Archivio

ricerca per autore

 

La medicina veterinaria riparte da Salerno

7-meeting-veterinaria-salernitana-ottobre-2017-salerno-vivimediaSALERNO. Ottimo riscontro per il 7° Meeting della Veterinaria Salernitana, promosso dall’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno e tenutosi il 29 e 30 settembre 2017 presso l’Hotel Ariston di Capaccio Paestum (Sa). Sessioni formative, spazi espositivi e talk show hanno animato la manifestazione, che ha richiamato in terra salernitana il gotha della medicina veterinaria, e non solo. Il Presidente Orlando Paciello: «Abbiamo lanciato una “sfida” molto ambiziosa, perché solo con l’integrazione dei mondi scientifico, medico, universitario e politico è possibile rilanciare la figura del veterinario». Giuramento professionale e consegna dei caducei gli altri momenti clou dell’iniziativa, terminata domenica 1° ottobre con la visita ai Templi di Paestum

«Un’autentica festa della medicina veterinaria, con la partecipazione di numerosi colleghi provenienti da tutta la Campania e dal Mezzogiorno d’Italia e di personalità dell’ambito accademico nazionale e politico regionale»: è il commento del Prof. Orlando Paciello, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno, all’indomani dell’ottimo riscontro del 7° Meeting della Veterinaria Salernitana, svoltosi il 29 e 30 settembre 2017 all’Hotel Ariston di Capaccio Paestum (Sa).

«Con questo 7° Meeting la veterinaria salernitana ha lanciato una “sfida” molto ambiziosa – afferma il Presidente Paciello - Con gli amici e con gli ospiti della manifestazione, confrontandoci pure con il mondo politico, ci siamo posti l’obiettivo di porre in atto strategie di sviluppo della professione medico-veterinaria a supporto delle nuove emergenze della società. Con la giusta integrazione dei mondi medico-veterinario, scientifico, accademico e politico è possibile rilanciare la nostra professione e tributare al veterinario il ruolo di professionista non solo nella cura e nel benessere degli animali da compagnia e da reddito, ma anche e soprattutto nella tutela della salute pubblica, del patrimonio zootecnico e delle produzioni alimentari di qualità».

Innovazione, territorio e comunicazione sono state le tre parole chiave dell’evento, che ha avuto come titolo “Il Mezzogiorno riparte con i veterinari: strategie di sviluppo della professione a supporto della società”. «Si è trattato di un forte momento di crescita formativa e professionale – sottolinea Orlando Paciello – ma anche e soprattutto di un’occasione di incontro e confronto su tecniche innovative per la nostra professione, per le quali abbiamo tratto giovamento dalle relazioni dei relatori presenti, sulle bellezze del territorio che ci ha ospitato, quale Paestum Città dei Templi, e sulla giusta maniera di mettere a sistema questi “fenomeni”, riuscendo a comunicarli all’esterno in  maniera esatta».

Tre sono state le sessioni scientifiche che hanno caratterizzato le giornate del 29 e 30 settembre all’Hotel Ariston: “Zootecnia e piani di sviluppo rurale e delle piccole produzioni locali”, “Innovazione nella diagnostica dei piccoli animali” e “Tutela giuridica dei prodotti agroalimentari di qualità, tipici e tradizionali”, impreziosite dalla partecipazione e dalle relazioni di illustri esponenti del mondo medico-veterinario, universitario, legale, associazionistico e politico.

Per la sessione “Zootecnia e piani di sviluppo rurale e delle piccole produzioni locali”, insieme ai Consiglieri dell’Ordine di Salerno Giovanni Bruno, Giovanni Cirone, Dionisio Del Grosso e Giuseppina Cubicciotti, hanno relazionato: il Dott. Franco Consalvo (Dirigente Veterinario ASL Salerno); il Prof. Fabian Capitanio (Ricercatore di Economia ed Estimo Rurale presso il Dipartimento di Agraria di Napoli); il Prof. Marcello De Rosa (Professore associato di Economia ed Estimo Rurale presso l’Università di Cassino); la Dott.ssa Emanuela Califano (Medico Veterinario); il Dott. Lorenzo Volatile (Medico Veterinario); il Prof. Giuseppe Campanile (Professore di Zootecnia Speciale presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali di Napoli).

Di “Innovazione nella diagnostica dei piccoli animali” hanno invece discusso con i Consiglieri dell’Ordine di Salerno Claudio Amore, Assunta Carbonaro, Luca Petrosino e con il Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali di Napoli, Gaetano Oliva: la Dr.ssa Eleonora Piseddu (DVM, Dip.ECVCP, MRCVS); la Prof.ssa Barbara Zavan (Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova); il Dott. Giuseppe Rubini (Resp. Ultravet Diagnostic); il Dott. Carlo Masserdotti (MedVet, Dipl ECVCP); il Prof. Claudio Peruccio (DVM, SCMPA, Dipl ECVO, Hon Dipl ACVO, MRCVS European & RCVS Specialist in Veterinary Ophthalmology); la Dr.ssa Laia Solano-Gallego (DVM, PhD, Diplomate ECVCP – Departament de Medicina i Cirurgia Animal, Facultat de Veterinaria, Universitat Autonoma de Barcelona).

Con la moderazione del Consigliere dell’Ordine di Salerno, Claudio Mucciolo, e del Prof. Giuseppe Iovane, Docente presso l’Università “Federico II” di Napoli, per la sessione scientifica “Tutela giuridica dei prodotti agroalimentari di qualità, tipici e tradizionali” sono intervenuti: l’Avv. Francesco Aversano (Foro di Salerno); il Dott. Angelo Citro (Asl Salerno); l’Avv. Prof. Fausto Capelli (Collegio Europeo/UniParma/Foro di Milano); il Dott. Domenico Raimondo (Presidente del Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana); il Dott. Daniele Bianchi (Servizio Giuridico della Commissione europea); l’On. Prof. Paolo De Castro (Vice Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale al Parlamento europeo); il Dott. Lorenzo Beretta (Presidente Istituto Salumi Italiani Tutelati).

