Politica & Amministrazione

 

Liste di attesa e prestazioni, bilancio positivo dal confronto tra Consulta degli Anziani e Asl

area-via-alfani-via-potenza-strade-limitrofe-pontecagnano-faiano-settembre-2017-vivimediaPONTECAGNANO FAIANO (SA). Snellire le liste di attesa e incrementare l’efficienza di tutti i servizi. Sono i temi al centro dell’incontro tra il Presidente della Consulta Comunale degli Anziani Domenico Landi e il Direttore del Distretto sanitario 68 dell’Asl Salerno Pasquale Melillo. 

A promuovere il nuovo momento di confronto è stata l’Amministrazione Comunale, su impulso del Sindaco Ernesto Sica e dell’Assessore alle Politiche Sociali Francesco Pastore. 

Il Presidente Landi ha, infatti, sottoposto all’Azienda sanitaria locale le istanze pervenute allo Sportello sociale di villa Crudele gestito dalla Consulta in collaborazione con l’Onmic.

 A tal proposito, è stato sollecitato un abbattimento dei tempi di attesa per le visite specialistiche e una riorganizzazione di una serie di prestazioni a favore dei cittadini, in particolare la terapia anticoagulante orale per i pazienti allettati. 

“La necessità di venire maggiormente incontro alle esigenze dell’utenza – dichiara il Presidente della Consulta Domenico Landi – è stata più volte espressa dall’Amministrazione Comunale all’Azienda sanitaria anche in un’ottica di rafforzamento della sinergia tra le due istituzioni. Siamo, pertanto, soddisfatti per l’esito dell’incontro e fiduciosi in una rapida risoluzione delle problematiche in quanto il Direttore Melillo, nonostante rivesta da poco il prestigioso incarico, ha ribadito grande impegno rispetto alle criticità rappresentate dal nostro Sportello sociale con una riorganizzazione che potrà assicurare una maggiore efficienza di tutti i servizi”.

Consiglio comunale: approvato il bilancio consolidato 2016

enrico-polichetti-vicesindaco-cava-de-tirreni-novembre-2017-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Nella seduta del Consiglio comunale di ieri pomeriggio, mercoledì 15 novembre, è stato approvato il bilancio consolidato per l’esercizio 2016. Nello specifico, il bilancio 2016 ha riportato un utile di oltre 2milioni e 100mila euro.

Inoltre, l’Assise cittadina ha, all’unanimità, espresso un giudizio negativo sugli effetti del trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’unione economica e monetaria (fiscal compact) e dato mandato al Sindaco Servalli di rappresentare tale decisione al Parlamento e all’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), chiedendo che tale trattato non venga ratificato. Il punto all’ordine del giorno era stato proposto dal Consigliere Marco Galdi.

Approvata anche la variazione di bilancio di previsione 2017/2019 di circa 500 mila euro, per la messa in sicurezza di istituti scolastici, il finanziamento di eventi natalizi e di interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Nella seduta consiliare di ieri è stato approvato il Bilancio Consolidato 2016 che rappresenta una novità per il nostro ente, trattandosi della prima applicazione dell’istituto alla nostra realtà secondo il dettato del D.Lgs. 118/2011. Esso rappresenta uno strumento informativo primario sul risultato economico, patrimoniale e finanziario del bilancio dell’Ente che persegue le proprie funzioni anche attraverso enti strumentali, organismi e società partecipate.

L’assessore Adolfo Salsano ha sottolineato che per quanto riguarda il risultato economico consolidato esso è positivo ed è pari a euro 2.165.621,94 euro. Il lavoro ha permesso di ottenere una visione completa delle consistenze patrimoniali e finanziarie del gruppo di amministrazione pubblica. 

Ad inizio del Consiglio comunale c’è stato anche l’avvicendamento nel ruolo di vice sindaco tra l’uscente assessore Nunzio Senatore con l’assessore Enrico Polichetti, in una logica di alternanza tra i due Consiglieri comunali maggiormente votati dai cavesi nelle scorse elezioni amministrative. Il nuovo vicesindaco, Enrico Polichetti, ha sottolineato lo spirito di assoluta dedizione alla città ed ai concittadini, di leale collaborazione con gli uffici comunali per fornire il miglior servizio possibile ai cavesi, ha ringraziato il sindaco Servalli, il predecessore Nunzio Senatore ed anche la famiglia ed il padre per il sostegno al suo impegno per la Città, con un pensiero particolare alla scomparsa mamma. 

