Politica & Amministrazione

 

Cava de’ Tirreni (SA). Presentato il bando per contributi a fondo perduto per il commercio.

Dalla Regione stanziati i contributi a fondo perduto a ristoro, una tantum, degli effetti negativi dell’emergenza covid sulle attività commerciali che rientrano nel perimetro dei distretti del commercio.    Hanno illustrato il provvedimento destinato alle micro, piccole e medie imprese, questa mattina, a Palazzo di Città, il Sindaco Vincenzo Servalli, l’Assessore alle Attività produttive Giovanni del Vecchio, i rappresentanti di Confesercenti Aldo Trezza, Confcommercio Annarita Colasante e della Camera di Commercio Pasquale Giglio.

“È il primo provvedimento a favore dei Distretti del Commercio – afferma il Sindaco Servalli – che permette alle nostre attività che maggiormente hanno sofferto la pandemia di avere un ristoro. Non dimentichiamo che in quel tragico periodo tante attività sono state costrette a restare chiuse subendo perdite ingenti ed altre purtroppo hanno dovuto chiudere le saracinesche per sempre”.

Il bando è stato pubblicato sul Burc della Regione Campania ed il Distretto del Commercio di Cava de’ Tirreni, denominato “La Città stellare: il centro e i suoi borghi”, che ricopre praticamente tutto il territorio cittadino, è tra i beneficiari del contributo regionale che ammonta, complessivamente, a 5 milioni di euro.

“La costituzione del Distretto – afferma l’Assessore Del Vecchio – ci permetterà di accedere ad altri finanziamenti specifici che certamente saranno disponibili in seguito e che per metteranno di strutturare interventi condivisi tra pubblico e privato. Il distretto, infatti, vede la partecipazione, oltre che di Confesercenti e Confcommercio, anche di Camera di Commercio di Salerno, Artemisia Clinica Ruggiero, Lenus Media, Associazione culturale Agorà, Legambiente Terra metelliana, Auser”.

I soggetti che possono presentare domanda sono le micro, piccole e medie imprese, così come definite dall’allegato I del Reg. (UE) n. 651/2014 collocate all’interno dell’ambito territoriale del Distretto del Commercio formalmente riconosciuto e iscritto nel rispettivo elenco della Regione Campania alla data di pubblicazione dell’Avviso sul BURC, che esercitano attività di commercio al dettaglio identificate dai seguenti codici della classificazione delle attività economiche ATECO 2007:- 47.19, 47.30, 47.43, tutte le attività dei gruppi 47.5, e 47.6, 47.71, 47.72, 47.75, 47.76, 47.77, 47.78, 47.79, 47.82, 47.89 e 47.99.

Le domande possono essere presentate fino alle ore 16 del 10 gennaio 2024, esclusivamente on line tramite la piattaforma regionale collegandosi al link: https://cloud.urbi.it/urbi/progs/urp/solhome.sto?DB_NAME=wt00037070.

Cava de’ Tirreni (SA). Convegno internazionale di studi sul tema “scuola, universita’ e ricerca.

Diritti, doveri e democrazia nello stato di cultura” (Universita’ degli studi di Salerno, Comune di Cava de’ Tirreni – 30 novembre, 1 e 2 dicembre 2023)


L’Università degli Studi di Salerno e il Comune di Cava de’ Tirreni ospitano, dal 30 novembre al 2 dicembre, il Convegno Internazionale di studi sul tema “Scuola, Università e Ricerca: Diritti, Doveri e Democrazia nello ‘Stato di cultura’ ”, promosso – sotto il coordinamento del Prof. Armando Lamberti, Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico e di Diritto Costituzionale nell’Ateneo salernitano, Presidente del Comitato Scientifico ed organizzativo – dalle Cattedre di Diritto Costituzionale (resto 1) e di Istituzioni di Diritto Pubblico, d’intesa con il Centro Studi di Diritto Europeo, con il patrocinio dei Dipartimenti di Scienze Giuridiche (DSG), di Scienze Umane, Filosofiche e della Formazione (DISUFF), di Scienze Politiche e della Comunicazione (DISPC), del Dottorato di Ricerca in Scienze Giuridiche e del C.U.G.R.I.