Sessioni formative, ma non solo. A caratterizzare la manifestazione, promossa dall’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno ed organizzata in collaborazione con l’agenzia di comunicazione integrata MTN Company, anche spazi espositivi che hanno permesso a medici veterinari, associazioni di categoria, operatori economici, addetti ai lavori, aziende del settore, studenti e neolaureati di favorire l’interscambio di opportunità e servizi per rafforzare il sistema di cooperazione. Queste le aziende presenti: Bayer, Royal Canin, Enpav, Idexx, Foschi, Marvet, Istituto Farmaceutico Candioli, Centro Iguazu, Bye Bau, NBF Lanes, Liguori Coffee, Caseificio La Fattoria e Consorzio AL.B.A.

Ad anticipare la cena del 30 settembre è stato il talk show sugli argomenti di sviluppo della veterinaria, che ha visto confrontarsi esponenti del mondo scientifico, medico, accademico e politico. Oltre al Prof. Orlando Paciello, hanno partecipato al dibattito: la Dott.ssa Natalia Sanna (Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Napoli); il Dott. Angelo Niro (Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Campobasso); il Dott. Enrico Cariati (Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Potenza); la Dott.ssa Rosanna Panebianco (Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Brindisi); il Prof. Gaetano Oliva (Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali di Napoli); il Prof. Bartolo Biolatti (Presidente della Società Italiana delle Scienze Veterinarie); il Dott. Antonio Limone (Direttore Generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno); il Dott. Vincenzo Caputo (Direttore del Centro di Riferimento Regionale per l’igiene Urbana Veterinaria); il Dott. Gianni Mancuso (Presidente dell’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Veterinari); la Dott.ssa Carla Bernasconi (Vice Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini Veterinari Italiani); l’On. Tommaso Amabile (Presidente della VI Commissione Istruzione e cultura, Ricerca scientifica, Politiche sociali della Regione Campania); l’On. Tino Iannuzzi (Vice Presidente della VIII Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici presso la Camera dei Deputati).

Dulcis in fundo, nella serata di sabato 30 settembre si è tenuta la Cena di Gala, durante la quale oltre 80 neo iscritti all’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno hanno prestato il giuramento professionale, oltre 40 medici veterinari hanno ritirato il caduceo per i 25 anni di iscrizione all’Ordine di Salerno e 6 medici veterinari hanno ricevuto l’attestato di ringraziamento professionale per aver tagliato il traguardo della pensione.

Durante l’iniziativa, che ha visto il Vice Presidente dell’Ordine di Salerno, Dott. Dionisio Del Grosso, donare un quadro al Direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università “Federico II” di Napoli, Prof. Gaetano Oliva, hanno portato tra gli altri i loro saluti: il Prof. Enzo D’Amato (Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Avellino); il Dott. Mario Campofreda (Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Caserta); il Dott. Zaccaria Di Taranto (Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Foggia); il Prof. Matteo Lorito (Direttore del Dipartimento di Agraria dell’Università “Federico II” di Napoli); il Prof. Bartolo Biolatti (Presidente della Società Italiana delle Scienze Veterinarie); il Dott. Vittorio Sangiorgio (Presidente di Coldiretti Salerno); il Dott. Roberto Tuorto (Direttore del Banco Alimentare Campania ONLUS); la Dott.ssa Carla Bernasconi (Vice Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini Veterinari Italiani); il Dott. Gianni Mancuso (Presidente dell’ENPAV).

A chiudere l’evento la visita ai Templi di Paestum, effettuata nella mattinata di domenica 1° ottobre ed a cui hanno preso parte i Consiglieri dell’Ordine dei Medici Veterinari di Salerno, studenti, neolaureati ed alcuni illustri ospiti del 7° Meeting della Veterinaria Salernitana. Tutti i momenti del 7° Meeting della Veterinaria Salernitana sono stati trasmessi in diretta streaming sul sito ufficiale della manifestazione, http://meeting.ordineveterinarisa.it. Il talk show è stato trasmesso in diretta sulla pagina facebook dell’Ordine dei Medici Veterinari di Salerno (@OrdineDeiMediciVeterinariDiSalerno), mentre tutte le interviste alle personalità in diretta radio sulle frequenze di Radio Crc.

Promosso dall’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno, l’evento ha goduto del patrocinio di: FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani), ENPAV (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Veterinari), SIMeVeP (Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva), SIVeMP (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica), SISVet (Società Italiana delle Scienze Veterinarie), Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali di Napoli, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, ASL Salerno, Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, Comune di Capaccio Paestum, Consiglio regionale della Regione Campania, Provincia di Salerno, Confindustria Salerno, Confartigianato Salerno, Coldiretti Salerno, Banco Alimentare Campania ONLUS, Associazione Buiatri Campani e Ordine dei Farmacisti della Provincia di Salerno. Media partner MTN Company, Radio Crc e Radio Club 91.

Un campetto di calcio per i bambini, il 27 giugno “Piatto al Centro” a Santa Lucia di Cava de’ Tirreni

piatto-al-centro-locandina-giugno-2017-cava-de-tirreni-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). La Parrocchia di Santa Lucia di Cava de’ Tirreni (Sa) ha organizzato per martedì 27 giugno 2017 “Piatto al Centro”, percorso enogastronomico di beneficenza volto a reperire fondi per completare il campetto di calcio del Nuovo Centro Pastorale della frazione metelliana. Previste 8 postazioni per l’assaggio di piatti realizzati con prodotti d’eccellenza secondo i canoni della cucina slow food. Partner dell’iniziativa l’azienda cavese Lamberti Food, sempre molto “sensibile” alla qualità ed alle esigenze del territorio

Lamberti Food
partner dell’iniziativa “Piatto al Centro”, percorso enogastronomico di beneficenza organizzato dalla Parrocchia di Santa Lucia di Cava de’ Tirreni (Sa).

In programma martedì 27 giugno 2017 presso il Nuovo Centro Pastorale della frazione Santa Lucia, la manifestazione è finalizzata a reperire fondi per il completamento del campetto di calcio del Nuovo Centro Pastorale, in modo da dare a tanti bambini della comunità luciana la possibilità di mettere il “pallone al centro”.

Il percorso enogastronomico sarà caratterizzato da 8 postazioni per l’assaggio di piatti realizzati con prodotti d’eccellenza nel rispetto del buono, pulito e giusto. Spazio anche a vini e cantine, dolci tipici e frutta, oltre che ad una stuzzicante esposizione alimentare.

Grazie alla preziosa collaborazione della “Condotta Slow Food” dell’Agro Nocerino Sarnese e di Salerno, l’iniziativa punta anche a promuovere la cucina “slow food”, che ha l’obiettivo di valorizzare i prodotti dell’eccellenza locale, sostenibile per il pianeta, per la salute e per un gusto genuino.