Nel corso dell’Assise cittadina è stato ufficializzato anche il passaggio della consigliera Paola Landi, dal gruppo consiliare Cava Civile a quello del Partito Democratico.

Due opere in due giorni: asilo nido e restyling di Pareti Pucciano

NOCERA SUPERIORE (SA). Nel week-end Cuofano consegna il primo asilo nido comunale ed avvia i lavori nei due borghi antichi.

Open Day con famiglie e bambini, sabato, posa della prima pietra dei lavori di riqualificazione di Pareti Pucciano, domenica.

Un week-end all’insegna delle opere pubbliche quello scandito dal sindaco Giovanni Maria Cuofano, che ha iniziato sabato mattina con l’inaugurazione dell’asilo nido comunale, il primo, e conclusosi domenica a mezzogiorno con la posa della prima pietra dei lavori di riqualificazione urbana che interesseranno le due storiche frazioni di Pareti e Pucciano. 

«Dopo la scuola di Portaromana realizzata e consegnata ad ottobre scorso insieme all’assessore regionale Lucia Fortini, l’asilo nido comunale è un altro obiettivo programmatico raggiunto da quest’amministrazione – sottolinea Cuofano – gli ambienti non sono spazi angusti e ricavati in garage, ma sono ampi, luminosi, sicuri e sani ripresi da aule in disuso della scuola elementare Marco Polo». 

Led, marciapiedi, sottoservizi, aree verdi: la nuova Pareti Pucciano riparte da un piano di riqualificazione pronto ad essere avviato nel giro di 15 giorni e destinato a dare ai due borghi storici di Nocera Superiore una dimensione europea della mobilità, delle memoria e dell’efficienza energetica. 

«Recupero e rigenerazione: sono queste le due parole-chiave che scandiscono il piano di riqualificazione urbana – ha detto il primo cittadino – con l’intervento andiamo a recuperare la storia antica di questi bellissimi borghi rigenerando gli spazi con architettura e materiali di qualità come il cocciopesto». 

Le arterie principali interessate dall’intervento sono via Pareti, via Pucciano, via San Ciro, via Cupa San Giovanni, via Cavour.

Al via l’isola ecologica itinerante

isola-ecologica-2-via-angeloni-cava-de-tirreni-agosto-2013-archivio-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). “Se la frazione non va alla Metellia, la Metellia va alla Frazione”. Questo lo slogan della campagna di raccolta dei Raee, (condizionatori e frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, tv e monitor, piccoli elettrodomestici e PED (telefoni, modem, stereo, informatica), lampade a led, a neon e fluorescenti), iniziata lunedì scorso, avviata dall’Amministrazione Servalli e realizzata dalla Metellia Servizi.

Ogni prima settimana del mese, un automezzo attrezzato della Metellia Servizi, si soffermerà, dal lunedì al venerdì, nelle piazze delle frazioni per dar modo ai cittadini di disfarsi di tutti i cosiddetti Raee ed anche di batterie stilo, ministilo e torce, comprese le batterie dei cellulari. 

Domani, giovedì 9 novembre, l’isola ecologica itinerante sarà in località San Giuseppe al Pozzo, dalle ore 9.00 alle 9.45 – alla frazione Pregiato, dalle ore 10.00 alle 10.45 – alla località Sant’Anna all’Oliveto, dalle ore 11.00 alle 11.45 e alla frazione Santa Lucia dalle ore 12.00 alle 13.00. Venerdì 10 novembre, invece, la raccolta sarà effettuata alla località Pianesi dalle ore 9.00 alle 9.30 – alla frazione Sant’Arcangelo, dalle ore 9.45 alle 10.30 – alla frazione Passiano dalle ore 10.45 alle 11.30 – alla località Santa Maria del Rovo, dalle ore 11.45 alle 12.15 – e alla località San Martino, dalle ore 12.30 alle 13.00. 

