cultura & sociale

 

Il 24 novembre a Palazzo di Citta’ “Il segreto di Nonna Ninna”, di Anna Maria Santoriello, storia agrodolce di un’infanzia in chiaroscuro

il-segreto-di-nonna-ninna-cava-de-tirreni-novembre-2017-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Sarà una serata ricca di risvolti letterari ed umani, quella del 24 novembre prossimo, presso la bellissima Sala di Rappresentanza del Comune di Cavade’ Tirreni, dove alle 18,15 sarà presentato il libro della cavese Anna Maria Santoriello “Il segreto di Nonna Ninna”, edito da Europa e illuminato dalla prefazione di una personalità di grande livello come Andrea G. Pinketts, che a suo tempo è stato un brillante e geniale enfant prodige della letteratura nazionale.

La serata è organizzata con il patrocinio del Comune di Cava de’ Tirreni e dell’Associazione Giornalisti “Lucio Barone”, che saranno rappresentati dal Sindaco Vincenzo Servalli e dal Presidente Emiliano Amato. Le letture saranno affidate all’autrice stessa, a Rosanna Rotolo e al conduttore, lo scrivente Franco Bruno Vitolo.

Se la firma di Pinketts dà un tocco di prestigio, la grande pennellata di originalità è offerta dalla struttura dell’opera. Si tratta di un “romanzo in versi”, composto da circa sessanta capitoli brevi, ognuno preceduto da una breve sintesi “di atmosfera”, sul modello dei racconti di un tempo e con chiave vagamente favolistica.

In chiave di flash back totale, come ricordo personale della protagonista, dopo la quotidiana sonata al suo amato pianoforte, il libro racconta di Silvia, per necessità pratiche affidata, fin dalla primissima infanzia, a Ninna, una Nonna che non le era nonna di sangue, ma solo “di fatto”, essendo stata anche colei che aveva allevato la madre Marta. La situazione, nonostante non le mancassero un ambiente confortevole ed una piccola rete di amicizie, non è priva di disagio per la bambina. Vivendo la famiglia vera (madre, padre e fratelli) a poca distanza, in un villaggio vicino della Valle di Cava de’ Tirreni, lei si sente in una condizione di emarginazione e quasi di rifiuto, accentuata dal fatto che Nonna Ninna, nonostante l’impegno e l’estrema serietà, ha un carattere spinoso e per certi versi anaffettivo, che solo verso la fine del romanzo scopriremo causato da un doloroso segreto che da anni le imprigionava e le mordeva il cuore. Ricordi agrodolci, quindi, che si snodano tra buchi d’amore e da slanci bloccati. tra sorrisi e fantasmi, calde vicinanze e abbracci mancati, tra attese vibranti e delusioni cocenti.

Nonostante le tematiche non sempre allegre, si ride e si sorride non poco, nel corso nella narrazione, grazie ad episodi vivaci ed anche buffi di quotidiana ordinarietà ed alla descrizione di un ambiente di pittoresca umanità, corredato da personaggi che danno calore e colore alla storia, in un insieme che apre una interessante finestra sull’Italia ancora semicontadina del secondo dopoguerra. I versi sono scorrevoli, coinvolgenti e spesso “musicali”, tali da far dimenticare le difficoltà tradizionali nell’impatto con la poesia, per cui ci si abbandona alla lettura come ad un romanzo in prosa gradevole, ricco di stimoli di emozione e spunti di riflessione.

Altro tocco originale, in quarta di copertina c’è un Q code che permette di ascoltare la Canzone per Silvia, scritta e musicata dall’autrice ed eseguita da Daniela Schillaci (soprano), Gaetano Costa (pianoforte) e Ivan Iannone (violoncello). Quest’ultimo, tra l’altro, oltre ad essere un attivissimo docente del Liceo Musicale “Marco Galdi”, è anche il figlio carissimo dell’autrice e di suo marito Gregorio Iannone, già per tanti anni DSGA della Scuola Media Giovanni XXIII di Cava.

A corredo dei versi, sono inseriti nei capitoli circa cinquanta disegni in bianco e nero, realizzati da Chiara Savarese, con funzione illustrativa, caratterizzati da riconoscibilità delle figure, chiarezza dei gesti, espressività dei volti e dei corpi, tali da dare vivacità alle pagine, incisività ai versi e attrattività all’intero lavoro. Nel complesso è un’opera per nulla pesante o seriosa, ma ricca di vitalità e con personaggi e situazioni che possono tranquillamente solleticare la fantasia anche dei più piccoli. Inoltre scatena una tenera empatia con la piccola protagonista e lascia un retrogusto agrodolce per le riflessioni che emergono e per la rievocazione di un tempo in cui di “Silvie” ce n’erano tante.

È un lavoro originale e aperto al mondo, ma anche una sfida personale.

anna-maria-santorello-big-vivimediaAnnamaria Santoriello, al suo battesimo di scrittrice, nata e residente a Cava de’ Tirreni (Sa), docente di Educazione musicale in pensione e pianista di intensa attività didattica (gli interventi musicali nel corso della presentazione saranno effettuati da lei stessa, al pianoforte), non ha inteso solo raccontare una storia d’infanzia, in parte autobiografica, ma anche dare per la prima volta corpo e parole alle emozioni che le hanno danzato nel cuore per tutta una vita, senza trovare uno sbocco.

Quindi la sua sfida ha non solo una valenza letteraria, perché lei finalmente ha potuto dimostrare cosa sa fare con la penna (e non è da tutti riuscire in un’impresa del genere), ma anche e soprattutto una valenza esistenziale.