La Cucina Slow guiderà i partecipanti alla scoperta della tradizione regionale italiana attraverso ingredienti di qualità e ricette firmate da cuochi autorevoli di vari ristoranti della zona, che offriranno la possibilità di degustare piatti squisiti.

35 euro
il “contributo” per partecipare alla serata, che sarà animata dalle ammalianti note del violinista Felice D’Amico. Ingresso gratis per i bambini fino a 12 anni se accompagnati da un adulto. Per info e prenotazioni telefonare al 324.5672202.

A tale manifestazione, per la cui realizzazione si ringraziano anche l’associazione “LuciAnna” e le aziende “Vini La Delizia” e “Cantine Iannella”, non poteva mancare di certo il pieno sostegno di Lamberti Food S.r.l., che, pur rappresentando ormai un riferimento di eccellenza del settore Horeca, continua a mantenere ben saldo il proprio legame con il territorio. Ed in tale ottica l’azienda cavese non è rimasta insensibile alla finalità dell’iniziativa, destinata a regalare momenti di gioia e spensieratezza ai bambini della locale comunità.

Così come l’offerta dell’evento – prodotti culinari d’eccellenza – risponde appieno alla “mission” di Lamberti Food, che ha sempre fatto della qualità, unitamente ad innovazione, esperienza ed affidabilità, il suo punto di forza ed il suo tratto peculiare. Da qui la “naturale” partnership alla manifestazione “Piatto al Centro”, partecipando alla quale, oltre a soddisfare il proprio palato, si contribuirà a realizzare il sogno di tanti bambini.

Appuntamento fissato in Piazza Felice Baldi martedì 27 giugno 2017, dalle ore 19.30 alle ore 22.30, presso il Nuovo Centro Pastorale della frazione Santa Lucia di Cava de’ Tirreni.

“Le Domeniche della Salute”, spazio ad ipertensione arteriosa ed ecografia pelvica

allergie-e-anca-domeniche-della-salute-febbraio-2017-cava-de'-tirreni-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Domenica 19 febbraio 2017 a Cava de’ Tirreni (Sa) terza tappa della VII edizione de “Le Domeniche della Salute”, ideate ed organizzate dal Rotary Club Cava de’ Tirreni. In programma lo “Screening dell’ipertensione arteriosa” a cura del Cardiologo Dr. Edoardo Bossone e l’“Ecografia pelvica” a cura della Ginecologa Dr.ssa Ida De Marinis. Appuntamento dalle ore 9.00 alle ore 13.00 presso la sede del CRTF, sita in via Onofrio di Giordano n. 15

Ipertensione arteriosa ed ecografia pelvica: terzo appuntamento domenica 19 febbraio 2017 a Cava de’ Tirreni (Sa) con “Le Domeniche della Salute”. Ancora un doppio screening, dunque, nell’ambito della VII edizione dell’iniziativa ideata ed organizzata dal Rotary Club Cava de’ Tirreni, con il patrocinio della Città di Cava de’ Tirreni e con la collaborazione di CRTF – Centro di Radiologia e Terapia Fisica, Se.s.a.p. - Servizi sanitari e assistenziali alla persona e Grafica Metelliana.

Appuntamento fissato, come di consueto, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 presso la sede del CRTF, sita a Cava de’ Tirreni in via Onofrio di Giordano n. 15, che ospiterà lo “Screening dell’ipertensione arteriosa” a cura del Cardiologo Dr. Edoardo Bossone, Direttore dell’Unità Operativa di Cardiologia e U.T.I.C. dell’Ospedale “Santa Maria Incoronata dell’Olmo” di Cava de’ Tirreni, e l’“Ecografia pelvica” a cura della Ginecologa Dr.ssa Ida De Marinis, Dirigente Medico dell’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore (Sa).

L’ipertensione arteriosa è una condizione caratterizzata dall’elevata pressione del sangue nelle arterie, determinata dalla quantità di sangue che viene pompata dal cuore e dalla resistenza delle arterie al flusso del sangue. Interessa circa il 30% della popolazione adulta di entrambi i sessi. Nelle donne è più frequente dopo la menopausa.

L’ipertensione arteriosa non è una vera e propria malattia, ma un fattore di rischio, ovvero una condizione che aumenta la probabilità che si verifichino patologie cardiovascolari (tra cui angina pectoris, infarto miocardico ed ictus cerebrale). È importante, quindi, individuarla e curarla per prevenire i danni che può provocare.

L’aumento dei valori pressori non sempre si accompagna alla comparsa di sintomi, specie se avviene in modo non improvviso. L’organismo si abitua progressivamente ai valori sempre un po’ più alti e non manda segnali al paziente. Per questo molte persone affette da ipertensione non lamentano sintomi anche in presenza di valori pressori elevati.

È molto importante, dunque, controllare periodicamente la pressione arteriosa. Una diagnosi precoce di ipertensione arteriosa, infatti, consente di prevenire i danni ad essa legata e, quindi, malattie cardiovascolari anche invalidanti.

Contemporaneamente allo screening dell’ipertensione arteriosa si terrà anche quello incentrato sull’ecografia pelvica. Uno sguardo all’apparato genitale femminile, ovvero agli organi capaci di dare la vita. L’esame prende in considerazione alcuni organi pelvici, come utero, tube, vescica ed ovaie, visualizzandone la morfologia ed identificando eventuali masse atipiche o malformazioni.

L’ecografia pelvica concentra la propria attenzione sugli aspetti fisiologici dell’apparato genitale femminile, sul suo funzionamento in caso di disturbi e sulle sue patologie, di carattere sia benigno che maligno. È molto utile, ad esempio, per individuare in anticipo la presenza di fibromi o endometriosi, che potrebbero compromettere la capacità riproduttiva.

Per le donne fare prevenzione significa in primo luogo rassicurarsi sullo stato di salute del seno e degli organi pelvici, in quanto molte patologie scoperte in tempo utile possono essere tenute sotto controllo o addirittura sconfitte. Il messaggio importante da “sussurrare” ad ogni donna, quindi, è che non bisogna aspettare i sintomi per intervenire, ma si deve giocare in anticipo nella partita della vita.