Questo il calendario per ogni prima settimana del mese: Lunedì, Corpo di Cava (ore 9.00 – 10.00) – San Cesareo (ore 10.15 – 11.30) – Castagneto (ore 11.45 – 13.00); Martedì, Croce (ore 9.00 – 9.45) – Maddalena (ore 10.00 – 10.45) – San Pietro (ore 11.00 – 12.00); Annunziata (ore 12.15 – 13.00); Mercoledì, Arcara (ore 9.00 – 9.30) – Alessia (ore 9.45 – 10.15) – Marini (ore 10.15 – 10.45) – SS.Quaranta (ore 11.00 – 11.30) – Dupino (ore 11.45 – 12.15) – Rotolo (ore 12.30 – 13.00); Giovedì, San Giuseppe al Pozzo (ore 9.00 – 9.45) – Pregiato (ore 10.00 – 10.45) – Sant’Anna all’Oliveto (ore 11.00 – 11.45) -Santa Lucia (ore 12.00 – 13.00); Venerdì, Pianesi (ore 9.00 – 9.30) – Sant’Arcangelo (ore 9.45 – 10.30) – Passiano (10.45 -11.30) – Santa Maria del Rovo (ore 11.45 – 12.15) – San Martino (ore 12.30 – 13.00).

Un ulteriore canale di raccolta è stato riservato alle scuole secondarie di primo e secondo grado del territorio comunale e ulteriori punti di consegna sono disponibili presso il Palazzo di Città, gli uffici comunali di via Schreiber ed alla Metellia Servizi, oppure su prenotazione chiamando il Numero Verde Chiamambiente 840 000 310 attivo anche per fornire anche ogni informazione.

Doppia cerimonia al Sacrario Militare di Cava per le due nuove targhe commemorative dei caduti in guerra

intitolazione-targhe-caduti-cimitero-cava-de-tirreni-2-novembre-2017-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). “La vita è fragile ma preziosa e quindi va sempre onorata”. Questo il messaggio veicolato da don Giuseppe Nuschese ricordando, stamattina, in occasione della consueta celebrazione del Comitato per il Sacrario Militare dedicata ai defunti nel cimitero di Cava de’ Tirreni in attesa della solennità pomeridiana con un evento senza precedenti, l’inaugurazione delle lapidi con i nominativi di 713 eroi morti in guerra.
La parte più numerosa con quasi 500 caduti della prima guerra mondiale è stata disposta a sinistra della chiesa madre quindi, a destra le oltre 200 denominazioni dei morti durante la seconda guerra mondiale per un totale di 712 persone cui è stato aggiunto Massimiliano Randino, scomparso tragicamente nel 2009, come “caduto in missione di pace”.
L’opera ideata dal comitato cavese in collaborazione con il comune rappresenta per la città metelliana una pagina di storia. “Le targhe – sottolinea il presidente del comitato per il Sacrario Militare Daniele Fasano- sono state ideate da mio padre, il grand’Ufficiale Salvatore Fasano che dopo anni di studi le raccolse idealmente nella sua opera L’Albo D’Oro dei caduti cavesi, ed oggi sono finalmente realtà”. Commozione da parte di tutti. “I caduti in guerra hanno sacrificato la propria vita per noi – rivela don Giuseppe- come noi anche loro avevano tante speranze, sogni e desideri che hanno infranto per regalarci un mondo migliore. Abbiamo quindi il dovere di custodire nel nostro cuore la pace”.
Tantissimi fedeli hanno affollato il sacrario cavese in attesa della solennità delle 15 quando un corteo è partito dal sacrario dove è stata deposta una corona d’alloro per portarsi, in processione, e raggiungere la chiesa madre, luogo in cui alla presenza del picchetto d’onore del Battaglione Guide di Salerno c’è stata l’attesissima inaugurazione.
“Oggi è un bel giorno per la nostra città – sottolinea Daniele Fasano – si porta a compimento quel sogno iniziato tanto tempo fa da mio padre. L’emozione era già sul volto dei componenti del comitato felici ma increduli quando, qualche mese, fa con il sindaco Vincenzo Servalli e l’assessore Enrico Polichetti si è concretizzata questa possibilità.
Ho visto vere lacrime balenare negli occhi dei coniugi Randino quando hanno saputo dell’aggiunta del suo nome sulle lapidi”. Alla cerimonia hanno preso parte in tantissimi. In particolare hanno presenziato il presidente del Comitato per il Sacrario Militare Daniele Fasano, il Grand’Ufficiale Salvatore Fasano, il Sindaco Vincenzo Servalli, il vicesindaco Nunzio Senatore, l’assessore Enrico Polichetti, Monsignor Orazio Soricelli Vescovo della Arcidiocesi Amalfi-Cava, i componenti del comitato per il Sacrario Militare Lucio Cesareo, Gerardo Canora, Vincenzo Lamberti, Maddalena Annarumma, Antonio Proto con l’associazione Bersaglieri, Vincenzo Consalvo, Roberto Catozzi, Angelo Canora, Antonio Pisapia, Gennaro Vituliano, Carlo De Martino, Beatrice Sparano, Matteo Fasano, Francesco Di Salvio, i genitori e familiari di Massimiliano Randino.
Presenti le municipalità, l’associazione Carabinieri, l’associazione nazionale polizia di Stato Sezione di Salerno con il presidente Cav. Gianpietro Morrone e le altre associazioni del territorio, le più alte autorità civili, politiche e militari, tra cui il reggimento Vulture di Nocera, la polizia locale, il reggimento “Cavalleggeri Guide” di Salerno che ha omaggiato il momento con un picchetto d’onore. (Lara Adinolfi)

