CAVA DE’ TIRRENI (SA). Ispettori ambientali: giro di vite al conferimento selvaggio. In 119 hanno giurato.

giuramento-guardie-ambientali-(1bis)-22mar2014Sensibilizzazione e poi multe a raffica per chi non vuole capire che i rifiuti vanno conferiti secondo i modi e i tempi di conferimento previsti dal calendario. Sono circa 120 gli ispettori ambientali che, questa mattina, al comune, sono stati chiamati al giuramento circa il compito di “sentinella” ambientale, per i quali diversi mesi fa hanno seguito un corso. Si è trattato di una cerimonia di consegna dei decreti di nomina degli ispettori ambientali che, già dalla prossima settimana, saranno operativi sul territorio metelliano. Muniti di pettorina, tesserino e cappellino, le sentinelle della natura devono sia monitorare sui rifiuti di cartone, per scongiurare la raccolta da parte di privati, sia prendere in flagranza di reato i trasgressori della raccolta differenziata. Dopo due, al massimo tre avvertimenti, scatta la tolleranza zero. Per le prime volte sarà campagna di sensibilizzazione poi si partirà con le contravvenzioni, per chi farà orecchie da mercante. Cinquanta euro per i cittadini, centocinquanta euro per ci commercianti e duecentocinquanta per i ristoratori. Saranno presidiati soprattutto i punti critici delle frazioni, dove l’ex assessore all’Ambiente, Carmine Salsano e quello attuale, Fortunato Palumbo, hanno fatto bonificare tonnellate di giuramento-guardie-ambientali-(4)-22mar2014amianto, e non solo. Per indottrinare gli ispettori ambientali volontari, si è reso necessario un corso di 40 ore, al fine di avere titolo per sanzionare i trasgressori della raccolta differenziata. Si è trattato di quattro ore per dieci lezioni, tre volte a settimana, utili ad acquisire un bagaglio civico, con maggiori particolari. I corsisti hanno acquisito nozioni sul regolamento comunale in materia di rifiuti, su come redigere una sanzione e su come approcciare il trasgressore. L’iniziativa voluta dall’assessore all’Ambiente, Fortunato Palumbo, per frenare il fenomeno sempre crescente del conferimento selvaggio, ha avuto l’obiettivo di formare gratuitamente tutti i volontari ambientali. La partecipazione è stata rivolta alle associazioni del territorio per un massimo di venticinque associati a sodalizio. Oltre cento uomini su una problematica di vigilanza circa il conferimento errato dei rifiuti che cresce in maniera esponenziale, rendendo molti punti della città dei portici, inguardabili ed invivibili. Un supporto alla Polizia Locale ben più massiccio di quello che finora era formato dai soli agenti del settore Ambiente, del tenente Enzo Della Rocca, che pure hanno tenuto testa ai vari trasgressori, soprattutto del centro città.
(A.F.)

Condividi

Commenti non possibili