Dopo gli screening del 19 febbraio, “Le Domeniche della Salute” proseguiranno con altre 8 tappe, “spalmate” fino al mese di maggio, la prossima delle quali è in programma domenica 5 marzo con l’appuntamento dedicato alle patologie della mammella.

La prevenzione è garanzia di futuro. Per questo “il Rotary pensa a te anche di domenica”.

“L’uccisione legale ed illegale degli animali”, il Prof. Orlando Paciello relatore al “Tasso” di Salerno

paciello-orlando-uccisione-illegale-animali-salerno-dicembre-2016-vivimediaSALERNO. Venerdì 16 dicembre 2016, dalle ore 16.00 alle ore 18.00, presso la Sala-Teatro della Scuola Secondaria di I grado “T. Tasso” di Salerno, si terrà la conferenza “L’uccisione legale ed illegale degli animali”, rientrante nell’ambito del progetto “Alimentazione, ambiente, rispetto per tutti i viventi. Questioni di bioetica”. Relatore il Prof. Orlando Paciello, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno, che si soffermerà sul maltrattamento degli animali e sul reato di animalicidio. Alla Campania il triste record dei crimini contro gli animali

Il maltrattamento degli animali ed il reato di animalicidio al centro del nuovo appuntamento con il Ciclo di Conferenze “Alimentazione, ambiente, rispetto per tutti i viventi. Questioni di bioetica”, organizzato nell’ambito delle attività extracurriculari dalla Scuola Secondaria di I grado “T. Tasso” di Salerno.

Venerdì 16 dicembre 2016, dalle ore 16.00 alle ore 18.00, il Prof. Orlando Paciello, Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Salerno, nonché docente di patologia generale e anatomia patologica veterinaria presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, affronterà la tematica “L’uccisione legale ed illegale degli animali”.

Un argomento quanto mai attuale ed un’emergenza particolarmente diffusa nella Campania, che detiene il triste record dei crimini contro gli animali gestiti dalla criminalità, come emerge dal Rapporto Zoomafia 2016 redatto dall’Osservatorio Zoomafia della LAV – Lega Anti Vivisezione.

Combattimenti tra cani, corse clandestine di cavalli, pesca di frodo, traffico di fauna selvatica e tratta di cuccioli tra le “tipologie” più radicate di sfruttamento illegale di animali. Addirittura si stima, in base ai dati forniti dalle varie Procure della Repubblica sul territorio regionale, che in Campania ogni 15 ore si apre un fascicolo per reati a danno di animali ed ogni 18 ore c’è un nuovo indagato.

Dati sicuramente allarmanti, che rendono particolarmente interessante l’appuntamento con il Prof. Orlando Paciello, la cui relazione sarà incentrata sui variegati aspetti del reato di animalicidio, introdotto nel Codice Penale italiano con l’art. 544-bis (“Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni”).

In realtà il maltrattamento degli animali è spesso il sintomo, soprattutto nei bambini e nei ragazzi, di un disturbo della condotta che va attentamente seguito e curato da esperti psicologi per prevenire ed evitare conseguenze ancor più gravi nell’adulto, che a volte possono sfociare in comportamenti aggressivi interspecifici fino all’omicidio.

Su questo e tanto altro ancora si soffermerà il Prof. Orlando Paciello. Appuntamento fissato, dunque, per venerdì 16 dicembre 2016, dalle ore 16.00 alle ore 18.00, presso la Sala-Teatro della Scuola Secondaria di I grado “T. Tasso” di Salerno, sita in via M. Iannicelli.

AIAPP, a Piano di Sorrento una “tre giorni” di Stati Generali ed iniziative

aiapp-giornata-nazionale-alberi-novembre-2016-piano-di-sorrento-vivimediaSORRENTO (NA). Venerdì 18 e sabato 19 novembre 2016, presso Villa Fondi a Piano di Sorrento (Na), si terrà l’Assemblea Nazionale dell’AIAPP – Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio. Domenica 20 novembre in programma nella stessa location un Seminario Pubblico sui “progetti di paesaggio” per la conservazione dinamica ed il rilancio del territorio. Al termine dei lavori l’AIAPP donerà simbolicamente un agrume da piantare in una scuola nell’ambito dell’iniziativa “Anche gli alberi migrano”, lanciata in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi

L’Assemblea Nazionale, un Seminario Pubblico, l’iniziativa “Anche gli alberi migrano”: importanti appuntamenti alle porte per l’AIAPP – Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, che dal 18 al 20 novembre 2016 vivrà a Piano di Sorrento (Na) un’intensa ed attesa “tre giorni”.

Membro di IFLA (International Federation of Landscape Architects) e di EFLA (European Federation of Landscape Architecture), l’AIAPP rappresenta dal 1950 i professionisti attivi nel campo del Paesaggio e raggruppa oggi circa 500 soci, impegnati a tutelare, conservare e migliorare la qualità paesaggistica del nostro Paese.

Sarà Villa Fondi, sita in via Ripa di Cassano 26-34, ad ospitare gli eventi organizzati dal Consiglio di Presidenza Nazionale e dalla Sezione AIAPP di Campania, Basilicata, Calabria. Il primo appuntamento in calendario è l’Assemblea Nazionale “AIAPP 2.0 Stati Generali”, che sarà aperta alle ore 12.00 di venerdì 18 novembre dai saluti istituzionali di Vincenzo Iaccarino, Sindaco di Piano di Sorrento, Carmela Cilento, Assessore comunale alla Cultura, Luigino Pirola, Presidente AIAPP Nazionale, e Francesco Santoro, Presidente Sezione AIAPP di Campania, Basilicata, Calabria. Spazio poi ai Tavoli di lavoro su Associazione, Formazione, Comunicazione, Professione e Laboratorio Sud. La giornata si chiuderà con una serata conviviale presso il Ristorante “Acqua Pazza”.

I Tavoli di lavoro continueranno nella mattinata di sabato 19 novembre, mentre nel pomeriggio si terrà la vera e propria Assemblea Nazionale, con la sintesi dei Tavoli di lavoro a cura dei vari coordinatori e la discussione/votazione dei progetti. In serata trasferimento nella vicina Sorrento (Na) per la Cena di Chiusura Lavori Assemblea.