Mercatini di Natale: pronto il bando

mercatini-di-natale-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Pubblicato il bando per l’assegnazione di spazi ad associazioni, società e gruppi economici, ai fini di esposizione/vendita su area pubblica in occasione del Natale 2017, dal 1 dicembre 2017 all’8 gennaio 2018.

Le aree individuata per l’allestimento dei mercatini, sono piazza Abbro, via Tommaso Cuomo, viale Crispi, villa Comunale “Falcone e Borsellino”, congiungente piazza Abbro e piazza Vittorio Emanuele III ( piazza Duomo) e villa Schwerte di via Veneto.

“Anche quest’anno la città sarà animata dai mercatini di natale – dichiara l’assessore alle Manifestazioni ed Eventi Enrico Polichetti – che rientrano tra le iniziative natalizie programmate dall’Amministrazione Servalli. Cava de’ Tirreni è un palcoscenico naturale che esprime al meglio l’aria di natale, con i portici illuminati, il grande albero, le tante manifestazioni e i bellissimi presepi storici come quello del Convento di San Francesco ed artistici di grandissimo pregio. Stiamo cercando di allargare i punti di interesse anche in altre aree della città e sono certo che anche quest’anno avremo un ottimo riscontro di visitatori”.

Le tipologie dei prodotti esposti per la vendita al pubblico, dovranno essere, strettamente, rapportate al tema del Natale ( prodotti dolciari, , addobbi natalizi, giocattoli, presepi, pastori, libri, dischi e cd a tema , fiori, artigianato, oggettistica, opere dell’ingegno e dell’ hobbistica a tema natalizio).

Il bando è consultabile sul sito del Comune www.cittadicava.it, nella sezione Suap e le domande dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo del Comune, in via Tommaso Cuomo, entro e non oltre le ore 12.00, del 17 novembre 2017

“I mercatini – dichiara l’Assessore alle Attività Produttive Barbara Mauro – aggiungono fascino offrendo odori, sapori, colori e piccoli doni legati al Santo Natale e sono un deciso richiamo per i turisti ma anche per gli stessi cavesi che si ritrovano nell’atmosfera natalizia che a Cava de’ Tirreni è sempre particolare”.

Il Museo “Gli Etruschi di Frontiera” incanta la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum

01-borsa-mediterranea-turismo-archeologico-pontecagnano-faiano-ottobre-2017-vivimediaPONTECAGNANO FAIANO (SA). Grande interesse per il Museo “Gli Etruschi di Frontiera” alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. 

Grazie alla sinergia tra l’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Ernesto Sica, e il Giffoni Experience, diretto da Claudio Gubitosi, la XX edizione del famoso salone espositivo di Paestum ospita uno stand interamente dedicato al patrimonio storico di Pontecagnano Faiano. 

A ribadire sinergia e obiettivi, questa mattina, un momento di condivisione particolarmente seguito e apprezzato. 

“Siamo davvero orgogliosi – le parole dell’Assessora alla Cultura Lucia Zoccoli – di aver creato le condizioni per presentare la nostra casa della cultura in una vetrina così prestigiosa. Fondamentale, ancora una volta, è la sinergia tra Comune, Giffoni Experience e Direzione del Museo. Mi preme, a tal proposito, rinnovare i ringraziamenti alla Direttrice Luigina Tomay, per una collaborazione sempre più proficua, e al Direttore del Gex Claudio Gubitosi, per la sua lungimiranza rispetto a un’idea di promozione condivisa dei Picentini”. 

