Archivio

ricerca per autore

 

ARCIDIOCESI AMALFI – CAVA DE’ TIRRENI. Natale 2019: auguri dell’Arcivescovo

In occasione del Santo Natale, mi è gradito rivolgere un cordiale saluto augurale alla Comunità diocesana di Amalfi – Cava de’ Tirreni.

Nella nostra società, non mancano gesti di bontà, di generosità e di altruismo, ma purtroppo, sono presenti anche azioni di egoismo, di cattiveria e di violenza. Il Signore Gesù, entrando nella storia umana, ci manifesta la vicinanza, la benevolenza, l’amore di Dio per noi e ci invita alla concordia, alla pace, alla solidarietà, alla fratellanza e alla tenerezza.

Papa Francesco, il primo dicembre scorso, a Greccio, dove San Francesco di Assisi, nel 1223, allestì il primo presepe vivente, ha scritto una lettera sul significato e il valore del presepe. Il Santo Padre, augurandosi che “la pratica del presepe non venga mai meno, ma possa essere riscoperta e rivitalizzata”, ci invita a “contemplare la scena del Natale e a metterci spiritualmente in cammino, attratti dall’umiltà di Colui che si è fatto uomo per incontrare ogni uomo”. Davanti al presepe noi “scopriamo che Egli ci ama a tal punto da unirsi a noi, perché anche noi possiamo unirci a Lui”. Tommaso da Celano, il primo biografo di San Francesco, ricorda che in quella notte di Natale, “ciascuno se ne tornò a casa sua pieno di ineffabile gioia”.

Carissimi, raccomando vivamente che in ogni famiglia si possa realizzare un piccolo presepe, per ricordare il mistero del Natale. Il Sommo Pontefice ci dice che “non è importante come si allestisce il presepe, ciò che conta, è che esso parli alla nostra vita” e al nostro cuore. Il presepe, infatti, “ci educa a contemplare Gesù, a sentire l’amore di Dio per noi, a sentire e credere che Dio è con noi e noi siamo con Lui, tutti figli e fratelli grazie a quel Bambino Figlio di Dio e della Vergine Maria.

Nel presepe, troviamo anche il pastore dello stupore, della meraviglia. Dallo stupore scaturisca il nostro “grazie” a Dio che “non ha voluto lasciarci soli”. Ad ogni Natale noi ci scambiamo gli auguri perché avvertiamo che la Nascita di Gesù è anche la nostra nascita, la nascita di Dio nella grotta della nostra povertà. Facciamo in modo che noi cristiani diffondiamo luce con la nostra vita. Le famiglie e le nostre comunità parrocchiali assomiglino veramente a Betlemme. Brilli la stella della testimonianza che racconti la bellezza di una vita abitata e trasformata dalla Presenza e dall’innocenza del Dio Bambino in mezzo a noi. Il Signore Gesù possa cambiare il nostro cuore, affinché noi diventiamo Betlemme “casa del pane” e gustiamo la gioia del Natale con Maria, Giuseppe ed i pastori. Ci doni il coraggio di saper condividere con chi non ha, per fare l’esperienza meravigliosa del dono, per vivere il Natale insieme a Lui!

Il mio paterno e fraterno augurio di sante feste, raggiunga tutte le persone del nostro territorio, in particolare quelle sole, malate o che vivono momenti di difficoltà economica e familiare. In questo Natale, siamo vicini alle persone che in questi giorni hanno subito danni e disagi, a causa del maltempo. Il nostro territorio è incantevole, ma anche delicato e fragile!

Nell’augurarvi un buon e santo Natale, invoco la benedizione del Signore su ciascuno di voi!

+ Orazio Soricelli
Arcivescovo

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Fine anno col botto: centosessanta eventi!

Tra le star, Ron, Claudia Koll, I Tableaux vivants, Sherrita Duran, Grazia di Michele, Geolier.


Un programma nutritissimo di eventi, oltre centocinquanta, sta caratterizzando e caratterizzerà le festività natalizie e di fine anno a Cava de’ Tirreni, con attenzione per tutte le generazioni e le frazioni, e, come sottolineano con orgoglio il Sindaco Vincenzo Servalli e l’Assessore alla Cultura e Vicesidaco Armando Lamberti, un grande ventaglio di musica, canto, suoni, colori, arte, letteratura, giochi, riflessioni, favole, meditazioni, senza contare i classici momenti natalizi, tra presepi e tradizioni varie.