L’indomani, domenica 20 novembre, si terrà il Seminario Pubblico “Il progetto di Paesaggio per la conservazione dinamica dei territori agricoli: nuovo motore dello sviluppo del territorio. Il ruolo dei riconoscimenti mondiali GIAHS e UNESCO”. Alla Tavola rotonda sull’argomento parteciperanno prestigiosi relatori, tra cui: Yoshihide Endo e Clelia Maria Puzzo, esponenti del GIAHS; Uta Mühlmann Zorzi, Delegato AIAPP IFLA; Vico Trotta, Responsabile Presidi Slow Food; Massimo Maresca, Presidente Italia Nostra Campania.

Si parlerà anche e soprattutto delle prospettive del GIAHS (Globally Important Agricultural Heritage Systems), riconoscimento della FAO. Obiettivo del programma GIAHS è individuare a livello mondiale alcuni paesaggi particolarmente ricchi in biodiversità e tutelarli applicando i principi della conservazione dinamica, facendo diventare quindi il paesaggio tradizionale il motore dello sviluppo rurale di queste aree.

A seguire (ore 12.00) sarà la volta della presentazione dell’iniziativa “Anche gli alberi migrano”, serie di appuntamenti organizzati in tutta Italia dall’AIAPP in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, in calendario il 21 novembre. Per alberi migratori si intendono tutte quelle specie che hanno compiuto grandi spostamenti nei secoli passati, alcune in tempi talmente remoti che oggi sono considerate originarie di alcune regioni (si pensi al cipresso, importato grazie agli Etruschi dalla Turchia, o agli agrumi provenienti dalla Cina e giunti in Sicilia tramite gli Arabi). Molte piante tipiche dei nostri territori, in alcuni casi diventate “simbolo identitario” del nostro paesaggio, provengono in realtà da altri continenti in virtù di una “migrazione” voluta dall’uomo.

A causa dei cambiamenti climatici, tuttavia, ci attende una lenta, ma inesorabile nuova migrazione spontanea delle specie, e non solo di esse! Tali cambiamenti determinano una crisi ambientale che porta con sé guerre e migrazioni forzate di popolazioni dal sud del mondo, che si vedono costrette a lasciare le loro terre. Una situazione determinata in gran parte dalla CO2 prodotta nelle aree urbanizzate. E proprio da qui si può ripartire per attenuare tali effetti nell’ottica dell’obiettivo “Zero CO2”. Sembra un paradosso, ma “gli alberi migrano e servono più alberi per attenuare le immigrazioni di alberi e persone”.

Per sensibilizzare i cittadini, e soprattutto le giovani generazioni, su quest’importante tematica l’AIAPP ha promosso una serie di iniziative – giochi collettivi, conferenze, letture, attività da svolgere con le scuole, flash mob – in ogni Sezione territoriale. Ed in particolare, a conclusione dei lavori dell’Assemblea Nazionale, domenica 20 novembre a Piano di Sorrento l’AIAPP donerà simbolicamente un agrume da piantare in una scuola, col proprio “passaporto” per raccontare a scolari e famiglie quanto questo splendido albero, che fa parte ormai della nostra tradizione e del nostro paesaggio, possa essere assunto a simbolo di “comunione fra i popoli” che ne condividono storia e tradizioni.

La “tre giorni” dell’AIAPP si concluderà con la visita (ore 12.30) dei partecipanti allo storico agrumeto “Il Pizzo”, sito a Sant’Agnello (Na), e con il rituale brindisi di saluto.

“PrimaVera” al Bodega e Giornata Mondiale dell’Autismo, “Il Grillo e la Coccinella” in prima linea

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Al Bodega di Cava de’ Tirreni (Sa) partiranno dal 31 marzo 2016 serate all’insegna di teatro, musica e solidarietà per sostenere le attività dell’Associazione Onlus “Il Grillo e la Coccinella”. Compagnie teatrali, attori, cantanti e dilettanti daranno vita a performance teatrali il cui ricavato sarà destinato alla Onlus impegnata nella lotta all’autismo. In programma anche un doppio appuntamento in occasione della IX “Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo”: sabato 2 aprile incontro al Rodaviva con Rita Francese, “mamma speciale” ed autrice del libero “Basta, vado a dormire!”; domenica 3 Santa Messa alla Chiesa del Purgatorio

«I momenti più belli della vita sono quelli che rendono bella anche la vita altrui». Con questo spirito dal 31 marzo 2016 al Bodega di Cava de’ Tirreni (Sa) parte l’iniziativa “PrimaVera al Bodega. Il teatro fatto da voi”, serate all’insegna di teatro, musica e solidarietà. Presso il locale del Borgo Scacciaventi attori, cantanti, compagnie teatrali e dilettanti daranno vita a simpatiche scenette finalizzate alla raccolta di fondi da destinare all’Associazione Onlus “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.”, da sempre in prima linea nella lotta all’autismo, che in occasione della IX “Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo” – in programma sabato 2 aprile 2016 – ha organizzato una serie di eventi sul territorio comunale.

Il cartellone degli appuntamenti è stato presentato questa mattina, venerdì 18 marzo, al Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni alla presenza di: Autilia Avagliano, Assessore comunale alle Politiche Sociali; Giovanni Del Vecchio, Consigliere comunale con delega alla Cultura; Vincenzo Lamberti, Consigliere comunale; Luigi D’Alessio, Psicopedagogista ASL Salerno – Servizio Adolescenti; Giovanni Vaglia, Presidente dell’Associazione “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.”; Antonio Miserendino, attore ed organizzatore degli spettacoli al Bodega; Massimiliano Memoli e Noemi De Rosa, titolari del Bodega Wine Bar. Alla conferenza stampa, durante la quale l’Assessore Avagliano ha comunicato l’intenzione di istituire un tavolo permanente sull’autismo, hanno partecipato anche Tania Lazzerotti, gli esponenti dell’Associazione “Autismo fuori il silenzio” di Pagani (Sa), Raffaele Satiro dell’Associazione “Progetto Agro Campania” e Geltrude Barba della Compagnia teatrale “Luca Barba”.

La “PrimaVera al Bodega. Il teatro fatto da voi” vedrà ogni giovedì sera, alle ore 21.30, professionisti del teatro e dilettanti cimentarsi in dialoghi, monologhi e sketch divertenti per strappare un sorriso ai presenti e soprattutto per abbattere il muro dell’indifferenza sul problema dell’autismo. In prima linea ci sarà soprattutto il pubblico, che potrà liberamente destinare un contributo per aiutare “Il Grillo e la Coccinella” nella sua quotidiana attività volta a sostenere sia i bambini ed i ragazzi colpiti dallo spettro autistico che le loro famiglie. Musica, divertimento e tanta solidarietà: saranno questi gli ingredienti che caratterizzeranno le serate in programma al Bodega di Corso Umberto I, 111.