Il Convegno prevede la partecipazione di oltre 110 tra i più autorevoli esperti (italiani e stranieri) del diritto pubblico e costituzionale – tra cui 3 Presidenti Emeriti della Corte Costituzionale (Giovanni Maria Flick, Francesco Paolo Casavola, Cesare Mirabelli) e un giudice costituzionale in carica (Giovanni Pitruzzella) –, della pedagogia e delle scienze sociali.

Il Convegno di studi vuole costituire un momento di confronto tra diversi approcci disciplinari, analizzando le principali declinazioni teoriche relative alla democrazia, allo Stato sociale e allo “Stato di cultura”, alla scuola e all’inclusione, all’autonomia universitaria e alla ricerca, al rapporto tra scienza, tecnica, decisione politica e amministrazione.

I lavori si articolano in una seduta inaugurale – con la Lectio Magistralis di Giovanni Maria Flick, Presidente Emerito della Corte Costituzionale, sul tema “Cultura, transizione ecologica e sviluppo sostenibile oggi e domani negli articoli 9 e 41 della Costituzione” –, ospitata nell’Aula Magna “Vincenzo Buonocore” dell’Università degli Studi di Salerno (giovedì 30 novembre, ore 9:30) e in sei sessioni tematiche.

La prima sessione (Aula Magna “Vincenzo Buonocore”, ore 10:40) è dedicata al tema “Stato sociale, Stato di cultura e democrazia costituzionale” e si apre con la Lectio del Prof. Andrea Morrone, Ordinario di Diritto costituzionale nell’Università degli Studi di Bologna “Alma Mater Studiorum”, su “La costituzione performativa dello Stato sociale costituzionale”.

La seconda sessione (Aula Magna “Vincenzo Buonocore”, ore 15:15) è incentrata sul tema “Libertà ‘della’ e ‘nella’ scuola e università: diritti, doveri e responsabilità” e prevede la Lectio del Prof. Antonio D’Atena, Emerito di Diritto costituzionale dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, già Presidente dell’Associazione italiana costituzionalisti, su “Libertà di insegnamento e diritto all’istruzione tra democrazia ed evoluzione tecnologica”.

Venerdì 1° dicembre i lavori continuano ancora nell’Aula Magna “Vincenzo Buonocore” dell’Università degli Studi di Salerno, con la terza sessione (ore 9:30), dedicata a “Diritto all’istruzione e legislazione scolastica (un bilancio a cent’anni dalla riforma Gentile e a sessant’anni dalla scuola media unificata)”, con la Lectio della Prof.ssa Simonetta Polenghi, Ordinaria di Storia dell’educazione nell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sul tema “Il diritto all’istruzione nell’evoluzione della scuola italiana”, e la partecipazione di autorevoli costituzionalisti, pedagogisti, sociologi.

Nel pomeriggio (ore 15:00) si svolgerà la quarta sessione, di taglio interdisciplinare, sul tema “Il diritto all’inclusione scolastica delle persone con disabilità: prospettive giuridiche e pedagogiche”, con la Lectio del Prof. Harry Daniels, Ordinario di Pedagogia nell’Università di Oxford, su “Policy and Pedagogy for School and Social Inclusion”.

Nella giornata di sabato 2 dicembre, i lavori del Convegno si spostano nell’Aula Consiliare del Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni e si aprono con la quinta sessione (ore 09:00), sul tema “Università, ricerca e innovazione nell’era della transizione digitale e dell’intelligenza artificiale”, con la Lectio di S.E. Card. Josè Tolentino de Mendonça, Prefetto del Dicastero della Santa Sede per la Cultura e l’Educazione, su “Il ruolo dell’università tra tradizione e innovazione”.