Sarà comunque un ventaglio di alta qualità, con alcune manifestazioni di livello nazionale e internazionale. Basterà già questo calendario delle “iniziative di maggiore” evidenza per rendersi conto della portata di questi fuochi d’artificio di fine anno.

Lunedì 23 Dicembre 2019

ore 17.30 – Aula Consiliare del Palazzo di Città

Incontro-conversazione con Maurizio Merolla

con testimonianze e videoproiezioni.

ore 19.30 – Recital di Maurizio MerollaFarfariello al Varietàomaggio a Eduardo Migliaccio

Farfariello è il nome d’arte di Eduardo Migliaccio, cavese di Santiquaranta, che emigrò negli Stati Uniti con la famiglia alla fine dell’Ottocento e qui, dopo un naturale periodo di difficoltà per l’integrazione in un mondo tanto diverso dal suo, riuscì ad emergere nel campo dello spettacolo e della creatività. Creò un personaggio di nome Farfariello, ispirato ad uno dei diavoletti danteschi dell’Inferno, e si esibì in pubblico rappresentando il mondo degli italo-americani immigrati e utilizzando una lingua mista, l’italglish, che faceva sorridere, comunicare, pensare. La sua popolarità divenne tale che ai suoi show andavano anche le più alte autorità, Presidenti compresi.

A lui agli inizi del nuovo Millennio il Comune di Cava ha dedicato una rassegna, delle mostre e la Piazzetta di Santiquaranta, in ricordo del suo luogo natio.

Giovedì 26 Dicembre 2019ore 21.00

Concattedrale S. Maria della Visitazione

(Duomo di Cava de’ Tirreni )

Concerto della Nuova Orchestra Scarlatti

Direttore: M° Maurizio D’Urso

La Nuova Orchestra Scarlatti nasce a seguito dello scioglimento dell’Orchestra Scarlatti RAI, debuttando il 21 marzo 1993 all’Auditorium RAI di Napoli. A partire dal 1994 la

N.O.S è presente sul territorio napoletano e campano con eventi e rassegne periodiche, come ad

esempio il “Festival Barocco e…”, giunto alla dodicesima edizione.

Parallelamente, ha tenuto numerosi concerti in importanti centri italiani ed esteri, da Roma a Belgrado, da Ginevra al Lussemburgo, da Berlino a San Pietroburgo, con un repertorio spaziante dalla musica barocca alla contemporanea e volto particolarmente a valorizzare in Italia e nel mondo il patrimonio della scuola musicale napoletana.

Nel corso della sua attività la N.O.S. ha intrecciato collaborazioni con grandissimi musicisti italiani ed internazionali ed ha realizzato escursioni oltre i confini del classico, accanto ad artisti come Lucio Dalla, Edoardo Bennato, Franco Battiato e Andrea Bocelli.

Tra l’altro, ha eseguito due grandi concerti per la Pace (evento clou delle Quattro giornate di Napoli per la Pace in Medio Oriente) a Gerusalemme e a Ramallah, nei Territori

Palestinesi, rispettivamente il 29 settembre e il 1 ottobre 2005.

L’Orchestra, oltre i raffinatissimi concerti, realizza da anni anche incontri musicali dedicati ai giovani, dalla formula originale, espressamente pensata per loro, e sperimentata con successo con

migliaia di ragazzi delle scuole di tutta la Campania.

Sabato 28 Dicembre 2019 – ore 17:00

Chiesa di San Francesco

Incontro conversazione con Claudia Koll sul tema:

“Natale: Festa dell’Amore” in occasione della presentazione del suo Libro “Non di solo pane vive l’uomo” – Tau Editrice

Claudia Koll, al secolo Claudia Maria Rosaria Colacione (Roma 1965), è una popolare attrice romana di famiglia italo-rumena. Appassionata di recitazione, si fa notare nel mondo dello spettacolo con alcuni film, il che le permette di essere scelta nel 1995 da Pippo Baudo per presentare il Festival di Sanremo con lui e con Anna Falchi. Sulla scia della popolarità acquisita, può mettere meglio a frutto anche le sue doti di attrice, sia in teatro che in televisione.