Ad inaugurare la kermesse sarà giovedì 31 marzo 2016 la compagnia teatrale “C’è Permesso”. Il giovedì successivo, 7 aprile, toccherà alla compagnia teatrale “Luca Barba”. Dopo questi primi due appuntamenti teatrali sarà, poi, la volta della musica: giovedì 14 aprile spazio al “Juke Box Umano” a cura di Umberto Santoriello e di “Cor a Cor live band”; il 21 aprile in scena la “Tammurriata” di Christian Brucale (voce e tamburo). Per ulteriori informazioni sulla rassegna è possibile consultare la Facebook Page Bodega Wine Bar, dove saranno di volta in volta comunicate le altre date del cartellone, oppure contattare Antonio Miserendino al numero 334.8155484 (WhatsApp).

Spettacolo, ma non solo. In occasione della “Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo”, in calendario sabato 2 aprile 2016, l’Associazione “Il Grillo e la Coccinella” ha organizzato un importante doppio appuntamento, finalizzato ad illuminare le coscienze sulla problematica che attanaglia un numero sempre crescente di famiglie. Durante la giornata mondiale istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e di cui quest’anno si celebrerà la IX edizione, al Bar Libreria Rodaviva di via Montefusco 1 si terrà alle ore 18.00 l’incontro-confronto con Rita Francese, autrice e soprattutto madre di un figlio autistico, la quale ha raccontato la sua esperienza di vita e di “mamma speciale” nel lavoro editoriale “Basta, vado a dormire!” (Les Flaneurs Edizioni).

La “Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo” è ormai nota anche come “Blue Day”, ossia la “Giornata Blu”. In moltissime città del mondo palazzi, monumenti e strutture di rilievo vengono illuminati con luci, candele e palloncini blu per dare risalto all’iniziativa. Sarà così anche a Cava de’ Tirreni in virtù della manifestazione promossa dall’Associazione “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.” per sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica sulla patologia autistica. L’Associazione “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.” invita, pertanto, i cittadini cavesi ad indossare un capo blu nella giornata di sabato 2 aprile. Sarà illuminato di blu pure il Bodega Wine Bar, il cui staff lancia la proposta anche alle altre attività commerciali del centro storico di abbellire di blu il proprio esercizio. Un gesto semplice e visibile per testimoniare la propria solidarietà e vicinanza alle tante persone che soffrono dei disturbi dello spettro autistico.

Il giorno dopo, domenica 3 aprile, alle ore 9.30, sarà celebrata una Santa Messa nella Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo e delle Anime del Purgatorio (meglio nota come Chiesa del Purgatorio), cui seguirà la benedizione degli associati. Successivamente avrà luogo un momento conviviale presso la sede de “Il Grillo e la Coccinella”, sita in via Can. A. Avallone nei locali concessi gratuitamente dall’Arciconfraternita di Santa Maria Assunta in Cielo e delle Anime del Purgatorio.

Per info e contatti:
Associazione Onlus “Il Grillo e la Coccinella”, via Can. A. Avallone 9 – 84013 Cava de’ Tirreni (Sa). Tel. 392.2761718 (Giovanni Vaglia); www.ilgrilloelacoccinella.it – info@ilgrilloelacoccinella.it

AR Italy presenta l’italian lifestyle al TTG Incontri di Rimini

bevanda-al-limone-vivimediaRIMINI. Dall’8 al 10 ottobre 2015 “AR Italy”, piattaforma di territorio 2.0 ideata dall’agenzia di comunicazione MTN Company, parteciperà alla 52ª edizione del “TTG Incontri” di Rimini, il più grande marketplace in Italia per il settore dei viaggi, dell’accoglienza e del tempo libero. Promuovere l’italian lifestyle attraverso i sapori tipici ed i marchi che hanno fatto la storia del Belpalese la finalità del progetto. Le Associazioni “Ristoratori Città di Vietri sul Mare-Costa d’Amalfi” e “Brigata Cilentana” prepareranno degustazioni tipiche.

Un viaggio tra le eccellenze ed i sapori d’Italia per presentare ad un pubblico internazionale le tipicità del Belpaese e promuovere il modo di vivere all’italiana: dall’8 al 10 ottobre 2015 “AR Italy”, progetto di territorialità digitale a cura dell’agenzia di comunicazione MTN Company di Cava de’ Tirreni (Sa), sarà presente al Rimini Fiera per l’evento “TTG Incontri”, la più importante fiera B2B per l’industria del turismo, con oltre 50mila professionisti del settore che ogni anno si danno appuntamento nella città romagnola per tenersi aggiornati sulle ultime novità del settore.

Un autentico passo da gigante per il progetto di territorio 2.0, la cui sigla “AR” indica un percorso, un itinerario culturale e turistico, una meta ideale e concreta, alla scoperta di un territorio, della sua storia, delle sue tradizioni e delle sue bellezze. “AR” sta per il contrassegno postale, la partenza ed il ritorno di un documento importante di cui si deve tenere traccia; “Italy” per la meta, appunto, di destinazione.

Nella 52ª edizione della più importante “piazza affari” del turismo in Italia, dove ogni anno i principali decision maker del settore si incontrano per stabilire relazioni e decidere le nuove strategie, “AR Italy” presenterà la filosofia alla base del progetto. Punto di partenza sarà il settore food, dato che la cucina italiana è riconosciuta da sempre come la più buona ed invidiata nel mondo.

Nello specifico, al “TTG Incontri” saranno esposti prodotti tipici del territorio campano (luogo di partenza del progetto “AR Italy”), dotati di un qr code AR Italy, il cui scatto permetterà all’operatore turistico presente in fiera di ricevere maggiori informazioni su azienda produttrice, processo di realizzazione e così via. Quattro chef dell’Associazione “Ristoratori Città di Vietri sul Mare-Costa d’Amalfi”  ed altrettanti dell’Associazione “Brigata Cilentana” si alterneranno nella preparazione di degustazioni, piatti e ricette tipiche della Costiera Amalfitana e Cilentana, fornendo al pubblico tutte le informazioni circa l’origine, la provenienza e l’abbinamento di sapori.