“‘Gli Etruschi di frontiera’ – ha aggiunto, a tal proposito, l’Assessora Zoccoli – non è soltanto patrimonio di Pontecagnano Faiano, ma di tutta la Regione e dell’intero Paese. Pertanto ribadisco l’appello agli amministratori del nostro comprensorio affinché possano inserirlo nella propria agenda amministrativa. Noi siamo impegnati a rafforzare le iniziative del Museo collegandole alle nostre e riteniamo che, solo tramite intese con realtà come quella di Paestum e tutto ciò che promuove un percorso vincente di attrazione turistica, sia possibile rilanciare il nostro patrimonio. Pontecagnano Faiano sta facendo la sua parte e auspichiamo il prezioso contributo di tutti”.

02-borsa-mediterranea-turismo-archeologico-pontecagnano-faiano-ottobre-2017-vivimedia“Un’occasione preziosa – le parole della Direttrice Luigina Tomay - per promuovere il nostro Museo. E’ d’obbligo un ringraziamento al Comune di Pontecagnano Faiano, al Giffoni Experience e alla Dirigente del Polo Museale Campania Anna Imponente per averci assicurato questa straordinaria opportunità. Attraverso l’allestimento di questo stand e le videoproiezioni, siamo impegnati a far conoscere le eccellenze che caratterizzano la nostra collezione, dall’Età del Ferro fino all’Arte Contemporanea”. 

“Poter essere alla Bmta – spiega il direttore di Giffoni Experience, Claudio Gubitosi – insieme al Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano e ai Comuni di Giffoni Valle Piana e Pontecagnano Faiano, rafforza la mia tesi che il Gex debba consolidare le sue radici in un territorio più ampio. Non è un caso che entrambe le amministrazioni abbiano scelto di presentare qui a Paestum il loro fiore all’occhiello, anzi è la conferma che la forza delle realtà locali sta nel sapere creare sinergia sotto il profilo culturale. In tal senso, è da tempo che abbiamo messo in cantiere il progetto ‘Picentini’, una piattaforma in grado di formare, con la collaborazione dei comuni e della Comunità Montana, un brand riconosciuto, affidabile, quale attrattore turistico, che possa inserirci a pieno titolo nella grande bellezza italiana. Giffoni Multimedia Valley, in questo contesto, sarà la factory creativa in grado di creare una forte occupazione giovanile ed una ancora più forte ricaduta economica destagionalizzata e continuativa”. 

Ad arricchire l’appuntamento anche una degustazione tipica cilentana a cura dell’Oasi Fiume Alento.

Per la referente Maria Maura Lisanti “un modo per unirci rafforzando la nostra identità territoriale e valorizzando il nostro patrimonio storico anche attraverso l’eccellente gastronomia e i prodotti a km 0 che ci contraddistinguono”.

Si inaugura l’asilo di via Carillo

asilo-via-carillo-cava-de-tirreni-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Il Piano di Zona Ambito S2 informa che giovedì 26 ottobre prossimo, alle ore 9.30, presso l’asilo nido comunale di via Carillo a Cava de’Tirreni si svolgerà la cerimonia di inaugurazione dei servizi socio – educativi per la Prima Infanzia, promossi dall’Ambito Territoriale S2, finanziati prevalentemente dal Piano di Azione e Coesione Infanzia – Autorità di gestione – Ministero dell’Interno.

Il piano prevedeva l’incremento dei posti disponibili nei servizi per i bambini da zero a tre anni così da assicurare il sostegno del ruolo genitoriale, la conciliazione dei tempi di lavoro.

Alla cerimonia saranno presenti il sindaco Vincenzo Servalli e l’assessore alle Politiche Sociali Enrico Bastolla del Comune di Cava de’Tirreni – ente capofila dell’Ambito S2.

Attraverso l’espletamento della gara per lo svolgimento dei servizi socio-educativi, aggiudicata in via provvisoria alla Cooperativa Citta della Luna, il personale verrà incrementato nel rispetto dei requisiti previsti dal regolamento regionale.

L’aumento di personale permetterà alla struttura di raggiungere la capienza massima di 60 bambini.

Inoltre, sarà garantita l’apertura anche il sabato mattina. Infine, a breve, presso la scuola dell’Infanzia di via S. Maria del Rovo, vi sarà l’apertura del servizio di ludoteca che permetterà, senza la somministrazione dei pasti, la permanenza dei bambini per quattro ore al giorno in modo che anche le madri non lavoratrici potranno fruire di un aiuto quotidiano.