Raggiunge il picco nella serie Linda e il brigadiere, in coppia con Nino Manfredi (1997-2000). Proprio in questo periodo però, la sua vita ha una svolta radicale. Si avvicina al Cattolicesimo, si dedica ad attività di volontariato e apostolato, fonda l’Associazione “Le opere del Padre”, a sostegno delle persone in difficoltà, soprattutto in Africa, successivamente si dichiara suora missionaria. Dal 2005, dopo alcune interpretazioni televisive a carattere religioso, ha lasciato definitivamente la recitazione per vivere in pieno la sua dimensione di testimone attiva del

Vangelo.

Sabato 28 Dicembre 2019 ore 19.30

Palazzo di Città – Aula Consiliare Generale Sabato Martelli Castaldi

Papillon Vintage Swing Band in concerto

“Tutto il meglio dello Swing italiano dagli anni ‘30 agli anni ‘50”

Questa “giovane” vintage band nasce nel 2017 dalla passione di sei musicisti professionisti.

I sei formano così un’energica e ultraretrò swing band con base in Toscana, capace di offrire un repertorio con la più bella musica italiana degli anni ‘30, ‘40 e ‘50 in chiave swing, arrangiando e riadattando i brani in modo davvero unico.

Domenica 29 Dicembre 2019

Cinema Metropol

ore 11.45

Mister Scrooge

Mister Scrooge (Il signor Scrooge, cioè “Il signor Taccagno”), uno dei personaggi

più importanti creati dalla penna dello scrittore inglese dell’Ottocento Charles Dickens, è il protagonista del “Racconto di Natale”, che parla della crisi di coscienza di un avido e

arido mercante, sfruttatore e egoista, che di fronte al triste bilancio della sua anima e in vista della vecchiaia diventa un affettuoso e convinto benefattore. A questo personaggio si è ispirata la figura disneyana di Zio Paperone, che infatti in inglese si chiama Uncle Scrooge.

Domenica 29 Dicembre 2019

Abbazia Benedettina della SS.ma Trinità – Ore 19.30

Seguendo una Stella…

Concerto Natalizio del Coro Santa Scolastica diretto dalla violinista Chiara Gaeta

Special guest M° Gennaro Desiderio

Lunedì 30 Dicembre 2019

Basilica della Madonna dell’Olmo

ore 19.30

Concerto di musiche e melodie natalizie “Quanno nascette Ninno” con il Gruppo Damadakà

Il Gruppo Damadaká nasce agli inizi degli anni ‘90 cominciando una propria ricerca sulle origini delle tradizioni e della musica popolare del Sud Italia, muovendosi sul recupero di una memoria musicale.

Riconoscimenti: Primo premio in Spagna del Festival Internazionale di musica tradizionale “Malaga Eurofolk 2006”;Vincitori del prestigioso premio del pubblico dello “Young Audience Music Awards 2012”.

Dal 2017 i Damadaká collaborano con l’Associazione Indila sotto la Direzione Artistica di Annalisa Arbolino.

Mercoledì 1 Gennaio 2020 – ore 11,00

Aula Consiliare del Palazzo di Città

Concerto dell’Orchestra “Harmonia mobile”

L’Orchestra di Stato Harmonia Nobile (Ucraina), fondata nel 1975, è una delle più importanti e rinomate orchestre europee.

Oltre ad aver lavorato con prestigiosissimi maestri e solisti, ha effettuato diverse tournée in quindici paesi europei, eseguito oltre 2300 concerti, registrato otto album. È specializzata in opere classiche, musica moderna, concerti di accompagnamento adattati per orchestra d’archi. Può predisporre oltre cento programmi diversi.