La sesta sessione, infine, che avrà inizio alle ore 16:00, è incentrata sul tema “Scienza e tecnica: quale impatto su legislazione, governo e amministrazione?”, e prevede la Lectio del Prof. Ignazio Visco, già Governatore della Banca d’Italia (2011-2023), su “Conoscenza e innovazione per lo sviluppo dell’economia e della società”.
L’auspicio è che dai lavori di questo Convegno, grazie ad una sapiente “interdisciplinarietà” e, quindi, al contributo dei vari settori culturali coinvolti, possano emergere utili indicazioni per il legislatore e per gli organi di governo, nonché nuove riflessioni critiche per lo sviluppo del dibattito culturale e scientifico sulle tematiche oggetto delle sessioni, nella consapevolezza che – in un mondo sempre più complesso, caratterizzato dai processi di globalizzazione, ridefinizione dell’ordine internazionale, sviluppo tecnologico per la transizione digitale ed ecologica – il trinomio scuola/università/ricerca sia sempre più decisivo per garantire alle giovani generazioni uno strumentario critico per orientarsi di fronte ai fenomeni e per essere attori protagonisti (e non recettori passivi) dei grandi cambiamenti sociali.

comunicato stampa obiettivo italia

Cava de’ Tirreni (SA). Lo stadio affidato alla Cavese

Lo stadio comunale Simonetta Lamberti è stato affidato, attraverso un bando pubblico e la sottoscrizione di una convenzione, alla Società Sportiva Cavese 1919.


Il Sindaco Vincenzo Servalli ed il Presidente della Cavese, Alessandro Lamberti, hanno ufficializzato l’accordo con una conferenza stampa, questo pomeriggio, a Palazzo di Città.
“Abbiamo raggiunto un obbiettivo storico per la città e per la Cavese – afferma il Sindaco Vincenzo Servalli – un risultato reso possibile grazie a questa società ed al Presidente Lamberti in particolare, che fin dal primo giorno della sua gestione ha dimostrato concretezza, serietà e lungimiranza. Consegniamo uno stadio nel quale si sono scritte pagine importanti della storia della Cavese ma dell’intera città, e sul quale l’amministrazione ha investito finora oltre 2,5 milioni di euro. L’affidamento dello stadio alla Cavese ha lo scopo di consentire una programmazione a lungo termine e di adeguare l’impianto alle esigenze della società”.
La convenzione prevede una durata di cinque anni, con opzione per ulteriori cinque anni per la gestione complessiva di tutta la struttura che ha una capienza di 4884 posti, compreso gli impianti tecnici, ad eccezione dei locali in affidamento alle associazioni, per un importo annuale di 28 mila euro annui. Il Comune si riserva l’utilizzo dell’impianto per dieci giorni all’anno.
“Consideriamo questo impegno un punto di partenza – afferma il Presidente Lamberti – da quando, con i miei soci, abbiamo intrapreso avventura nella città che ha dato i natali alla mia famiglia, per noi era evidente che bisognava partire con una organizzazione e delle infrastrutture. Stiamo lavorando ad un progetto per far diventare lo stadio la casa della Cavese, ammodernandolo e per programmare il futuro della squadra e della società”.
Il Sindaco Servalli ha anche annunciato che è ritornato nella disponibilità del Comune, lo stadio di San Pietro che andrà ad integrarsi nel parco urbano in corso di realizzazione al posto del campo prefabbricati.

Cava de’ Tirreni (SA). Dal degrado alla rinascita.

Nel quarantennale del terremoto del 23 novembre del 1980, il Sindaco Vincenzo Servalli ha ricordato le vittime del crollo del palazzo in via Alfieri: Olmina Matonti, il nonno Carmine Masullo, i due nipotini, Flavio Giordano, Mariaolmina Masullo e Carmela Ferrara, 44 anni di Santa Lucia.

“Piangiamo i nostri defunti del terremoto cancellando tutti i segni di quella tragica sera – afferma il Sindaco Servalli – nella nostra città non esistono più campi prefabbricati e ogni singola famiglia che li occupava ha da anni ha un alloggio. Non solo però, in ognuno dei campi prefabbricati sono in corso i lavori per opere di riqualificazione grazie ai fondi Pics (Programma Integrato Città Sostenibile) e Pnrr”.