È il disvelamento liberatorio di una parte importante di se stessa, è la condivisione della propria sensibilità, è un arco lungo una vita proiettato in versi verso l’agognata impronta negli anni a venire… e anche oltre, nei sempre fioriti paradisi della memoria …

A Salerno la XXI conferenza nazionale ASITA

castello-arechi-salerno-vivimediaSALERNO. Dal 21 al 23 Novembre si svolgerà a Salerno presso il Grand Hotel Salerno, la 21esima edizione della Conferenza Annuale della Federazione delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali e Ambientali (ASITA – www.asita.it). Questa edizione riporta la Conferenza nel Centro-Sud dopo ben otto anni da quella tenutasi a Bari del 2009, scommettendo sulla risposta che il territorio potrà dare ad un evento in cui convergono tutti i diversi protagonisti, pubblici e privati, che operano nel campo dell’Informazione Geografica. Questa edizione, infatti è stata organizzata grazie al contributo di numerosi Enti e realtà pubbliche e private, tra cui SVILUPPO CAMPANIA, società in-house della Regione Campania, e con il patrocinio della Regione Campania, della Provincia di Salerno, del Comune di Salerno, dell’Università degli Studi di Salerno – Dipartimento di Informatica, dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Tirreno Centrale e di numerosi Ordini professionali.

Il momento è senza dubbio quello giusto. La Regione Campania in primis ha investito per la realizzazione di sistemi di supporto alle decisioni tecnologicamente avanzati e trasversali ai diversi settori regionali che a vario titolo intervengono per il governo del territorio. L’Università degli Studi di Salerno, in collaborazione con diversi Ordini Professionali, aziende leader del settore ed associazioni, ha realizzato percorsi formativi orientati al soddisfacimento della domanda sempre più forte di professionisti nell’ambito dell’Informazione Geografica.
 In questo scenario, l’edizione 2017 della Conferenza ASITA si presenta come la giusta occasione per presentare i risultati di questi anni di investimenti e di impegno per la realizzazione di competenze e di servizi che possano dare alla Regione Campania, con i suoi esperti, le sue aziende ed i suoi professionisti un ruolo guida nell’ambito del governo del territorio.

La Conferenza ospiterà circa 180 lavori divisi in diverse sessioni tematiche, ognuna moderata da esperti provenienti dal pubblico e dal privato; tre workshop patrocinati e due corsi di formazione dedicati rispettivamente all’utilizzo dei droni per il rilevamento del territorio ed all’uso di software open source per la gestione di geodati. Una sessione EXPO è prevista per tutta la durata dei lavori all’interno della quale sono presenti aziende leader del settore, associazioni, enti locali e ordini professionali. Particolare attenzione è infine rivolta agli studenti universitari e della scuola dell’obbligo. Per questi ultimi, in particolare, il 23 novembre dalle 9.00 alle 11.00, in una data importante per il territorio campano, si terrà la seconda edizione di OLTRE LA PAURA una giornata della memoria finalizzata ad educare, in particolare le giovani generazioni, ad una maggiore consapevolezza sui rischi del proprio territorio, con particolare riferimento al rischio sismico.

 Il giorno 21 alle ore 11.00, in occasione della sessione inaugurale, è prevista la conferenza stampa di apertura dell’evento alla presenza di Giuseppe Scanu, Presidente della Federazione ASITA, Aurelio Tommasetti Rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Vincenzo Napoli, Sindaco di Salerno e Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania.

Sii Saggio, Guida Sicuro

sii-saggio-guida-sicuro-salerno-ottobre-2017-vivimediaSALERNO. Prenderà il via il 12 ottobre 2017 alle ore 10 dal Comune di Salerno, Salone dei Marmi la prima tappa del roadshow “Sii Saggio, Guida Sicuro” per concludersi il prossimo 20 aprile 2018 con la cerimonia di premiazione che avrà luogo alle ore 10 in Piazza del Plebiscito a Napoli. Il progetto giunto alla sua sesta edizione prevede ben 20 tappe in tutto il territorio campano e punta a stimolare la discussione e la riflessione sui temi della sicurezza stradale, delle misure di prevenzione e della tecnologia, aprendo le porte al dibattito e al confronto tra famiglie, Scuole, Enti Locali e Forze dell’Ordine per sensibilizzare i giovani ai corretti comportamenti da assumere in strada. Con il progetto “Sii Saggio, Guida Sicuro” l’Associazione Meridiani in collaborazione con il Comune di Napoli, la Città Metropolitana di Napoli, l’ANCI-Campania, il MIUR-Campania, l’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli, l’ANAS S.p.A., l’Unione Industriali di Napoli e l’ANM, con la media partnership di Rai IsoRadio e la Fondazione Telethon e con il patrocinio dell’Esercito Italiano, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria, della Polizia Locale, della Croce Rossa Italiana, dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco, del CONI e della Società IVECO chiama ogni anno a raccolta tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado campane invitandole a momenti formativi dedicati all’approfondimento dei fattori di rischio che influenzano la sicurezza dell’utente della strada, sia esso pedone, ciclista, motociclista o automobilista.