Giovedì 2 Gennaio 2020 – ore 21.00

Cinema Metropol, Corso Umberto I, 228

Concerto del M° Matteo Schiavone

Matteo Schiavone è un tenore salernitano, che è riuscito ad avere un successo nazionale ed internazionale. È emerso nel 1991, quando lui ed il fratello Luciano, che avevano formato la coppia Lyric Brothers, vinsero un concorso promosso da Teddy Reno e Rita Pavone, i quali li lanciarono poi in campo nazionale. In particolare, diventarono in TV ospiti fissi agli spettacoli del Bagaglino. Dopo la prematura scomparsa di Luciano, Matteo ha continuato con successo la carriera da solista,

facendosi apprezzare sia nel repertorio lirico che in quello leggero. Si è affermato, poi, come concertista ed ha partecipato a svariate trasmissioni televisive, tra cui l’ultima è stata “Italia’s Got Talent”, con Maria De Filippi e Gerry Scotti.

Venerdì 3 Gennaio 2020 – ore19.30

Palazzo di Città – Aula Consiliare “Generale Sabato Martelli Castaldi”

Recital di Grazia Di Michele

Grazia DI Michele, nata a Roma nel 1955, è una versatile cantante e cantautrice, una quarantennale presenza di qualità nel panorama della musica Italiana. Sulla breccia dal 1978, si caratterizza per le tonalità della sua voce e per l’incisività dei contenuti, tendenzialmente legati all’attualità e incentrati sulla valorizzazione della libertà, della dignità, della giustizia. Sa essere comunicativa ed empatica, tanto è vero che ha anche scritto canzoni per bambini, una delle quali è stata premiata allo Zecchino d’oro. Ha al suo attivo quattro partecipazioni

al Festival di Sanremo ed una presenza fissa ad “Amici”, dove fungeva

da insegnante di musica e di canto.

Domenica 5 Gennaio 2020 – ore 19.00

Palazzo di Città

Ron incontra i giovani

Piazza Duomo – ore 22.00

Ron in concerto

La Grande Notte Bianca di Cava de’ Tirreni 2020, XV Edizione, vede protagonista Rosalino Cellamare, in arte Ron, uno dei cantanti e musicisti italiani dal successo più duraturo e longevo. Sessantasei anni, canta a buoni livelli dal 1967 ed è sulla breccia del successo dal biennio 1970-71, quando esordì a Sanremo cantando in coppia con Nada il brano Pa’, diglielo a Ma’ e dal 1971, quando cominciò il suo sodalizio, durato una vita, con Lucio Dalla, per il quale scrisse la famosa “Piazza Grande” ed alle cui canzoni ha dedicato nel 2018 il suo ultimo album. Vanta al suo attivo anche varie partecipazioni e una vittoria al Festival di Sanremo (con il brano “Vorrei incontrarti tra cent’anni”) e circa cinquanta tra album, raccolte e singoli. È in assoluto uno di quegli artisti meglio capaci di mettere d’accordo la critica più raffinata ed i gusti del grande pubblico.

Domenica 5 Gennaio 2020 – ore 24.00

Piazza Duomo

Geolier in concerto

Geolier è un rapper di Napoli che nell’ultimo anno ha ottenuto molta visibilità grazie al

brano “P Secondigliano”, che conta più di venti milioni di visite su Youtube. Successo

che ha successivamente riconfermato con il singolo “Como te” insieme con Emis

Killa. Anche questa video ha ottenuto tanti click superando i dieci milioni di visite.

Recentemente è uscito anche il video di “Narcos” che è riuscito a posizionarsi

primo in tendenze per due giorni consecutivi. Ennesima dimostrazione di

quanto sia stato abile nel crearsi un immaginario efficace e interessante per

il pubblico, portando un rap diverso che nessuno aveva ancora portato. Nei

prossimi anni potrebbe diventare una delle nuove colonne del Rap a Napoli.

———————-

Domenica 5 Gennaio 2020 ore 18.00 – 21.30

Corso Umberto I

Conturband in concerto, Epiphany Parade, Ziopotter Ziopotter

La Conturband è una street band, chiamata anche marching band, costituita da quindici elementi tra fiati e percussioni.

È un gruppo di artisti, caratterizzato da un alto livello tecnico, con un particolare stile di marcia. La strumentazione prevede tipicamente solo ottoni, legni e percussioni, ossia strumenti in grado di fornire un certo rendimento all’aperto ed in grado di permettere eventuali movimenti del corpo.