“A conclusione di un lungo iter burocratico possiamo dare avvio ad una qualificazione dell’offerta dei servizi del nostro asilo comunale- afferma l’assessore alle Politiche Sociali Enrico Bastolla –, una struttura che è destinata a diventare punto di riferimento per le famiglie della nostra città. A breve, inoltre, procederemo con l’avvio del servizio ludoteca presso l’asilo di via S. Maria del Rovo”.

Condivisione dal basso, a Pontecagnano Faiano nasce il Laboratorio delle idee

area-via-alfani-via-potenza-strade-limitrofe-pontecagnano-faiano-settembre-2017-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). L’inizio di un percorso di condivisione, responsabile e aperto all’intera società civile, a tutte le forze civiche e a tutte le rappresentanze di categoria e delle professioni per definire, insieme, una visione di Città che parta davvero dal basso. 

E’ questo l’obiettivo alla base della nascita del Laboratorio delle idee a Pontecagnano Faiano. 

A promuoverne la costituzione, attraverso la sottoscrizione di un documento politico-programmatico, Roberta D’Amico per “Avanti per Pontecagnano Faiano”, Giuseppe Corrado e Angelo Mazza per “Movimento Libero”, Giuseppe Palo e Giovanni Sorgente per “Pontecagnano Faiano Libera”, Francesco Pastore per “Moderati – Durantes Vincunt”, “Popolo Democratico” e “Riformisti per Pontecagnano Faiano”. 

“Oggi più di ieri – si legge nel documento – c’è bisogno di un momento di condivisione: la massima esaltazione del confronto deve essere rappresentata dalla volontà di sedersi tutti insieme per creare un progetto comune volto allo sviluppo concreto e serio del nostro territorio. Chi oggi ha la pretesa di dar vita a questo contenitore, con umiltà e determinazione, parte da un punto fermo: amiamo la nostra Città, perciò non ci arrendiamo mai. Il senso civico e il sentire comune d’appartenenza primeggiano in noi e ne andiamo fieri”. 

Sei movimenti civici che, con grande maturità, si aprono a nuove proposte e nuove sinergie guidati da un comune denominatore.

Pensato da “Avanti per Pontecagnano Faiano”, rilanciato da “Movimento Libero” e pienamente sostenuto da “Pontecagnano Faiano Libera”, “Moderati – Durantes Vincunt”, “Popolo Democratico” e “Riformisti per Pontecagnano Faiano”, il progetto, infatti, si fonda su un leit motiv ben preciso: ascolto e pluralità. 

“Crediamo – sostengono, in tal senso, i promotori del Laboratorio – che se si vuole iniziare un nuovo percorso, forte di idee e programmi, guardando al presente per costruire il futuro, bisogna mettere da parte i tanti io e far nascere una squadra che giochi per un unico fine: il nostro obiettivo si chiama Pontecagnano Faiano e da qui vogliamo ripartire. Il tempo dei personalismi e delle individualità sta per volgere al termine. Sì, forse sarà difficile e da folli; forse abbiamo delle aspirazioni più grandi di noi, ma siamo consapevoli che, se così non fosse, se in noi non esistessero questi sentimenti, non riusciremmo mai a cogliere questa preziosa opportunità”. 

Un concetto reso, a seguire, ancora più chiaro: “Non è peccato avere dei sogni, piuttosto lo sarebbe non inseguirli. Non siamo vinti dalla rassegnazione, ma spinti da passione ed entusiasmo per costruire una visione di Città che parta dal basso. La nostra azione quotidiana si è sempre contraddistinta per impegno, costanza e condivisione delle idee. Siamo stati educati alla cultura delle maniche rimboccate e del sudore della fronte”. 

Con queste premesse, dunque, nasce il Laboratorio delle idee “aperto a tutti coloro che hanno maturato la consapevolezza che il nostro futuro passi attraverso la capacità di condivisione, dialogo e progettualità”. “Crediamo fortemente – si legge ancora – nella comunità e nel suo legame con il cittadino; vogliamo riscoprire e ridare lustro alla storia e alla tradizione della nostra città. Intendiamo ricercare e valorizzare le risorse che hanno fatto grande questo territorio”. 