Salerno, 12 Ottobre 2017

Salone dei Marmi – Palazzo di Città

Ore 10,00 – 12,30

LA SICUREZZA STRADALE…UN IMPEGNO DI TUTTI”

L’Associazione Meridiani promuove la sesta edizione della manifestazione “Sii Saggio, Guida Sicuro”. Le finalità del progetto sono quelle di contribuire alla prevenzione degli incidenti causati da comportamenti pericolosi. I soggetti coinvolti nel progetto sono i giovani in età scolare delle scuole medie inferiori e superiori della regione Campania, i quali saranno invitati a partecipare al concorso, a seguito di incontri formativi con esperti in materia di sicurezza stradale: Esercito Italiano; Arma dei Carabinieri; Guardia di Finanza; Polizia di Stato; Polizia Penitenziaria; Associazione Nazionale Vigili del Fuoco; Polizia Locale; Croce Rossa Italiana, CONI e Società IVECO.

10,00 Registrazione partecipanti

INTRODUCE

Cinzia Lettera, Associazione Meridiani

MODERA

Peppe Iannicelli, giornalista e scrittore

10,30 SALUTI

Vincenzo Napoli, Sindaco di Salerno

Salvatore Malfi, Prefetto di Salerno

10,50 TAVOLA ROTONDA

Con la partecipazione di: 

Domenico De Maio, Assessore all’Urbanistica e alla Mobilità del Comune di Salerno Pasquale Errico, Questore di Salerno

Alfonso Montella, Docente di Sicurezza Stradale e di Progetto di Strade presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e Presidente del Comitato Scientifico “Sii saggio, Guida Sicuro

Grazia Papa, Comandante Polizia Stradale di Salerno

12,30 CONCLUSIONI

Roberto Penna, Magistrato 

La Festa dei Nonni al Centola incanta davvero tutti

PONTECAGNANO FAIANO (SA). Una serata davvero indimenticabile. E’ tutto racchiuso in questa frase il bilancio della Festa dei Nonni 2017 che si è svolta ieri sera nel complesso ex Tabacchificio Centola. 

Promossa dall’Amministrazione Comunale, su impulso del Sindaco Ernesto Sica e dell’Assessore alle Politiche Sociali Francesco Pastore, attraverso la Consulta Comunale degli Anziani, guidata dal Presidente Domenico Landi, l’iniziativa ha riscosso un notevole successo in termini di partecipazione ed entusiasmo. 

Vittorio Marsiglia show, musica popolare con E Spassius, E Faticun e la compagniaDaltrocanto, esibizione del coro Sui Generis. E, ancora, poesie di Brigida Elia e Salvatore Garofalo, tornei di scopone e intrattenimento, a cura dell’Associazione Punto d’Incontro presieduta da Filomena Scermino, divertimento e tanta voglia di stare insieme. Questo il mix vincente del seguitissimo appuntamento presentato da Enza Ruggiero e Manuela Lucchini. 

A testimoniare la vicinanza all’evento e ai nonni anche il parroco della Chiesa Maria SS Immacolata Don Antonio Pisani.

Presenti, inoltre, il Presidente del Consiglio Comunale Alfonso Gallo, l’Assessore alla Pubblica Istruzione Maria Rosalba de Vivo e il Presidente della II Commissione Consiliare Gianfranco Ferro. 

Ricco di interesse il momento riservato al concorso per la realizzazione del logo della Consulta che ha visto impegnati gli alunni delle Scuole Secondarie di I Grado degli Istituti Comprensivi cittadini.

Alla presenza dell’Assessore Maria Rosalba de Vivo, che ha espresso notevole soddisfazione per l’iniziativa ribadendo il sostegno dell’Amministrazione ai plessi scolastici, sono stati consegnati tutti gli attestati di partecipazione e il riconoscimento al progetto della classe II C dell’IC Moscati selezionato e prescelto dalla commissione esaminatrice composta dai maestri Alberto Santimone (Presidente), Franco Anfuso e Silvio Micciariello e, in rappresentanza della Consulta Comunale degli Anziani, dal Vice Presidente Arianna Cappiello e dal membro Vittorio Mastrovito.

Questi i partecipanti al concorso: per l’IC Moscati, guidato dal Dirigente Sergio Di Martino, gli alunni delle classi II A, B e C coordinati dalla docente di arte ed immagine Katiuscia Foglia e accompagnati, ieri sera, dalla docente referente Maria Sorgente; per l’IC Pontecagnano Sant’Antonio, guidato dal Dirigente Angelina Malangone, gli alunni della Scuola Media “Daniele Zoccola” coordinati dalla docente referente Teresa Pagnotto e accompagnati dal responsabile del plesso Lina Petolicchio; per l’IC Picentia, guidato dal Dirigente Ginevra de Majo, gli alunni della classe III E coordinati dal docente di arte ed immagine Vincenzo Santoro e accompagnati  dal docente Anna Sorrentino. 

Ugualmente entusiasmante il momento della consegna dei premi da parte del Presidente Filomena Scermino agli anziani vincitori del torneo pomeridiano di scopone. Al primo posto si sono classificati Pietro Barra e Maria Grazia Iovino, al secondo Angela Lamberti ed Elisabetta Di Feo, al terzo Franco Vitolo e Roberto D’Amato.

Riconoscimenti anche ai nonni più anziani presenti in sala che, a seguito di una simpatica verifica, sono risultati Fortunato Volpe e Maria Maruzzella. 