L’Epiphany Parade è una spettacolare parata, per le strade cittadine, di cinque Befane/Pupazzoni di gommapiuma, alte circa tre metri, accompagnate da una banda musicale di otto elementi proveniente direttamente dal Paese delle Befane, da due befane con i loro sacchi pieni di caramelle. Secondo lo scrittore Gianni Rodari, la Befana si divide in tre parti: le scarpe rotte, la scopa e il sacco.

Ziopotter Ziopotter è un mago rigorosamente abbigliato secondo i canoni di Hogwarts, la famosa scuola di Harry Potter. si esibisce su palcoscenico o in micromagia per grandi e piccoli, che intrattiene con il suo spettacolo ricco di oggetti, colori, apparizioni, sparizioni, trasformazioni, manipolazione palloncini, gag, numeri di cabaret magico, vestizioni e partecipazioni sia singole che collettive.

——–

Sabato 11 Gennaio 2020 ore 20.15

Duomo di Cava de’Tirreni

The Blue Gospel Singers in concerto

The Blue Gospel Singers è un folto coro gospel italiano specializzato nell’esecuzione dei canti gospel, quelli che venivano cantati dagli schiavi africani deportati nelle piantagioni, che alleggerivano la fatica del lavoro, stimolavano la creatività (spesso erano improvvisati, a domanda e risposta) e servivano a conservare l’identità di un popolo sotto attacco per la prigionia e le dispersioni.

Il gruppo vuole contraddistinguersi e mettersi fuori dal coro: la sua originalità consiste nel saper unire le musiche tradizionali religiose con le nuove tendenze del gospel contemporaneo, nato con meno catene ma col forte spirito identitario di sempre. Dopo varie ospitate televisive (“Ti lascio una canzone”, “Italian’s got talent”), è in gara nel Concorso nazionale televisivo “Una canzone di noi”.

Domenica 12 Gennaio 2020 ore 20.15

Chiesa di San Francesco

Concerto di Sherrita Duran

Sherrita Duran è una cantante di origine californiana affermatasi negli Stati Uniti verso la fine del secolo scorso e operativa in Italia da circa vent’anni. Si caratterizza per una voce stupenda, dal timbro morbido e vellutato, dall’estensione amplissima e da una piena padronanza della tecnica, che le permette una versatilità assoluta, dalla lirica al pop, dal gospel al jazz, dal soul alla musica dance e all’hip hop, dal rhythm and blues al musical. Non a caso è stata definita “un soprano acrobatico”. Ha collaborato anche con i maggiori artisti italiani, tra cui Adriano Celentano e Gianni Morandi. Quest’anno si è esibita al Festival di Sanremo per tutte e quattro le serate, come corista solista del cantante Irama.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Gli Ispettori Ambientali accolti dal Sindaco Vincenzo Servalli

Come consuetudine per tutte le Istituzioni, in chiusura d’anno anche il Nucleo Ispettori Ambientali Comunali Volontari ha sentito il dovere di illustrare alla collettività di Cava de’ Tirreni, l’impegno profuso ed i risultati conseguiti in tema dei Regolamenti a cui attende.

Grazie alla lungimirante attenzione posta da chi ci ha governati e ci governa, ma, in particolare, è d’obbligo rivolgere un doveroso ringraziamento al Signor Fortunato Palumbo, al tempo Assessore all’Ambiente e in tempi più recenti al Sindaco Vincenzo Servalli, all’Assessore Nunzio Senatore ed ai Dirigenti Francesco Sorrentino, Luigi Collazzo, Antonino Attanasio e Stefano Cicalese, senza omettere la fattiva e costruttiva vicinanza dei vertici della Metellia Servizi S.r.l. e del Segretario Generale Vincenzo Maiorino, col quale, da subito, il Nucleo ha provveduto a sollecitare i necessari emendamenti ai Regolamenti comunali.

Premesso che per gli appartenenti al Nucleo la verbalizzazione rappresenta l’ultima ratio per far osservare Leggi e Regolamenti, indispensabili per il democratico vivere comune, sin dal nascere ad oggi, ha ammonito ben 827 concittadini intenti, prima che ciò avvenisse, a conferire rifiuti d’ogni genere sia nelle 17 Frazioni collinari e sia nel Borgo, in giorni non consentiti dal vigente calendario, attivo dalla Metellia Servizi S.r.l., sin dal 2008, oltre che in orari antimeridiani.

