protesta

ricerca per tag

 
 

Centri di riabilitazione, serrata e corteo di protesta contro tetti di spesa e liste d’attesa

centro-riabilitazione-vivimediaSALERNO. La grave situazione determinatasi anche a causa delle ultime decisioni della Struttura Commissariale Regionale in termini di tetti di spesa e delle lunghissime liste d’attesa, che di fatto proibiscono a centinaia di persone con disabilità anche in età evolutiva di accedere nelle strutture Riabilitative e Socio-sanitarie, impone ai Centri di riabilitazione una riflessione forte e incisiva. Lo scenario che si prefigura, infatti, è pieno di disagi e incertezze.
A tal fine, il Presidente dell’Anffas Onlus di Salerno e Coordinatore regionale Salvatore Parisi, ha convocato per domani martedì 12 aprile alle ore 16.30 presso il Centro Diurno “Giovanni Caressa” (via del Tonnazzo 83, Fuorni) le famiglie di coloro che da tempo attendono di iniziare la prestazione riabilitativa.
Questo incontro anticipa la mobilitazione regionale delle Associazioni di categoria che si svolgerà lunedì 18 aprile a Napoli con conseguente interruzione dei servizi.
“Nonostante la mediazione costante del Presidente della Regione Vincenzo De Luca - commenta Parisi - Commissario e con il Sub-Commissario della Regione Campania che non hanno inteso, però, sino ad oggi, convocare nemmeno una volta il comparto riabilitativo e socio-sanitario per affrontare i gravi problemi che attanagliano il settore. Senza contare che le ASL non conoscono il vero fabbisogno e non gestiscono le liste d’attesa di prestazioni rientranti nei Livelli Essenziali di Assistenza. La misura è davvero colma”.
L’Anffas farà la sua parte unitamente anche alla FISH Regionale -  continua il Presidente dell’Associazione -sensibilizzando e responsabilizzando le famiglie che devono essere, da oggi, attori protagonisti di un cambiamento culturale e di civiltà in una Regione che da troppi anni intende solo fare scelte ragionieristiche”.
Parisi si dice inoltre preoccupato anche per il mantenimento dei livelli occupazionali messi fortemente a rischio da scelte che quasi sempre si tramutano nella mancanza di coraggio di non scegliere che mortificano persone e professionalità. (Anna Bisogno)

NAPOLI: Tribunale: avvocati in rivolta

protesta-avvocati-napoli-febbriaio-2014-vivimediaContinua la protesta, messa in atto dagli avvocati napoletani, contro gli ultimi discussi provvedimenti emanati dal Governo.

Questa mattina, agli ingressi del nuovo tribunale di Napoli, si è inaugurata la prima tra le manifestazioni di informazione e contestazione che si terranno, nel corso dei prossimi giorni, in vari luoghi della città e della provincia.

Volantini e materiale informativo sono stati distribuiti ai cittadini, al fine di sensibilizzarli sulle novità recentemente introdotte, che hanno visto l’impennata dei costi della giustizia a carico degli utenti e la riduzione del numero degli uffici giudiziari presenti sul territorio, con moltiplicazione di costi, disagi e gravi inefficienze, oltre a non garantire alcun effettivo risparmio da parte dello Stato.

Gli avvocati denunciano: “il gratuito patrocinio è stato di fatto eliminato”!

In effetti, la decurtazione quasi totale dei compensi spettanti ai difensori, che si offrono per il patrocinio dei meno abbienti a spese dello Stato, comporterà, per gli stessi, l’impossibilità di continuare ad assumere tale tipo di difesa, con inevitabile compromissione e pregiudizio dei diritti di chi non ha mezzi economici adeguati.

Altro tema scottante è il metodo di adozione di tali provvedimenti. “La decretazione d’urgenza”, segnalano i legali napoletani, “non è degna di uno Stato democratico, garante del confronto parlamentare e, sicuramente, non adatta a risolvere i problemi della giustizia”.

Si è giunti, segnalano, a prevedere il versamento di onerosi contributi per ogni singola fase del processo, ivi compresa quella, costituzionalmente garantita, della motivazione della sentenza.

Ciò, in assoluta controtendenza rispetto ad altri paesi europei, i quali hanno recentemente rimosso gli oneri economici previsti per l’accesso alla giurisdizione, in quanto odiosi ed insopportabili ostacoli frapposti tra il cittadino e la Giustizia.

Come se non bastasse, per poter legittimamente adire il Giudice statale, in molti casi si è reso obbligatorio il previo ricorso all’istituto oneroso della mediaconciliazione, inutile e spesso dannoso, in quanto non sempre affidato alle cure di figure tecnicamente adatte.

Ultimo, ma di non minore importanza, è l’allarme lanciato in merito alla paventata previsione di corresponsabilità dell’avvocato, unitamente al proprio assistito, al pagamento delle spese di giudizio in caso di lite temeraria.

Particolarmente agguerriti e stanchi di passare per i responsabili dei mali della giustizia italiana, afflitta da ben altre problematiche, gli avvocati non disertano il confronto sui temi caldi ed, anzi, avanzano proposte, che si augurano di poter discutere con i referenti istituzionali.

Forte sensibilità è stata dimostrata anche nei confronti dell’increscioso stato di sovraffollamento delle carceri, con richiesta di soluzioni e provvedimenti da adottarsi in tempi rapidi.

Non è mancata, infine, la denuncia di gravi violazioni delle libertà costituzionalmente previste, a seguito delle intercettazioni dei colloqui tra difensore ed assistito.

Il programma delle manifestazioni prevede altresì tre giorni di astensione dalle udienze, previsti per il 18, 19 e 20 febbraio, oltre ad un corteo nazionale, indetto dall’Organismo Unitario dell’Avvocatura, per il giorno 20 febbraio 2014 in Roma.

Queste le date dei prossimi appuntamenti:

  • giovedì 6 febbraio in Napoli alla via Scarlatti ed alla Piazza dei Martiri;
  • venerdì 7 febbraio in Marano davanti all’ufficio del Giudice di Pace ed alla Piazza della Pace;
  • sabato 8 febbraio in Capri alla Piazza Umberto I;
  • lunedì 10 febbraio in Napoli davanti all’ufficio del Giudice di Pace;
  • martedì 11 febbraio in Barra davanti all’ufficIo del Giudice di Pace ed alla Piazza De Sanctis;
  • mercoledì 12 febbraio in Frattamaggiore davanti all’ufficio del Giudice di Pace ed alla Piazza Umberto I;
  • mercoledì 12 febbraio in Agnano davanti al Giudice di Pace ed in Pozzuoli alla Piazza della Repubblica;
  • giovedì 13 febbraio in Afragola davanti all’ufficio del Giudice di Pace ed alla Piazza Gianturco;
  • venerdì 14 febbraio in Casoria davanti al Tribunale, di fronte al Giudice di Pace di Casoria ed in Piazza Cirillo;
  • lunedì 17 febbraio in Portici davanti al Giudice di Pace ed alla Piazza San Ciro;lunedì 17 febbraio in Ischia davanti al Tribunale.

(Biagio di Isernia)