CETARA (SA). Ritorna a Cetara la “Festa della colatura 2013″

festa-colatura-alici-cetara-vivimediaPuntuale come tutti gli anni si ripropone la Festa della Colatura di alici, tradizionale appuntamento del mese di dicembre nel borgo costiero di Cetara, promosso dal Comune di Cetara, dall’associazione “Amici delle Alici”, dalla Pro Loco  e dai ristoratori del paese. 

Giovedì 5 dicembre, ore 18,00 presso la sala polifunzionale M. Benincasa, si terrà il Convegno sul tema “Le alici di Cetara e la colatura: le meraviglie del pesce azzurro.” Dopo i saluti del Sindaco Secondo Squizzato e dei presidenti dell’Associazione Amici delle alici, Pietro Pesce, e della Pro Loco, Antonio De Santis, interverranno  la dottoressa Sara Cordara, nutrizionista, collaboratrice de La Repubblica, Giuseppe Orefice, responsabile educazione di Slow Food Campania, Annalisa Di Nuzzo, dell’ Università degli studi di Salerno, Gennaro Marciante, del ristorante Acquapazza. Coordinerà gli interventi Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico. Si rifletterà sulle proprietà nutrizionali del pesce azzurro e su alcune esperienze, in corso a Cetara, di educazione alimentare e valorizzazione dei prodotti tradizionali e dell’identità locale.

A caratterizzare la serata, in piazzetta Vieski, sarà il folkloristico momento della spillatura del tradizionale terzigno, inaugurando così, l’anno della nuova “colatura tradizionale” di alici, con l’apporto dei produttori (Nettuno, Delfino, Iasa).

 Venerdì 6 dicembre alle 18,00, presso l’edificio scolastico di Cetara, anche quest’anno nell’ambito della festa si svolgerà  una gara culinaria popolare riservata a massaie ed appassionati di cucina che si cimenteranno nella preparazione di piatti tradizionali  a base di pesce e di colatura. Dopo il successo dell’anno scorso è la seconda edizione del Premio Gastronomico ‘Ezio Falcone’, dedicato alla memoria dell’appassionato studioso della storia gastronomica del territorio costiero, un promotore della prima ora  del tipico condimento cetarese, la colatura di alici.

In giuria, a giudicare le pietanze presentati dai concorrenti,  oltre ad esperti esterni,  i  ristoratori dell’ Acquapazza, de La Cianciola, S.Pietro e Al Convento,  i reali promotori di un prodotto divenuto rappresentativo del comune costiero.

Sabato 7 dicembre, vigilia dell’Immacolata, tradizionale festa locale con processione notturna,  i ristoratori – nel solco di una vecchia tradizione – proporranno ai propri clienti gli speciali menù per dare il benvenuto alla colatura nuova. “Cerchiamo di coinvolgere tutte le realtà locali  – evidenzia l’assessore alla cultura Angela Speranza – per essere protagonisti di una festa sobria, che ci rafforza l’orgoglio di appartenere ad un luogo così ricco di storia. Proviamo ad unire le varie forze del paese per  mantenere viva un’antica tradizione: il paese non dimentica le sue origini” . “Dopo l’esperienza dell’anno scorso con la prima edizione del premio ‘Ezio Falcone’  – afferma il Sindaco Secondo Squizzato – vogliamo proseguire in questa esperienza  ed evidenziare l’apporto dei nostri ristoratori alla valorizzazione del pesce povero. Inoltre vogliamo richiamare l’attenzione sull’iniziativa denominata A MENSA CON LO CHEF che ha permesso al comune di gestire la mensa scolastica con l’impegno dei quattro ristoranti, all’insegna della qualità e salubrità dei prodotti utilizzati, abbinata alla formazione sui temi dell’alimentazione e della  buona cucina, a partire dai ragazzi in età scolare: tutti prodotti freschi, acquistati ogni giorno, nel segno della nostra identità locale di paese di mare”.

Condividi

Commenti non possibili