Nel dettaglio, nella mattinata di giovedì 8 ottobre (dalle ore 9.00 alle ore 13.00) “AR Italy” sarà impegnata nell’area “Meet&Match”, un’opportunità unica riservata ad espositori e co-espositori di “TTG Incontri” per rendere ancora più efficace la partecipazione alla fiera. Un momento di speed contact che anticipa gli appuntamenti in calendario con i numerosi buyer presenti a “TTG Incontri” e provenienti da oltre 60 Paesi. Nel pomeriggio, invece, “AR Italy” parteciperà al workshop “Travel Association Day”, riservato agli espositori dell’area Italia che incontreranno oltre 100 CRAL tra i migliori e più grandi d’Italia ed appartenenti a FITEL Nazionale – Federazione Italiana Tempo Libero.

L’indomani, venerdì 9 ottobre, “AR Italy” sarà di scena al “Meet Your Blogger Day”, l’evento dedicato al mondo dei blogger focalizzato sulla presenza di sessioni B2B interattive di incontro tra il trade ed i travel blogger. Uno spazio, questo, dove gli operatori B2B dell’industria turistica ed i blogger nazionali ed internazionali dei cluster culture, wine&food, outdoor e luxury si confronteranno per pianificare futuri business. Tutti e tre gli appuntamenti si svolgeranno nel padiglione C3 della fiera.

Inoltre, per l’intera durata della manifestazione “AR Italy” gestirà anche la zona Buyers Lounge, immediatamente esterna all’area degli incontri B2B. Uno spazio riservato ai soli operatori fieristici, che avranno modo di rilassarsi e ritemprarsi tra un appuntamento ed un altro. Qui sarà loro offerta una bevanda rinfrescante (granita al limoncello o alla “cicerenella” – tipiche della Costiera Amalfitana) da parte di “Amalfi Lemon Tour / La Valle dei Mulini” di Salvatore Aceto, coadiuvato dal barman Antonio Anastasio. In più, sempre in questa zona della fiera, gli operatori di settore verranno sottoposti ad una simpatica intervista sui modi di dire tipici italiani e caratteristici delle zone dell’entroterra del Belpaese.

Rino Di Martino sbanca il “Premio Li Curti”

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Emozionante cerimonia di premiazione sabato 12 settembre a Cava de’ Tirreni (Sa) della V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”. Autentico trionfo per Rino Di Martino, che ha vinto sia il riconoscimento per il “Miglior attore” che il “Premio alla carriera”. A Carmine Borrino il premio per la “Migliore regia”. I vincitori premiati dal giornalista Gianluigi Laguardia. La Direttrice Artistica Geltrude Barba: «Un sentito grazie a tutti quelli – e ne sono sempre di più – che credono nella Cultura e nel Teatro». Le migliaia di spettatori accorsi in Piazza Duomo “esaltati” anche dalla musica dei Via Toledo e dalla comicità di Mariano Bruno, il celebre “Pigroman” di “Made in Sud”

Un parterre d’eccezione, una magica location ed un protagonista assoluto: il Teatro di qualità. Scoppiettante cerimonia di premiazione, lo scorso sabato 12 settembre a Cava de’ Tirreni (Sa), della V Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”.

Migliaia di persone hanno assistito nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele III (meglio nota come Piazza Duomo) alla serata finale della kermesse promossa dal Teatro Luca Barba e diretta da Geltrude Barba, i cui spettacoli sono andati in scena dal 17 luglio al 2 agosto 2015 presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella.

Inserita nell’ambito dei “Solenni Festeggiamenti in onore della Beatissima Vergine dell’Olmo”, Celeste Patrona della città metelliana, ed egregiamente presentata da Carmela Novaldi, la manifestazione è stata caratterizzata dall’assegnazione di tre premi: “Miglior attore”, “Migliore regia” e “Premio alla carriera”. A tributarli una giuria tecnica composta dal maestro, regista ed attore Antonello De Rosa, dall’attrice professionista Carolina Damiani e dalla giornalista Paola La Valle.

Autentico trionfo per Rino Di Martino, protagonista unico dello spettacolo “Mamma. Piccole tragedie minimali”, che ha vinto sia il riconoscimento per il “Miglior attore” che il “Premio alla carriera”. Il premio per la “Migliore regia” è andato invece a Carmine Borrino, regista dello spettacolo “Francischiello. Un Amleto re di Napoli”.

A premiare i vincitori è stato il giornalista Gianluigi Laguardia, protagonista della trasmissione “Storie Vere” in onda su Rai 1, che ha rimarcato il grande lavoro svolto dagli organizzatori del “Premio Li Curti” ed ha sottolineato la valenza e l’importanza della Cultura, del Teatro, della Danza e dello Sport per impegnare i giovani ed allontanarli dai fenomeni della devianza sociale: «Custodirò tra i miei ricordi questa emozionante serata, con tutto l’affetto ed il calore testimoniatomi dai tanti cavesi presenti».

Soddisfatta la Direttrice Artistica Geltrude Barba: «Il merito del successo va a tutta la “squadra” che ha lavorato per questa V edizione del “Premio Li Curti”. Un sentito grazie a tutti quelli – e ne sono sempre di più – che credono nella Cultura e nel Teatro. Noi ci crediamo da sempre e continueremo a proporre iniziative che li esaltino».  

Una serata dalle emozioni infinite, quella vissuta nella città metelliana. Dopo le attese premiazioni del “Li Curti”, infatti, spazio ai “trascinanti” ritmi dei Via Toledo, il cui apprezzatissimo repertorio di celebri brani della canzone classica napoletana ha mandato in visibilio il foltissimo pubblico.

E come ciliegina sulla torta l’irresistibile comicità di Mariano Bruno, il celebre “Pigroman” di “Made in Sud”, le cui esilaranti battute hanno fatto calare in modo spumeggiante il sipario sulla serata e sull’intera Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”, che ha goduto del patrocinio della Città di Cava de’ Tirreni, della locale Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo e di AR Italy – Italian Lifestyle.