I promotori del Laboratorio delle idee, pur confermando coerenza dei rispettivi percorsi politici intrapresi, testimoniano grande responsabilità nell’aprirsi al confronto e si impegnano, formalmente, ad essere parte attiva del processo di compartecipazione dando continuità all’intera esperienza che sarà contraddistinta da un’assemblea finale quale massimo momento di condivisione, unità di intenti e visione di Città. 

E, a tal proposito, il messaggio finale del documento politico-programmatico fissa definitivamente il traguardo: “Insieme possiamo creare qualcosa di grande e di forte: una comunità unita che decide il proprio futuro”.

Il Museo “Gli Etruschi di Frontiera” alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum

municipio-2-pontecagnano-faiano-vivimediaPONTECAGNANO FAIANO (SA). Il Comune di Pontecagnano Faiano e il Giffoni Experience, dal 26 al 29 ottobre 2017, partecipano alla XX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum con il Museo Archeologico Nazionale “Gli Etruschi di Frontiera”.

Sinergia e obiettivi saranno illustrati venerdì 27 ottobre, alle ore 10, presso la splendida location del Salone espositivo, nel corso di una conferenza stampa. Interverranno il Sindaco Ernesto Sica, l’Assessora alla Cultura Lucia Zoccoli, il Direttore di Giffoni Experience Claudio Gubitosi e il Direttore del Museo di Pontecagnano Luigina Tomay. 

“Siamo davvero lusingati – dichiara il Primo Cittadino Ernesto Sica – di questa proficua sinergia con il Giffoni Experience e con il Museo che ci consente di promuovere il nostro immenso patrimonio in una straordinaria vetrina quale la Borsa di Paestum e di rafforzare la valorizzazione delle risorse storiche, culturali, archeologiche e paesaggistiche della nostra Città e di tutti i Picentini”. 

“Grazie alla sinergia con il Giffoni Experience, grazie all’intuito del Direttore Gubitosi e alla sua lungimiranza  – conferma l’Assessora Lucia Zoccoli – il nostro tesoro culturale più grande, il Museo, sbarca alla XX edizione della Borsa del Turismo con immagini e testimonianze inedite. Il nostro Museo è patrimonio di tutta la Regione, oserei dire di tutto il Paese, ma dobbiamo proprio convincercene noi dei Picentini, tant’è che rivolgiamo un appello a tutti gli amministratori del comprensorio affinché nella loro agenda amministrativa vi sia la promozione del Museo Archeologico ‘Gli Etruschi di Frontiera’”. 

“Poter essere alla Bmta – spiega il direttore di Giffoni Experience, Claudio Gubitosi – insieme al Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano e ai Comuni di Giffoni Valle Piana e Pontecagnano Faiano, rafforza la mia tesi che il Gex debba consolidare le sue radici in un territorio più ampio. Non è un caso che entrambe le amministrazioni abbiano scelto di presentare qui a Paestum il loro fiore all’occhiello, anzi è la conferma che la forza delle realtà locali sta nel sapere creare sinergia sotto il profilo culturale. In tal senso, è da tempo che abbiamo messo in cantiere il progetto ‘Picentini’, una piattaforma in grado di formare, con la collaborazione dei comuni e della Comunità Montana, un brand riconosciuto, affidabile, quale attrattore turistico, che possa inserirci a pieno titolo nella grande bellezza italiana. Giffoni Multimedia Valley, in questo contesto, sarà la factory creativa in grado di creare una forte occupazione giovanile ed una ancora più forte ricaduta economica destagionalizzata e continuativa”. 

“Per la prima volta – il commento del Direttore Luigina Tomay – il Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano partecipa alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico con uno stand appositamente dedicato. E’ un’occasione importante per la promozione del Museo, che sta vivendo un momento molto positivo, come dimostra l’ampia partecipazione e il gradimento di pubblico per gli eventi organizzati negli ultimi mesi. L’agenda di attività programmate per la fine del 2017 e per il 2018 è molto fitta: dalla festa per i dieci anni del Museo che si terrà il 2 e 3 dicembre prossimi all’allestimento di una nuova Sezione archeologica dedicata all’esposizione della tomba dipinta della “Donna con ombrellino”, che potenzierà la già ricca offerta culturale del Museo. Un ringraziamento dunque al Comune di Pontecagnano Faiano e a Giffoni Experience che, con il loro supporto, hanno reso possibile la partecipazione del Museo alla Borsa di Paestum, sede ideale per illustrare e promuovere le nostre attività ad un pubblico di esperti del settore turistico e di appassionati”.