Pur tuttavia, nello stesso periodo, sono stati elevati, mai nei confronti di minori o di persone in avanzata età, ben 127 atti pubblici, di cui:

1.n. 5 Notizie di Reato, che hanno interessato la Magistratura nocerina e la Polizia Giudiziaria cavese, per oltraggio, violenza, minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale, furto di beni della Pubblica Amministrazione e minacce ad Incaricati di Pubblico Servizio, Diffamazione a mezzo stampa;

2.n. 51 verbali per conferimento rifiuti;

3.n. 28 verbali per affissione abusiva, procedendo anche alla conseguente defissione, restituendo il “Borgo Grande” e non solo al decoro cittadino;

4.n. 31, invece, sono stati i dettagliati rapporti inoltrati all’Ufficio Ambiente Comunale, per l’inosservanza alle prescrizioni emanate per frenare l’abbandono di amianto, con le conseguenti Notizie di Reato, ex art. 347 del C.P.P., per violazione all’art. 650 del C.P., e l’irrogazione della complessiva sanzione amministrativa da € 26.000,00 a € 52.000,00;

5.n. 12 verbali inerenti le deiezioni canine, la nettezza del suolo, l’incendio di sfalci ed il volantinaggio non consentito.

Alla luce di quanto detto, il Sindaci, il Dirigente Cicalese, ma anche il Dottore Giovanni Muoio e l’Avvocato Maurizio Avagliano hanno espresso al Nucleo Ispettori Ambientali parole di vivo apprezzamento, recepito anche dalla Società Civile, per la costante volontaria attività svolta.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). L’Agenda letteraria di Gabriella Pastorino, una sinfonia della creatività

In tour per il territorio: a Cava de’ Tirreni il 12 dicembre.


Giovedì 12 dicembre 2019, alle ore 18,15 presso la Sala d’Onore del Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni, in Piazza Abbro, col patrocinio del Comune di Cava de’ Tirreni e della Casa Editrice “NoiTré”, sarà presentata l’Agenda letteraria 2020, curata da Gabriella Pastorino. Interverranno il Sindaco di Cava de’ Tirreni Vincenzo Servalli, il Vicesindaco e Assessore alla Cultura Armando Lamberti, il Presidente dell’Associazione Giornalisti di Cava de’ Tirreni e Costa d’Amalfi “Lucio Barone” Emiliano Amato, lo scrittore Pasquale Di Domenico, la poetessa Silvana Salsano, l’Editrice e scrittrice Gabriella Pastorino, che farà anche da relatrice ufficiale. La conduzione sarà affidata a Franco Bruno Vitolo.

L’Agenda, giunta oramai alla sua quattordicesima edizione e come sempre consacrata alla Cultura della Mente, del Cuore e della Vita, presenta una calibrata fusione di poesia, saggistica, narrativa, arte e curiosità, diventando di fatto un libro da leggere e da tenere sul comodino per godersi anche per pochi minuti il gusto di un’informazione o di un’emozione in più. Quest’anno è incentrata sul tema dei Perennials, cioè di coloro che fino a tarda età fanno sentire il loro peso nella vita sociale ad ogni livello. Contestualmente, i filoni di conoscenza avranno come stelle polari il poeta turco Nazim Hichmet, una delle più grandi personalità letterarie del secolo scorso, il pittore americano Edward Hopper, lucido cantore dello straniamento metropolitano, e il nostro Dante Alighieri, con i suoi tre campioni infernali, il Conte Ugolino, Paolo e Francesca, Ulisse.

