Cavese: missione compiuta a metà

cavese-cerignola-cava-de-tirreni-maggio-2018-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI. Cerignola, che durante la regular season si era rivelata la sua bestia nera, avendo perso in entrambe le sfide. Ed è ora pronta a giocarsi la vittoria finale con il Taranto, corsaro a sua volta sul campo dell’Altamura. Agli uomini di Dino Bitetto basta un gol di Fella per chiudere a suo favore la sfida. A onor di cronaca sarebbe bastato loro un pareggio ma passando per i supplementari. Eventualità evitata ma con qualche sofferenza di troppo per azioni sprecate in precedenza. La cronaca della partita si apre con il minuto di raccoglimento a centrocampo per ricordare la scomparsa dell’ex presidente della Lega di sere D, Elio Giulivi. Poi c’è solo Cavese a lungo ma senza il gol. Al 7’pt Maraolo si oppone a una millimetrica punizione di Massimo dal limite. Si deve passare al 28’pt per un’altra azione significativa. Contropiede quattro contro uno per la Cavese su un capovolgimento di campo ma Martiniello sbaglia tutto e permette alla retroguardia ospite di sventare la minaccia. Ancora il portiere pugliese sugli scudi. Fella lo impegna severamente, sul prosieguo d’azione si ostacolano davanti alla porta Oggiano e Martiniello gettando alle ortiche un’altra ghiotta occasione. Al 38’pt però brivido per la Cavese. Lame non è come al solito pulito in un’uscita dalla propria trequarti e sta per approfittarne Longo che però si fa ipnotizzare da Bisogno e spreca sotto porta. Bisogno, purtroppo, al 42’pt su un rinvio forzato, si infortuna a un ginocchio e deve abbandonare il campo. Al suo posto Blanchard. Nella ripresa la Cavese mantiene il pallino del gioco nelle sue mani e fa trascorrere il tempo rallentando il ritmo, pronta, però, ad approfittare di ogni errore avversario. Che arriva al 26’st. Il centrocampo pugliese sbaglia una ripartenza e ne approfitta Fella che si incunea in area e spara nell’angolino lontano dove questa volta Maraolo non c’arriva. Il vantaggio fa esplodere di gioia i settori colorati di bianco e di blu e sulle ali dell’entusiasmo gli aquilotti insistono. Alla mezzora potrebbe esserci ancora gloria per il bomber Martiniello che dai trentacinque metri si inventa un lob a effetto che scavalca Maraiolo ma che si infrange all’incrocio dei pali. Poi è Gorzegno che di testa non inquadra lo specchio della porta. La vittoria non viene mai messa in discussione dagli ospiti e fino al fischio finale giunto dopo tre minuti di recupero c’è spazio ancora per un paio di azioni aquilotte di cui sono protagonisti Claudio De Rosa e Antonio Martiniello. Ma il risultato non cambia. L’1 a 0 basta per staccare il tagliando per la finale play-off. Domenica al Simonetta Lamberti sarà la volta del big match Cavese-Taranto. Vincerlo significherebbe alimentare con forza e sostanza le speranze di ripescaggio per la serie C.


CAVESE (4-3-3): Bisogno (44’pt Blanchard), Carotenuto (41’st De Rosa), Marino, Manzo, Lame, Fabbro, Oggiano (30’st Gorzegno), Iannini, Martiniello, Fella (37’st Frezzi), Massimo. A disp. Garofalo, Logoluso, Favasuli, De Angelis, Tripoli. All. Dino Bitetto.

AUDACE CERIGNOLA (4-3-3): Maraolo, Di Bari, Pollidori, Allegrini, Ngom Ndiaga, Morra, Longo, Ciano (33’st Russo), Carannante (10’st Di Cillo- 33’st Matere), Russo, Loiodice (41’st Marinaro). Adisp. Abagnale, Cappellari Parise, Cianci, Barrasso. All. Vincenzo Silvestri.

ARBITRO: M.D. ARACE (Lugo di Romagna), I ass. E. De Angelis (Roma2), II ass. Paolo Cubicciotti (Nichelino).

RETE: 26’st Fella (C )

NOTE: giornata soleggiata, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Fabbro, Oggiano, Martiniello,Blanchard della Cavese, Pollidori per il Cerignola. Angoli: 6 a 1 per la Cavese. Recuperi: 4’ pt, 3’ st.

Condividi

Commenti non possibili