“Siamo davvero felici e orgogliosi – le parole del Presidente della Consulta Domenico Landi – di aver promosso con successo questo grande momento di partecipazione e confronto intergenerazionale che esalta la straordinaria figura dei nonni. E’ doveroso salutare tutti i presenti e anche chi non può essere tra noi e rivolgere un grazie di cuore al Sindaco Ernesto Sica, all’Assessore Francesco Pastore, all’Assessore Maria Rosalba de Vivo e all’intera Amministrazione per il sostegno a questo eccezionale appuntamento. Le attività sin qui svolte dalla Consulta che ho l’onore di guidare ci gratificano con risultati davvero importanti, come quelli raggiunti dallo sportello sociale gestito insieme all’Onmic. Andremo avanti con passione e determinazione promuovendo tante altre iniziative”. 

Grande soddisfazione da parte del Presidente di Punto d’Incontro Filomena Scermino che, dopo aver salutato i nonni presenti, ha ribadito “la straordinaria disponibilità e vicinanza del Sindaco Ernesto Sica a noi e alle nostre attività sin dalla nascita della nostra associazione” ringraziando, allo stesso tempo, “l’Assessore Pastore, l’Assessore De Vivo, l’Amministrazione, lo staff e tutti coloro che hanno reso possibile questa stupenda serata”. 

Bellissime, allo stesso tempo, le parole del parroco Don Antonio Pisani. “I nonni – ha detto ai tanti presenti – sono una ricchezza immensa e Pontecagnano Faiano è cresciuta grazie a voi e al vostro impegno  per le famiglie perché avete creato le condizioni per consegnare alle nuove generazioni una Città migliore e piena d’amore”. 

Conclusioni affidate al Primo Cittadino Ernesto Sica che ha rivolto subito un plauso agli organizzatori e a tutte le rappresentanze delle associazioni presenti. “Una buona Città – ha dichiarato rivolgendosi agli anziani – si regge su comunità familiari forti e sane come le vostre. Questa festa è proprio un riconoscimento al vostro straordinario impegno. Pontecagnano Faiano è una delle poche realtà della provincia di Salerno che registra una crescita importante perché qui si vive bene e ci si attiva da sempre per vivere ancora meglio. Non ci stancheremo mai di ringraziarvi per aver saputo costruire le basi di questa società col rispetto e gli insegnamenti. Per questo vi amo e per questo vi sarò sempre vicino, con o senza fascia tricolore addosso, in quanto il nostro rapporto è davvero forte e ricco di affetto e voi mi conoscete più di ogni altra persona”.

Portaromana, apre la nuova scuola dell’Infanzia

NOCERA SUPERIORE (SA). Ispirata alla forma di una nave, stamane la consegna ufficiale con l’assessore regionale Lucia Fortini.

Dalle anguste stanze di un capannone alle aule luminose, sane, belle e sicure di una scuola tutta nuova.
I bambini dell’Infanzia da lunedì cambiano casa e lo fanno con un salto nella nuova scuola di Portaromana: una struttura nata da una carcassa di cemento rimasta sospesa lì per ben 30 anni e trasfo…rmata in un plesso ispirato – per forma e per la presenza di oblò colorati – ad una nave pronta ad intraprendere il suo viaggio.

Stamane, insieme a Lucia Fortini, assessore regionale alla Pubblica Istruzione, il tanto attesto taglio del nastro.

«Abbiamo portato in porto un progetto rimasto per decenni in alto mare ed oggi lo consegniamo ai bambini sotto forma di nave affinchè possano iniziare sotto una luce diversa quel lungo viaggio chiamato vita – ha sottolineato il sindaco Giovanni Maria Cuofano – è una scuola moderna, sicura, funzionale che abbiamo scelto di intitolare a Madre Maria Consiglia Addatis, fondatrice delle Suore serve di Maria Addolorata di Nocera, per la grande opera cristiana al servizio degli ultimi».

E poi aggiunge: «La buona politica è quella che consegna alla comunità buoni esempi e simboli in grado di essere motivo di unione e solidarietà, e questa scuola rappresenta tutta la determinazione e la voglia di riscatto di una città che vuole rialzare la testa».

La nuova scuola di Portaromana, realizzata dall’impresa Edil G.F. di Mugnano vincitrice dell’appalto relativo per un valore complessivo di circa 275mila euro, è dotata di aule con enormi vetrate trasparenti ed oblò colorati che affacciano sull’orto botanico creato nella parte posteriore della struttura.

Dopo la riqualificazione di piazza Aldo Moro, la scuola di Portaromana spiana la strada al terzo tassello di un ravvicinato programma di opere da consegnare alla comunità: il primo asilo nido comunale realizzato nella scuola Marco Polo di Pecorari.

«La nostra agenda politica non si esaurisce qui – conclude Cuofano – ma prende ancora più forza e slancio perché dopo la fase della pianificazione e della progettazione ora è il momento dei fatti. A breve apriremo l’asilo nido e in pochissimo tempo avvieremo i lavori di riqualificazione a Pareti Pucciano e Taverne Croce che ridaranno ai due quartieri una dimensione urbana che riammaglia storia e modernità».

Al via da mercoledì la rassegna culturale “Ottobre dei libri”

PONTECAGNANO FAIANO (SA). Due appuntamenti culturali di grande interesse per celebrare l’avvio della rassegna “Ottobre dei libri”. 

La prima iniziativa è in programma mercoledì 4 ottobre 2017. Nella sala convegni del complesso ex Tabacchificio Centola si terrà la presentazione dell’opera “All’inferno senza colpa – Farid e Rashida, l’Unico e la Saggia”.

Insieme all’autore Giuseppe Colasante ne discuteranno il Sindaco Ernesto Sica, l’Assessora alla Cultura Lucia Zoccoli, il professore emerito Giuseppe Cacciatore, il regista Andrea D’Ambrosio, Anselmo Botte della Cgil Salerno.