Il primo cittadino ha tracciato il percorso di un lavoro iniziato nel 2015, durante la prima consiliatura, con il definitivo trasferimento delle famiglie dai containers ai nuovi alloggi popolari, lo smantellamento e la bonifica dall’amianto di tutti i sette campi prefabbricati, la progettazioni di opere di riqualificazione urbana e la loro realizzazione.
“La nostra città – afferma il Sindaco Servalli – è interessata dalla più grande operazione di trasformazione urbanistica dal dopoguerra in poi. Lo testimoniano i fatti che tutti i cittadini possono vedere. Oltre agli 11 progetti Pics per circa 20 milioni di euro, sono in corso i lavori di completamento de parco urbano che sarà inaugurato prima del natale, di piazza San Francesco che riqualificherà l’intera porta sud della città anche con una nuova viabilità, di ristrutturazione di tutte le case popolari con un investimento di 10 milioni di euro. Abbiamo mantenuto gli impegni assunti nel 2015, iniziati con l’apertura delle rampe del viadotto e del sottovia veicolare ed a breve avremo il progetto ed il finanziamento per il completamento del trincerone. Complessivamente sono in corso opere per circa 60 milioni di euro e non esistono i debiti dell’amministrazione Servalli, anzi ci siamo fatti carico di sanare una situazione disastrata e sfido tutti a dimostrare il contrario”.


Trasformazione urbanistica campi containers.

Località Maddalena

L’area in località Maddalena è destinataria di un finanziamento del Programma Integrato di Edilizia Residenziale Sociale (PIERS) della Regione Campania, per la realizzazione del progetto innovativo “Borgo Maddalena”, per un importo di 6.667.924,62 di euro che prevede la costruzione di 52 alloggi, di cui 46 sono destinati ad edilizia sociale

San Pietro 1 e 2

Realizzazione di un nuovo parco che si estende su una superficie di 7200 mq, per un importo complessivo di 1.871.108,04 euro, suddiviso su due terrazzi collegati tramite una nuova rampa pedonale, priva di barriere architettoniche, sarà accessibile da entrambi i livelli e prevede anche nuovi parcheggi con individuazione di posti riservati ai diversamente abili.

Pregiato

Realizzazione delle opere infrastrutturali al servizio del Palaeventi e del campo sportivo, per un importo di 2 milioni 750 mila euro, dei fondi PIU Europa, e che prevedono un’area parcheggio e di interscambio e una nuova viabilità che migliorerà la circolazione veicolare della frazione ed il collegamento con via Arte e Mestieri.

Sant’Arcangelo

Nuova area sportiva PalaPittoni, una tensostruttura per
(casa Gagliardi) calcio a 5, pallavolo, pallacanestro, tennis, scherma, compreso di tutti i servizi, finanziata con i fondi del bando “IO GIOCO LEgALE” nell’ambito del PON Sicurezza del Ministero dell’Interno.
Realizzazione Struttura Sportiva Polivalente con finanziamenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) – Missione 5 – Componente 2 Investimento/Sub Investimento 3.1 “sport e inclusione sociale per un totale di € 1.563.987,13.

Santa Lucia

Nuovo parco finanziato con 1.404.638,30 del Programma Integrato Città Sostenibile (Pics), Asse 10 del PO FESR Campania. Un’area verde di 4000 metri quadri, con aree tematiche, attrezzature sportive e ginniche per tutte le età, giostrine per bambini, servizi e spazi per piccoli eventi e socializzazione.

Le Ginestre
Primo campo container smantellato su suolo privato con costo annuo di circa 45 mila euro.

Ex Asilo mendicità

Realizzazione di una struttura dedicata alla prevenzione, promozione e tutela della salute, con un micro nido, una casa famiglia, in particolare gestanti e madri con bambini che necessitano di appoggio e tutela in un luogo protetto, laboratori e ambulatori sociali. Finanziato con circa 3.4 milioni di euro dal Programma Integrato Città Sostenibile (PICS).

Case “colorate” e altre

Sono stati finanziati con circa 10 milioni di euro i progetti di sistemazione dei 19 alloggi popolari alla frazione di Passiano, in via Ernesto Di Marino, i 16 appartamenti alla frazione Santa Maria del Rovo e i 126 alloggi delle cosiddette case popolari della frazione Pregiato in via Luigi Ferrara.