Aspettando il “Premio Li Curti”, il 9 ed il 16 luglio in scena le anteprime

aspettando-premio-licurti-cava-de'-tirreni-luglio-2015-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Due spettacoli “fuori concorso” per aprire il sipario sulla V edizione della Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”: sono “Non mi dire te l’ho detto” e “Family Match”, in programma rispettivamente giovedì 9 e giovedì 16 luglio a Cava de’ Tirreni (Sa), presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella. Scritta e diretta da Paolo Caiazzo, il famoso “Tonino Cardamone” di “Made in Sud”, la rappresentazione “Non mi dire te l’ho detto” sarà messa in scena dall’Associazione Tisette – Gruppo del Pierrot. “Family Match”, invece, vedrà sul palco Pippo Cangiano, migliore attore della III edizione del “Premio Li Curti”, e sua figlia Viviana

Due rappresentazioni teatrali che faranno da anteprima alla V edizione della Rassegna Teatrale “Premio Li Curti”. Appuntamento a Cava de’ Tirreni (Sa), presso la Corte Rinascimentale di Casa Apicella, sita in via Carlo Santoro 71, giovedì 9 luglio con “Non mi dire te l’ho detto” e giovedì 16 luglio con “Family Match”. Gli spettacoli, entrambi in programma alle ore 20.30, non concorreranno alla rassegna dedicata al grande Totò, che si svolgerà nella stessa location dal 17 luglio al 2 agosto 2015.

Dopo il successo riscontrato durante la rassegna invernale, a grande richiesta tornerà, dunque, sul palco del “Li Curti” la commedia in due atti “Non mi dire te l’ho detto”, scritta e diretta da Paolo Caiazzo (in arte “Tonino Cardamone”, protagonista della seguitissima trasmissione “Made in Sud”, in onda su Rai 2), che sarà presentata dall’Associazione artistico-culturale Tisette – Gruppo del Pierrot. Con scene di Massimo Malavolta, costumi di Maria Pennacchio e direzione di scena di Mirella Pensa, giovedì 9 luglio il “Gruppo del Pierrot” rappresenterà una storia di “superba” attualità, incentrata sui social network e sui loro rapporti con i sentimenti. Con tanti equivoci e fragorose risate legate alla modernità del tema ed alla spontaneità partenopea. Lo spettacolo sarà interpretato da Paola Maddalena, Luciano Cimmino, Gianni Romano, Nino Cacace, Antonello Gargiulo, Maria Pennacchio ed Anna Prinster.

Giovedì 16 luglio, sempre alle ore 20.30, sarà la volta dello spettacolo musicale “Family Match”, con la regia di Riccardo Citro e l’accompagnamento musicale del maestro Vittorio Cataldi (pianoforte). In scena Pippo Cangiano, migliore attore della III edizione della Rassegna Teatrale Premio “Li Curti”, e sua figlia Viviana.

Pippo Cangiano, attore da trent’anni e padre di Viviana Cangiano, attrice da un decennio, decidono di fare uno spettacolo insieme. Ma lo scontro generazionale prevale sulla serenità che ci si auspicava dalla serata. Ne nasce una “lotta” divertente e brusca, senza limiti di colpi. In scena si alternano forme di spettacolo nuove ed antiche, con gli artisti che si scambiano continuamente i generi. Fuori dal palcoscenico le cose procedono tranquille e rispettose, ma sul palco è un creativo inferno, dal quale scaturirà un finale inaspettato e sorprendente.

Il costo del biglietto per ogni spettacolo è pari a € 10,00. Il botteghino aprirà due ore prima delle rappresentazioni. Per prenotazioni e/o maggiori informazioni è possibile contattare Geltrude Barba, Direttore artistico del “Premio Li Curti”, al numero 393.3378060 o tramite email all’indirizzo geltrudebarba@hotmail.it. Ulteriori notizie sono consultabili sul sito www.premiolicurti.com. 

“Parla una donna”, al Rodaviva Antonio Corbisiero fa rivivere il testo di Matilde Serao

rodaviva-presentazione-libri-aprile-2014-cava-de'-tirreni-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Giovedì 9 luglio al Bar Libreria Rodaviva di Cava de’ Tirreni (Sa) Antonio Corbisiero presenterà “Parla una donna”, libro pubblicato da Matilde Serao nella primavera del 1916, in pieno conflitto mondiale. L’autrice dedicò il libro a tre dei suoi quattro figli che erano in quel momento soldati: Antonio, Paolo e Vittorio. Il testo è inserito nella collana “Sommersi&Salvati”, ideata da Corbisiero per recuperare autori e testi dimenticati. Sarà presente anche la ricercatrice Nunzia Soglia

Giovedì 9 luglio, alle ore 19.00, importante appuntamento letterario al Rodaviva di Cava de’ Tirreni (Sa). Antonio Corbisiero presenterà il libro di Matilde Serao, “Parla una donna”, per i tipi Edizioni “Il Grappolo”, inserito nella collana “Sommersi&Salvati” da lui ideata per recuperare autori e testi dimenticati. Con Corbisiero interverrà la ricercatrice Nunzia Soglia, che ha curato l’introduzione al testo.

“Parla una donna” celebra entusiasticamente le donne italiane attraverso esempi puntuali di virtù, onestà, pietà ed eroismo. Il libro, pubblicato nella primavera del 1916 - in pieno conflitto mondiale – raccoglie gli scritti di guerra apparsi sul “Giorno” tra il maggio 1915 ed il marzo 1916. L’autrice dedicò il libro a tre dei suoi quattro figli che erano in quel momento soldati, che «servono la Patria con fedeltà ed onore»: Antonio, caporale di Fanteria; Paolo, sottotenente del Genio; Vittorio, tenente di Fanteria.

Dopo una ristampa datata 1921, il testo è rimasto pressoché nel silenzio. La Serao si identifica soprattutto con «quelle madri ostinate in una sublime speranza: e che non avendo notizie di un figlio da sei mesi, da un anno, da quindici mesi, seguitano a scrivere, ovunque, seguitano a dirigersi, a tutti, seguitano a mettere avvisi nei giornali esteri, per sapere qualcosa di uno scomparso». Attraverso prose di guerra, questa maestra di giornalismo«la più grande pittrice di folle che abbia dato il nostro verismo», come la giudicò Momigliano - ha saputo cogliere l’intimo e vario travaglio della donna e soprattutto della madre italiana, ricomponendone gli elementi di identità allora prevalenti, «per un bisogno di proclamare tanta purezza di abnegazione, tanta altitudine spirituale».