Il libro racconta la storia d’amore di due minorenni siriani che, scampati alla morte sui barconi dei trafficanti, vengono adottati da una famiglia napoletana. E’ un racconto nato dagli orrori e dalle tragedie della guerra in Siria che affronta il difficile tema dell’immigrazione, dei conflitti, delle problematiche legate all’accoglienza e all’integrazione. 

Seconda tappa, invece, giovedì 5 ottobre, alle ore 19, presso l’Oratorio San Benedetto di Faiano, con la presentazione del libro “La porta… accanto”.

Con l’autore Salvatore Garofalo interverranno il Sindaco Ernesto Sica, l’Assessora alla Cultura Lucia Zoccoli e la docente dell’Istituto Comprensivo “A. Pinto” di Vietri sul Mare Filomena D’Urso. Modera la giornalista Tiziana Troisi.

L’ultima fatica letteraria di Salvatore Garofalo è incentrata sui buoni sentimenti, sulla necessità di divenire punto di riferimento per chi vive momenti di difficoltà, sulla generosità e capacità di saper tornare indietro sui propri passi. Ancora una volta, l’autore, raccogliendo la tradizione orale come materiale dei suoi scritti, riesce a valorizzare la gente comune. Viene fuori uno spaccato di vita semplice di uomini e donne della nostra terra. 

“Due grandi momenti di confronto e crescita – afferma il Primo Cittadino Ernesto Sica – a testimonianza di una programmazione culturale sempre più incentrata sulla valorizzazione della nostra storia e su tematiche di notevole attualità”. 

“La Biblioteca Civica ‘Alfonso Gatto’ – dichiara l’Assessora Lucia Zoccoli – si trasferisce nell’ex tabacchificio Centola e nell’oratorio San Benedetto di Faiano con due appuntamenti che daranno il via ad ‘Ottobre dei libri’. La rassegna culturale si caratterizzerà anche per le iniziative rientranti nell’ambito del progetto del Miur ‘Biblioteche innovative’ che saranno inserite all’interno dell’edizione 2017 di Libriamoci”.

Premio “Badia”: vince Catozzella, scrittore dal grande passato e dal “Grande futuro”. Tra gli studenti prevale Claudia Sessa

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Un romanzo splendido e attuale, Il grande futuro (Ed. Feltrinelli), aperto a problematiche sociali, umane e etiche di portata universale, incentrato sulle guerre civili in Africa e sulla parabola di un giovane fondamentalista islamico. Anche senza che sia dichiarato il luogo e il tempo dell’azione, ogni riferimento a fatti o persone realmente esistenti non è casuale….

Un autore giovane e brillante, Giuseppe Catozzella, appena quarantenne ma con un grande avvenire dietro le spalle, dato che con il suo secondo libro, “Alveare”, ha scoperchiato il verminaio legato alla presenza della ndrangheta in Lombardia, e con il successivo, Non dirmi che hai paura (storia vera di una ragazza somala che prima riesce a partecipare alle Olimpiadi e poi muore sui barconi) ha vinto il Premio Strega giovani, è stato finalista allo Strega classico, ha venduto cinquecentomila copie in quaranta paesi, è diventato ambasciatore dell’ONU e si accinge a vedere realizzato un film di produzione internazionale e magari a ricevere ancora chissà quali e quanti altri premi…

Giuseppe Catozzella e “Il grande futuro” sono stati i trionfatori del Premio Badia 2017, organizzato dal Comune di Cava, rivolto agli studenti degli istituti superiori, giunto al ventiseiesimo anno di vita e quest’anno incentrato sul tema del conflitto sociale, personale, relazionale.

La cerimonia di premiazione, condotta dallo scrivente Franco Bruno Vitolo (che è anche membro della Commissione Scientifica) si è svolta sabato 20 settembre (mattina e sera) nelle belle sale del Comune di Cava. Oltre che per la presenza del Sindaco di Cava Vincenzo Servalli, del Consigliere Delegato alla Pubblica Istruzione Vincenzo Passa, della Direttrice della Biblioteca Teresa Avallone,del Presidente della Commissione Scientifica Antonio Avallone (con i docenti Maria Pia Vozzi, Anna Maria Senatore, Lucia D’Urso, Rosa Rocco, Mariella Lo Giudice, e con il “motore primo”, la coordinatrice Mena Ugliano) e dell’ideatrice del Premio Annamaria Armenante, essa è stata esaltata anche dalla musica.

Al mattino, applausi per le esecuzioni del Gruppo del Liceo Musicale “M.Galdi”, e la sera per il trascinante show poetico-teatral-musicale del giovane “gabbiano cantattoreGiacomo Casaula, a sua volta già “figlio” del “Badia” e membro della Commissione Scientifica. Casaula, accompagnato dal chitarrista Davide Trezza, ha eseguito alcuni dei pezzi già presentati in uno show con la sua band al completo nientemeno che al Teatro San Carlo ed incentrato sulla figura sempreverde di Rino Gaetano.