E poi i confronti tra la moda di mille anni fa, cioè di ieri, e quella di oggi, e i bei bei racconti della stessa Pastorino… e le spiazzanti sculture di Matteo Pugliese sull’uomo spezzato… Sono solo alcune fette della grande torta: l’anno è lungo trecentosessantacinque giorni …

NAPOLI. L’Orchestra Scarlatti Junior di Napoli protagonista del tradizionale Concerto di Natale della Camera dei Deputati

L’Orchestra Scarlatti Junior di Napoli sarà protagonista del tradizionale Concerto di Natale della Camera dei Deputati, diretta dal M.° Gaetano Russo, in un programma sinfonico spaziante da Bizet a Sibelius, da Morricone a Beethoven.
L’evento si terrà quest’anno lunedì 9 dicembre, alle ore 18.00, e sarà trasmesso in diretta da RAI5, e poi in differita, il 22 dicembre da RAI3.
L’Orchestra, cuore giovane della Comunità delle Orchestre Scarlatti che da alcuni anni cresce intorno alla Nuova Orchestra Scarlatti, ritorna a Roma, alla Camera dei Deputati dopo il successo del concerto del 16 dicembre 2018, realizzato nell’ambito della manifestazione “Montecitorio a porte aperte”.

Circa 90 ragazze e ragazzi della Scarlatti Junior saranno impegnati in un ricco e vario programma sinfonico in cui ogni brano scelto ha un suo specifico valore musicale o significato sociale, come afferma il M.° Russo (direttore artistico della Nuova Scarlatti e coordinatore didattico-musicale della Junior).
Così, ad esempio, dopo l’Inno di Mameli a cui si unirà il Coro del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, l’esecuzione, senza direttore, della trascinante Farandole dalla Seconda Suite dell’Arlesiana di Bizet, guidata dall’interno dell’Orchestra dalla Spalla (il Primo violino) Chiara Rollini, sarà una prova anche di forte coesione per i giovani e giovanissimi della Junior.

Tra i musicisti, anche le violiniste Nicole Vitale e Chiara Guida, allieve, rispettivamente, del Liceo musicale e del Liceo classico “Marco Galdi” dell’IIS “De Filippis Galdi” di Cava de’Tirreni, e Alessia Sorrentino e Ludovica Ventre, violinista e violoncellista, diplomatesi al l Liceo musicale metelliano nello scorso anno scolastico. Un’altra prova di bravura degna di un’orchestra professionale sarà poi l’esecuzione del poema sinfonico Canto di primavera di Jean Sibelius, una pagina tutta in crescendo, di ampio respiro sinfonico, veramente difficile da trovare nel repertorio di un’orchestra giovanile.
Una particolarissima versione strumentale di Here’s to You di Ennio Morricone (dalla colonna sonora del film Sacco e Vanzetti), portata all’essenza di un canto senza parole che si leva su un ritmo ostinato di marcia, trasformerà questa celebre ballad in un corteo che man mano si avvicina, irrompe sulla scena al massimo dell’energia, per poi sfumare gradualmente.
Un Inno laico di libertà a cui risponderanno idealmente, a fine programma, le note dell’Inno alla Gioia di Beethoven (di nuovo con la partecipazione del Coro del Conservatorio di Roma): il grande sogno di fraternità universale del sommo musicista in cui, non a caso, l’Europa Unita riconosce oggi il suo Inno.

Partecipano al Concerto di Natale anche due giovani voci napoletane, Laura Paolillo e Naomi Rivieccio, giovane cantante che spazia dall’opera del ’700 al pop (nota al grande pubblico anche come finalista dell’edizione 2018 di X Factor)

Tra gli altri brani in programma ricordiamo alcune tra le pagine più amate di Roberto De Simone e un brano inedito composto espressamente per l’Orchestra Scarlatti Junior da Bruno Persico, musicista napoletano che si muove con versatilità fra classico e jazz, composizione e improvvisazione: Don Duke, brillante omaggio sinfonico a Duke Ellington (in cui a un certo punto sentiremo come la nostra Munasterio ‘e Santa Chiara fa il verso a In a sentimental mood, a ricordare che la nostra è da sempre terra di incontri fecondi tra culture diverse).
Dice infine Gaetano Russo: “Sarà una grande soddisfazione per i nostri ragazzi manifestare in uno dei più importanti luoghi delle nostre istituzioni, della nostra democrazia, tutto l’entusiasmo e l’impegno spesi per raggiungere obiettivi di alto professionismo e, insieme, esprimere tutti i valori di autentica comunità che fioriscono dentro un’Orchestra, chiaro esempio per una vera coesione artistica e sociale”.