Nel ricordo di Eduardo

cavese-altamura-cava-de-tirreni-gennaio-2018-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). La Cavese, finalmente dominatrice dal primo all’ultimo minuto del match contro l’Altamura, regala ai propri tifosi una prestazione all’altezza del blasone condita da due reti, una per tempo, e continua la corsa alla prima piazza del girone H, anche per questo turno appannaggio del Potenza, dal canto suo vittorioso a Manfredonia con non poche sofferenze e colpi di scena. Bitetto e co. continuano a crederci e giurano che lo faranno fino all’ultimo, confidando in un calo potentino. La domenica aquilotta è iniziata e continuata nel ricordo di un grande tifoso blu foncè deceduto lo scorso anno. Eduardo Purgante, Eduardo per tutti i supporters aquilotti da quaranta anni a questa parte, è stato presente ai piedi della Sud “Catello Mari” immortalato su un mega striscione realizzato dagli ultrà.
cavese-altamura-eduardo-cava-de-tirreni-gennaio-2018-vivimediaE alla mente di tutti gli sportivi cavesi sono tornati flashback di quel passato aquilotto così ricco di emozioni e soddisfazioni nei quali Eduardo, sul serpentone dell’ingresso in campo dei calciatori dettava in ginocchio battendo i pugni sulla lamiera i tempi del tifo dell’intero stadio. Al termine della partita lo scoprimento di una targa a imperitura memoria del suo credo blu foncè. Ma nella domenica del suo ricordo i tifosi della curva non potevano non dimenticare il giovanissimo Angelo e Nunzia tragicamente scomparsi in settimana. Ma veniamo alla cronaca della sfida con la quarta forza del campionato. Dopo la vittoria nello scorso turno ad Aversa ci si aspettava una conferma dall’undici biancoblù ed è arrivata puntuale. Nel risultato e nel modo col quale è stato costruito. Dal primo all’ultimo minuto la Cavese è stata padrona del campo. Ordinata, concentrata, spietata. L’attacco di casa si fa subito sotto. È il 3′pt quando Fella da sinistra innesca Martiniello che prolunga per Girardi che sotto misura non aggancia per un soffio. E due minuti dopo è Martiniello a sfiorare la traversa dal limite. Bella e clamorosa all’8pt la traversa colpita da Fella su una conclusione quasi al volo dai 25 metri a portiere battuto. Ancora Cavese, solo Cavese in campo fino al 32′pt quando arriva il meritato vantaggio. Girardi veste i panni dell’assist man per Fella che non perdona Morelli, bucandolo con un tocco forte e preciso. Si va negli spogliatoi con la consapevolezza di avere in pugno la gara. E resta questo il leit motiv anche della ripresa. Unica occasione in cui il portierino aquilotto Bisogno ha l’opportunità di mettersi in mostra arriva al 1′st quando si oppone senza neppure tanto impegno a una rasoiata di Santaniello. Riprende immediata la Cavese il suo ritmo che la porterà al 14’st al raddoppio. Pasticcia la retroguardia ospite su un traversone di Martiniello da sinistra sul quale si avventa come un falco Massimo che mette dentro il 2 a 0. Potrebbe triplicare la formazione di casa al 34′st con una bella progressione di Manzo che si trova a tu per tu con Morelli ma schiaccia troppo la palla non inquadrando lo specchio della porta. Le emozioni finiscono qui e con esse la partita. La Cavese esce tra gli applausi dei circa 1600 tifosi biancoblù presenti. Delusi i duecento arrivati dalla Puglia e sistemati nella “Nord”. Ma i loro beniamini avranno domenica prossima l’opportunità di rifarsi proprio contro il Potenza in un altro match clou in chiave promozione. Sarebbe un bel regalo per la Cavese che invece sarà di scena allo Squittieri di Sarno.


CAVESE (3-5-2): Bisogno, Lame, Garofalo (35’st Frezzi), Manzo, Fabbro (8′st Gorzegno), D’Alterio, Carotenuto, Massimo (32’st Logoluso), Girardi, Fella, Martiniello. A disp. Marruocco, Marino, Favasuli, Oggiano, Tripoli, De Angelis. All. Dino Bitetto.

ALTAMURA (3-5-2): Morelli, Montemurro, Di Benedetto (39′st Lucchese), Aliperta, Santaniello (18′st Presicce), D’Anna, Figliolia (32′st Di Senso), Palermo (26′st D’Ascoli), Caldore, Casiello (32′st Lopez), Clemente . A disp. Petruzzelli, Polimuro, Notaristefano, Ostuni. All. Ciro Ginestra.

ARBITRO: Daniele De Tommaso (Rieti), I ass. Luca Pantano (Frosinone), Vincenzo D’Acunzi (Asti).

NOTE: giornata soleggiata, campo in discrete condizioni. Spettatori circa 1800. Ammoniti: Manzo, Fabbro, Massimo, Garofalo (Cavese); Aliperta, Santaniello (Altamura). Allontanato dalla panchina al 22′st per proteste il dirigente aquilotto Antonio Fariello. Angoli: 6 a 2 per la Cavese. Recuperi: 4’ pt, 4′ st.

Condividi

Commenti non possibili