Il grande futuro ha dovuto superare la concorrenza agguerritissima di due romanzi pure loro molto graditi dai ragazzi: I miei genitori non hanno figli, di Marco Marsullo – Ed. Einaudi (storia del rapporto difficile di un ventenne con i due genitori separati e, per “adultescente” individualismo, ben poco genitoriali), e Ero cattivo, di Antonio Ferrara – Ed. San Paolo (il recupero, in comunità, di un ragazzo “cattivo” nelle azioni, ma di fatto vittima di stritolanti meccanismi sociali e familiari). L’incontro di Catozzella con i ragazzi e la comunità cittadina è stato di quelli ad alto tasso di interesse e di stimolo, per la chiarezza comunicativa dello scrittore, oltre che per le tematiche trattate e da lui conosciute direttamente per ricerche “giornalistiche” e/o legate alla scrittura dei romanzi : le odissee dei migranti, la diffidenza e la paura nei loro confronti, la cooptazione e il reclutamento dei ragazzi jihadisti, l’anima positiva dell’Islam, la fondamentale importanza della lettura e dell’informazione ai fini della crescita, del pensiero e dell’azione.

Da uscirne insomma emotivamente appagati e intellettivamente stimolati e umanamente arricchiti.

Per quanto riguarda gli studenti, che hanno recensito e valutato i tre libri e poi in finale si sono sottoposti ad una prova estemporanea di analisi e creatività relativa ad un frammento di romanzo, la parte del leone l’ha fatta ancora una volta un terzetto al femminile: Claudia Sessa (Liceo Scientifico “Genoino”), Roberta Falco e Rita Liguoro (Liceo Classico “Marco Galdi”), rispettivamente prima, seconda e terza nella graduatoria assoluta. Claudia ha vinto anche la Sezione Creatività e si è classificata seconda in quella dell’Analisi; Roberta ha prevalso nell’Analisi e si è piazzata seconda in Creatività; Rita ha conquistato il secondo posto in Creatività e, ex aequo, in Analisi. Nel dominio del tris di campionesse si sono inserite Anna Chiara Ruggiero (“Genoino”) e Marta Della Rocca (“De Filippis”), rispettivamente terza in Analisi e terza ex aequo in Creatività. Le graduatorie d’Istituto sono state vinte da Marta Della Rocca (“De Filippis”), Pasquale Nacchia Crescenzo (“Vanvitelli”), Rossella Vitale (Della Corte”), Fabio Santoriello (“Filangieri”), un  premio speciale della Biblioteca e’ andato a Valeria Boccara, campionessa in erba della scrittura e della poesia.

Quest’anno c’è stata una grande e giovane novità, il Concorso legato alla creazione di un tweet relativo ai romanzi o ai frammenti dell’estemporanea, proposto dall’Associazione Giornalisti “Lucio Barone” diretta da Emiliano Amato e rivolto a tutti i concorrenti, non solo ai finalisti. Ha trionfato Simone Avagliano (Galdi”) con il tweet: “Il grande futuro”, sempre presente. Fiaba alla ricerca di sé tra rabbia, sogni e fucili. Seconde, due ragazze del “De Filippis”: Marta Della Rocca (Se i miei genitori non hanno figli, io chi sono?) e Giuliana Di Donato (Non si è mai troppo moderni per non appellarsi alle stelle nei momenti dell’assenza o del bisogno –relativo al romanzo Ero cattivo). Terze a pari merito Maria Olmina Fariello (IIS “Filangieri”) e Maria Cesaro (“Genoino”). Segnalazioni speciali per Giorgia Zenobio e Francesca Amato (“Genoino”), Lucia Oro e Luana Campanile (“Della Corte – Vanvitelli”), Cristina Abate (“Filangieri”).

Ancora una volta, una grande, originale e stimolante kermesse, di quelle che permettono di vedere il mondo da un’altra angolazione. Premio Badia speranza dell’umanità, ha scritto il giovane Fabio Santoriello (“Filangieri”). Pur senza pensarla così alla grande, ci piace affermare che il Premio Badia è bello che c’è stato e che c’è… e speriamo che ci sarà. E, parafrasando la frase di Truffaut sul Festival di Giffoni, ci piace ritenere che di tutti i Premi letterari il Premio Badia sia uno dei più necessari …

Scuole d’eccellenza, attestati di certificazione inglese per duecento alunni dell’Istituto Comprensivo “Picentia”

01-consegna-certificazioni-eccellenza-settembre-2017-pontecagnano-faiano-vivimediaPONTECAGNANO FAIANO (SA). Momento di grande partecipazione all’Istituto Comprensivo “Picentia” per la consegna degli attestati da parte degli enti di certificazione Trinity e Cambridge a circa duecento alunni. 

Un percorso di formazione davvero interessante, promosso dal Dirigente Ginevra de Majo, dove, i docenti madrelingua esterni sono stati affiancati dagli insegnanti curriculari di inglese Carmen CutoloAnnamaria OrlandoGiovanna PassarellaAnna SorrentinoMaria Luisa Zampetti

La cerimonia, che si è svolta venerdì sera, è stata arricchita dal coro degli alunni diretto dalla docente Tosca Florio

Particolarmente toccante il ricordo dell’insegnante Luana Schena, prematuramente scomparsa, tra le promotrici della progettualità. 

All’iniziativa, accolta con soddisfazione dall’Amministrazione guidata dal Sindaco Ernesto Sica, era presente anche l’Assessore alla Pubblica Istruzione Maria Rosalba de Vivo insieme al referente del Trinity College London, ente certificatore britannico, Raffaele Nasti, e al rappresentante del Polo universitario Cambridge di Salerno, Berardo Sacha

02-consegna-certificazioni-eccellenza-settembre-2017-pontecagnano-faiano-vivimediaLe certificazioni sono state suddivise per classi e livelli di competenza e attribuite agli alunni dei plessi Primaria e Secondaria di I Grado. 