Rimossi 700 tonnellate di amianto, Trasferiti in nuovi alloggi circa 300 famiglie – Con lo sgombero dei campi prefabbricati ad oggi sono stati realizzati in tutto 267 alloggi Erp, 164 a Pregiato, 68 a Santa Lucia, 35 via Di Marino ed alla frazione Santa Maria del Rovo.

Cava de’ Tirreni (SA). Arriva il permesso digitale “Parcheggio Rosa” per le donne in dolce attesa e un genitore di bimbi fino a 2 anni di età.

Sosta gratuita per la durata massima di 2 ore al giorno, anche frazionabile nella giornata Servizio utilizzabile esclusivamente tramite l’app EasyPark.


Dal 1 ° novembre 2023 a Cava de’ Tirreni l’agevolazione del “Parcheggio Rosa” diventa digitale e smart.

Grazie alla proficua collaborazione del gestore della sosta Metellia Servizi con EasyPark Italia, filiale italiana del Gruppo globale di mobile parking, le donne in dolce attesa e un genitore con figli fino a 2 anni di età potranno usufruire dell’agevolazione che consente la sosta gratuita per la durata massima di 2 ore al giorno, non più tramite disco orario, ma esclusivamente attraverso l’app EasyPark.

Per i destinatari del Permesso “Parcheggio Rosa”, valido solo per le targhe con i requisiti previsti, la sosta potrà essere attivata e interrotta più volte nel corso della giornata, in zone diverse, senza alcuna commissione per l’intera durata di 2 ore giornaliere del permesso.

Ringrazio preliminarmente EasyPark Italia – ha dichiarato l’Amministratore Unico della Metellia Servizi, Giovanni Muoio – per la disponibilità all’attivazione della nuova modalità digitale del «Parcheggio Rosa» attraverso la loro App e per aver garantito la gratuità dell’utilizzo della stessa. Come già evidenziato in altre occasioni, le nuove modalità di utilizzo del «Parcheggio Rosa», rientrano nel percorso di digitalizzazione della sosta cittadina disegnato dalla società, che prevede l’introduzione di nuove tecnologie digitali per il controllo della sosta. Tanto nell’ottica di fornire agli utenti un servizio più efficiente”. 

Il Permesso digitale “Rosa” di Cava de’ Tirreni rappresenta una best practice di cui andiamo orgogliosi. È il primo caso in Italia in cui la nostra app viene utilizzata per l’agevolazione del Parcheggio Rosa” – ha dichiarato Silvana Filipponi, Country Director di EasyPark ItaliaRingraziamo l’amministrazione comunale e il gestore della sosta Metellia Servizi per questa opportunità che dimostra quanto le soluzioni digitali EasyPark semplifichino la vita delle persone e siano strategiche per promuovere un contesto urbano più inclusivo ed equo, rendendo le città più vivibili”.

Come usufruire dell’agevolazione:

  • Richiedere il permesso “Parcheggio Rosa” a Metellia Servizi utilizzando la modulistica aziendale dedicata, reperibile presso gli uffici e sul sito della società, in uno alla documentazione richiesta per la specifica agevolazione.
  • Scaricare l’app di EasyPark dagli store Apple e Android, inserire numero di telefono, selezionare metodo di pagamento (anche se la sosta sarà gratuita).
  • Scegliere la voce “Agevolazione Rosa” e inserire il ‘codice area di sosta’, riportato sull’app EasyPark attivando la geolocalizzazione; il numero di targa del veicolo, che sarà proposto automaticamente dopo il primo inserimento; l’orario previsto di fine sosta, che potrà essere prolungato o interrotto. anticipatamente, al rientro in auto. Utilizzato il tempo massimo giornaliero di 2 ore, la sosta gratuita terminerà.
  • Gli ausiliari del traffico possono verificare la corretta attivazione della sosta tramite il controllo della targa.

Per maggiori informazioni consultare il sito di Metellia Servizi all’indirizzo www.metelliaservizi.it.