anche il repertorio pirandelliano con “Liolà” (2011) di Luigi Pirandello e lanciandosi inoltre in una rilettura del contemporaneo “Due partite” (2011) di Cristina Comencini.

Successivamente scelte coraggiose hanno caratterizzato l’attività della Compagnia, che ha affrontato una rilettura de “Le mille e una notte. Un sogno mediterraneo” (2012), la quattrocentesca ed in versi “Fabula di Orfeo” (2012), la versione integrale dell’“Otello” (2012) ed un’interessante lettura de “Il Baciamano” (2012), fino a terminare con un classico latino quale “I Menecmi” di T.M. Plauto (2012).

Per assistere all’appuntamento in programma domenica 8 dicembre il costo del biglietto è pari a 6 euro. I ticket possono essere acquistati nella serata dello spettacolo direttamente presso il Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni, sito in via M. Garzia 2, o in prevendita telefonando al numero 393.3378060 (disponibile anche per info e prenotazioni). È prevista, inoltre, la possibilità di abbonarsi alla kermesse, sia per la tranche “natalizia” che per la “seconda parte”. Ciascuno dei due abbonamenti ha un costo di 50 euro. Nello specifico, l’abbonamento natalizio comprende gli appuntamenti che vanno dall’8 dicembre 2013 al 3 gennaio 2014, mentre l’abbonamento per la seconda parte “abbraccia” gli spettacoli dal 10 gennaio 2014 al 13 aprile 2014.

Gli abbonamenti potranno essere sottoscritti presso l’Agenzia Viaggi e Turismo Imbarco 24, sita in via A. Balzico, 20, a Cava de’ Tirreni (tel: 089 442532 / fax: 089 8422150; www.imbarco24.it – info@imbarco24.it), e/o presso Teresa Barba Gioielleria, sita in Corso Umberto I, 189, sempre a Cava de’ Tirreni (tel: 393 3378060 – geltrudebarba@hotmail.it).

Con la Direzione artistica di Geltrude Barba, la Stagione Teatrale Invernale “Li Curti” è promossa dal Teatro Luca Barba, in collaborazione con l’Associazione Koinè, la Città di Cava de’ Tirreni, l’agenzia di comunicazione integrata MTN Company, il Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni e Grafica Metelliana. Per rimanere aggiornati sugli appuntamenti in calendario è possibile consultare il sito www.koine.us.

Condividi

Commenti non possibili