“E’ stato davvero un bel momento di crescita, partecipazione e confronto – dichiara la Dirigente Ginevra de Majo – in cui la Comunità, alla presenza di alunni, genitori, responsabili degli enti di certificazione e Amministrazione, si è ritrovata attorno a un progetto che riesce a connotare e valorizzare la nostra identità rivolta anche alla fondamentale conoscenza delle lingue straniere”. 

Un plauso a nome dell’Amministrazione per l’intensa e proficua programmazione dell’IC “Picentia” è stato rivolto dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Maria Rosalba de Vivo che si è soffermata “sulla straordinaria importanza di promuovere corsi di lingua per stare al passo coi tempi e sviluppare competenze adeguate sia a un mondo del lavoro in continua evoluzione sia all’approccio relazionale quotidiano dove, accanto alle nostre radici linguistiche italiane, l’inglese rappresenta sicuramente il presente e il futuro”.

“Light Up Gold”, martedì il Comune si illumina d’oro per la lotta al tumore infantile

iniziativa-light-up-gold-settembre-2017-pontecagnano-faiano-vivimediaPONTECAGNANO FAIANO (SA). Il Comune si illumina d’oro per la lotta al tumore del bambino e dell’adolescente. 

Martedì 26 settembre, alle ore 20, nell’ambito della campagna internazionale di sensibilizzazione “Light Up Gold”, Palazzo di Città si accenderà del colore simbolo dell’iniziativa promossa dall’Associazione “Chiara Paradiso” in collaborazione con la Federazione italiana associazioni genitori oncoematologia pediatrica. 

L’appuntamento rientra nell’ambito del programma di Childhood Cancer International che si svolge ogni anno nel mese di settembre e prevede di “colorare” d’oro edifici e monumenti a favore di una corretta informazione sul tumore infantile ricordando le difficoltà quotidiane di bambini e adolescenti colpiti da questa malattia. 

L’appuntamento è stato organizzato dall’Amministrazione, su impulso del Sindaco Ernesto Sica e dell’Assessora alla Cultura e alle Pari Opportunità Lucia Zoccoli, su proposta della stessa Associazione “Chiara Paradiso”, organizzazione no profit, membro della Fiagop, impegnata dal 2009 a donare un sorriso a questi piccoli e a sostenere con un aiuto concreto le rispettive famiglie. 

“Quando la Federazione italiana associazioni genitori oncoematologia pediatrica (Fiagop) ci ha proposto di aderire a ‘Light Up Gold’ – dichiara Angela Mazzariello, fondatrice dell’Associazione Chiara Paradiso – non ho avuto un attimo di esitazione. Tutti noi dobbiamo partecipare e sostenere l’impegno globale contro il tumore infantile e dell’adolescente. Da soli si può fare, ma insieme si diventa forza inarrestabile per garantire concretamente ai bambini di tutto il mondo affetti da questa malattia il diritto alla salute e alla buona qualità di vita. Ringrazio a nome di tutti, il Sindaco Ernesto Sica e l’Assessora Lucia Zoccoli per aver sposato l’iniziativa. È grazie alla determinazione e al lavoro degli amici dell’Associazione Chiara Paradiso se il treno della solidarietà corre veloce sulle ali dorate della speranza”. 

A partire dalle ore 19.30 di martedì 26 settembre, l’edificio comunale si tingerà d’oro, simbolo della lotta al cancro infantile e colore della forza e del coraggio. Per l’occasione, l’Associazione “Chiara Paradiso”, insieme all’Amministrazione Comunale, a bambini e ragazzi che hanno sconfitto la malattia e a tanti amici, si ritroveranno in Comune per l’accensione.  A seguire, i volontari e il Pinguino Mikiz, mascotte dell’Associazione, animeranno la serata con giochi e distribuiranno a tutti fiocchetti dorati e palloncini. 

“Siamo davvero orgogliosi – dichiara il Primo Cittadino Ernesto Sica – di sostenere e condividere gli obiettivi dell’Associazione ‘Chiara Paradiso’ che è esempio e riferimento di uno straordinario amore quotidiano nelle lotta al tumore del bambino e dell’adolescente. E siamo allo stesso modo fieri di aderire alla campagna internazionale di sensibilizzazione ‘Light Up Gold’ illuminando d’oro, non solo Palazzo di Città, ma anche l’impegno di tutti a favore dei bambini colpiti da questa malattia”. 

“Supportiamo con immensa soddisfazione – afferma l’Assessora Lucia Zoccoli – la campagna internazionale ‘Light Up Gold’ e gli sforzi dell’Associazione ‘Chiara Paradiso’ che accompagna e sostiene i piccoli malati rendendo la loro permanenza nei reparti più serena e migliorando, in tal senso, anche il concetto tradizionale dell’organizzazione ospedaliera. E supportiamo l’azione dell’Associazione ‘Chiara Paradiso’ anche per due altri motivi nobili: è retta dall’instancabile passione di donne straordinarie e vogliamo contribuire a rafforzare il sogno della piccola Chiara che desiderava tanto aiutare gli altri bambini afflitti da questo terribile male”. 

