VIETRI SUL MARE (SA). “Compra a Vietri“. Appello del Presidente dell’Ente Ceramica Vietrese Nicola Campanile

nicola-campanile-vietri-sul-mare-dicembre-2013-vivimediaAd una crisi che oramai ha raggiunto livelli insostenibili,alla chiusura di molte attività artigiane,molte delle quali soppiantate da centri scommesse,alle difficoltà economiche ,legate al pagamento di bollette e tasse,ed infine ad una riduzione drastica degli acquisti da parte degli avventori della preziosa ceramica vietrese,individuata,a torto, come bene “superfluo”,cerca di dare una scossa il Presidente dell’Ente Ceramica Vietrese Nicola Campanile.”E’ arrivato il momento di comprare “vietrese”,ovvero che i cittadini vietresi, prima di altri ,destinino ,per i loro acquisti natalizi, una piccola somma da investire per regalare ceramica vietrese.Il settore è in una crisi profonda-osserva Campanile-e la crisi non riguarda solo le botteghe o i singoli artigiani, ma tutta la popolazione vietrese ,che da secoli dalla sua peculiarità artigianale ne ha tratto sostentamento e benefici economici.Oggi molti negozi sono sull’orlo della chiusura e solo la caparbietà,l’ingegno,l’Arte e la volontà di non mollare ,hanno contribuito a far restare in piedi un settore ,quello ceramico appunto,che di Vietri ne ha fatto un’icona mondiale di laboriosità e di cultura.Non si puo’ essere inermi di fronte  ad una crisi ,spaventosa ,che ha determinato ,in molte aziende licenziamenti o messa in cassa integrazione ,scaraventando molte famiglie ai limiti dell’indigenza,per cui partendo da noi ,cittadini vietresi,abbiamo un obbligo morale ,acquistare prodotti ceramici vietresi, per non vedere più chiudere negozi o fabbriche e per dare lavoro ai nostri Maestri ceramisti .La perdita di un solo posto di lavoro –conclude Campanile-o la chiusura di un negozio,sono un colpo mortale all’economia di Vietri  e alla nostra centenaria storia ,oltre ad una ferita profonda in  un popolo che ha sempre “difeso” il suo lavoro,aprendo le porte,del lavoro stesso, a chi lo chiedeva e che della sua Arte ceramica ne ha fatto un “modus vivendi”oltre ad uno stile di vita.”

Condividi

Commenti non possibili