Non potendo presenziare all’evento, Angelo Ricci, Presidente Fiagop ha inviato un messaggio agli organizzatori: “Carissimi, è con grande piacere che, pur non potendo essere presente di persona, accolgo l’invito a partecipare con questo mio messaggio. È importante tenere alta l’attenzione delle istituzioni e della Comunità sulle difficoltà che incontrano i bambini e i ragazzi durante la loro battaglia contro la malattia: c’è bisogno, innanzitutto, di un maggior impegno nella sperimentazione di farmaci specifici per i pazienti più piccoli. Non solo, è necessario favorire la normalità dei ragazzi facendola entrare in reparto e non estraniarli dal mondo; è importante fargli comprendere che ciò che stanno vivendo è una fase della loro vita al termine della quale torneranno alla normalità più forti di prima. Colgo l’occasione per ringraziare il Sindaco e l’Amministrazione Comunale e Angela Mazzariello dell’Associazione Chiara Paradiso per aver reso possibile tutto ciò”. 

Per dare maggiore forza all’iniziativa la campagna “Light Up Gold” si fa social: infatti, basterà scattarsi un selfie con indosso qualcosa di dorato e condividerlo sui social network seguito da #GOLD4kidswithcancer #GOLD4HOPE #LIGHTUP4KIDSWITHCANCER #LIGHTUP4HOPE.

“The distinguished gentleman’s ride” farà tappa ad Amalfi, Salerno e Cava de’ Tirreni

jovanotti-lorenzo-cherubini-distinguished-gentleman-settembre-2017-cava-de-tirreni-vivimediaCAVA DE’ TIRRENI (SA). Domenica 24 settembre 2017, decine di migliaia di distinti gentiluomini sfileranno con le proprie motociclette classiche in centinaia di città sparse per il mondo indossando l’abito con papillon o cravatta per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro alla prostata”.

“The Distinguished Gentleman’s Ride”il più grande evento mondiale di beneficenza per moto, e motociclisti, di stile classico e d’epoca,farà tappa a Salerno, in Costa d’Amalfi ed a Cava de’ Tirreni ,città che fanno parte delle oltre 500 città del mondo partecipanti all’evento benefico mondiale. Il DGR è un raduno inizialmente nato in Australia, creato da Mark Hawwa in primis per raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro alla prostata e in secondo luogo per raccogliere appassionati di moto classiche, d’epoca e special. L’iniziativa nasce nel 2012 e, parallelamente all’edizione australiana, sbarca presto anche in Europa: le prime edizioni europee sono quelle di Londra e Roma nel 2012 e riscuotono subito un grande successo, vuoi per il nobile scopo, vuoi per il particolare “dress&bike code” richiesto. Infatti i circa 500 elegantissimi (ed elegantissime) bikers ,che tra Salerno, Cava de’ Tirreni e la Costa d’Amalfi sono pronti a rombare,saranno vestiti in maniera molto “chic” come segno distintivo della manifestazione . “The Distinguished Gentleman’s Ride”è difatti , un elegante raduno finalizzato alla beneficenza, che anno dopo anno richiama un numero sempre maggiore di motociclisti in tutto il mondo.Quest’anno il raduno giunge alla sua sesta edizione e l’appuntamento è fissato per domenica 24 settembre, in oltre600 città del globo e in 95 paesi: New York, Toronto, Dallas, Los Angeles, San Francisco, Melbourne, Sidney, Parigi, Londra, Madrid, Berlino, nel nostro Paese saranno ben 37 le città che ospiteranno il “DGR” .tra cui Milano, Roma, Amalfi, Salerno e Cava de’ Tirreni .Protagoniste del raduno saranno le moto scrambler, café racer, special e bobber oltre ai baffi stilosi e agli abiti migliori di chi le possiede. Non conta la marca delle due ruote, ciò che conta è essere ogni anno sempre di più e raccogliere più fondi possibili per la ricerca scientifica. Lo scorso“The Distinguished Gentleman’s Ride” ha riunito oltre 37 mila motociclisti nel Mondo e raccolto oltre 2,3 milioni di dollari, poco più di due milioni di euro; l’obbiettivo di quest’anno è ancora più ambizioso, gli organizzatori puntano ad abbattere il muro dei 5 milioni di dollari australiani, che andranno poi donati a supporto della ricerca contro il cancro alla prostata.

I fondi raccolti (rigorosamente a mezzo bonifico bancario da effettuarsi da ciascun partecipante personalmente attraverso il sito web gentlemansride.com) vengono corrisposti alla Movember Foundation, la più grande organizzazione di andrologia del mondo.

Testimonial per l’Italia dell’evento, ma soprattutto sostenitore del “The Distinguished Gentleman’s Ride” è come ogni anno Lorenzo Cherubini , in arte Jovanotti, grande appassionato di moto, ed uomo molto sensibile alle tematiche sociali. L’evento prenderà le mosse proprio da Amalfi dove è previsto alle 9,00 il raduno dei “gentiluomini” in Piazza Flavio Gioia. Alle ore 10,00 vi sarà la partenza alla volta del capoluogo. Giunti a Salerno, il corteo si sistemerà in Piazza della Concordia dove opererà una sosta di un’ora per un caffè. Alle ore 12,00 la sfilata riprenderà il cammino verso Cava de’ Tirreni fino a giungere a Piazza San Francesco.

Quest’ultima, adeguatamente allestita per l’occasione con addobbi e decori in stile, ospiterà per l’intero pomeriggio oltre 400 motociclette english style e i riders accompagnati dalle proprie gentlewomans. Musica e animazione accompagneranno l’intera manifestazione sino alla conclusione, prevista per le 19,00.Per l’occasione, i pub, ristoranti e bar osserveranno orario continuato e per i “distinguished” è previsto il 20 per cento di sconto su ogni consumazione.Sponsor internazionali della manifestazione Triumph Motorcycles e Zenith Watches.