Archivio

ricerca per autore

 

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Cava Basket: Giuseppe Caccavo è il nuovo coach

Per la prossima stagione, il Capo Allenatore della prima squadra di Cava Basket, militante in C Silver, sarà Giuseppe Caccavo.

Il Coach salernitano, nonostante i soli 33 anni di età, può vantare un curriculum di eccellente livello. A soli 27 anni è già Head Coach del Basket Bellizzi in C, subito dopo siede per due stagioni sulla panchina del Delta Salerno sempre in serie C, poi nel 2016/17, è capo allenatore della Hippo Basket. Nelle ultime due stagioni ha rivestito il ruolo di assistente allenatore alla Virtus Arechi, in Serie B, sfiorando con la compagine salernitana una storica promozione in A2.  Caccavo può vantare nel suo palmares due titoli regionali giovanili:  un Campionato Under 18, conquistato nel 2016, con la BeFit Salerno, e un Campionato Under 20, vinto nel 2018, con la Virtus Arechi.

Il Dirigente Responsabile Marcello Bisogno commenta così la scelta di affidare la panchina metelliana a Caccavo: “Volevamo Peppe alla guida tecnica del Cava Basket già da qualche stagione; siamo estremamente soddisfatti che il nostro lungo corteggiamento si sia finalmente concretizzato. Abbiamo scelto un giovane tecnico, estremamente preparato, e già con grande esperienza che, sono certo, ci darà tantissimo. Dopo questo fondamentale tassello inizieremo a costruire il roster; con il DS Senatore, siamo già al lavoro per mettere a disposizione del Coach un Cava Basket competitivo”.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). De Luca in visita allo stadio

Questa mattina, il Governatore Vincenzo De Luca, accompagnato dal Sindaco Vincenzo Servalli, ha fatto visita allo stadio Simonetta Lamberti, per un sopralluogo ai lavori per le Universiadi, ed ha anche annunciato la firma del decreto per un ulteriore milione di euro destinato al miglioramento della viabilità intorno al campo sportivo. Presente anche il presidente del Coni regionale Sergio Roncelli.

“Un bellissimo lavoro, uno stadio molto bello, funzionale – afferma De Luca – dove abbiamo fatto lavori di consolidamento strutturale e oggi abbiamo una situazione completamente rinnovata sia sotto l’aspetto di sicurezza che nella parte funzionale all’accoglienza. Siamo veramente orgogliosi perché in dieci mesi abbiamo fatto lavori in 70 impianti a cominciare dallo stadio San Paolo per un importo di 23 milioni di euro. In Italia, di questi tempi, è un miracolo e tutto è stato fatto con la collaborazione dell’Autorità anticorruzione del dott. Cantone, quindi, in un contesto di assoluta trasparenza. Un lavoro immane, che speriamo possa dare respiro a tutta l’economia regionale e all’immagine della Campania e dell’Italia nel mondo”.

Dei 970 mila euro messi a disposizione dall’Agenzia Regionale Universiadi, a seguito dei ribassi d’asta, sono stati aggiudicati e spesi lavori per circa 450 mila euro che hanno interessato il consolidamento strutturale e l’adeguamento di tutto il blocco degli spogliatoi con un nuovo tunnel di accesso al campo, nuovi bagni, una sala per la stampa, impianto di aria condizionata, abbattimento delle barriere architettoniche, arredi per tutti i locali, copertura wifi per tutti gli ambienti, nuove panchine, porte e bandierine per il rettangolo di gioco.

L’Amministrazione Servalli, negli ultimi tre anni ha stanziato ulteriori oltre 600 mila euro per adeguamenti strutturali delle curve, lavori nei distinti, potenziamento della videosorveglianza con 30 telecamere, impianto antincendio, nuove uscite di sicurezza, tornelli, recinzioni. Un nuovo finanziamento di 1.1 milione di euro è stato richiesto al Credito sportivo per l’installazione di nuovi torri faro e sediolini come imposto dalla Lega per la partecipazione al campionato di Serie C.

“Ringraziamo il Governatore De Luca che stamattina ci ha confermato un nuovo finanziamento per quanto riguarda la viabilità collegata allo stadio – afferma il Sindaco Servalli – ed anche tutti coloro che sono impegnati per le progettualità e l’esecuzione dei lavori. Complessivamente, sono stati impegnati e saranno spesi, tra i fondi ragionali e comunali oltre 3 milioni di euro. Uno sforzo enorme per l’Amministrazione comunale per consentire lo svolgimento delle gare e tutti gli adeguamenti richiesti per l’iscrizione al campionato della Cavese. Inoltre, nel nuovo Piano Urbanistico Comunale abbiamo anche previsto e individuato l’area per la realizzazione di un nuovo stadio comunale”.

Campania, un mare di illeciti

La Campania “maglia nera” per Mare Monstrum. In aumento i predoni del mare +34% rispetto lo scorso anno.
Legambiente presenta la fotografia dello stato delle coste campane colpite da
cemento, scarichi fognari, depuratori malfunzionanti, pesca illegale, navigazione fuorilegge.


Più di nove reati al giorno, uno ogni 160 minuti, sette infrazioni per ogni km di costa. Un assalto alle coste campane pari ad un totale di 3.483 infrazioni accertate nell’ultimo anno, maglia nera a livello nazionale. Numeri da brivido nel dossier Mare Mostrum 2018 di Legambiente, una fotografia dello stato del mare campano, con le nostre coste colpite dagli scarichi inquinanti delle tante località che ancora non hanno una depurazione efficiente, dal cemento illegale che non viene demolito. Ma anche dai pescatori di frodo che fanno razzie e dai diportisti che sfrecciano su barche, motoscafi e moto d’acqua senza alcun rispetto per il codice della navigazione.

Nel 2018 il mare campano ha subito un vero e proprio attacco frontale, con 3.483 infrazioni, il 34% in più rispetto all’anno precedente. Aumento che si ripercuote anche sul dato delle persone arrestate o denunciate 4.141 (+45,6% rispetto al 2017) e su quello dei beni sequestrati 1.397 (+45,6%).

In Campania – denuncia Legambiente – i reati più contestati sono quelli al ciclo dei rifiuti, inteso soprattutto come scarichi illegali e cattiva depurazione sopra ogni altro, e legati al ciclo del cemento, abusivismo edilizio. I primi valgono il 45,6% del totale, i secondi il 40,7%. A seguire, si piazza la pesca illegale, con il 8,5% e le infrazioni legate alla nautica da diporto, con il 5%.

Anche per quanto riguarda le infrazioni legate al c.d. “ciclo dei rifiuti”, in particolare scarichi inquinanti e mala depurazione, la Campania non teme rivali: sono1.589 le infrazioni accertate (+ 18% rispetto lo scorso anno) e con un incremento del 20% per quanto riguarda le persone denunciate o arrestate ben 1.703 mentre sono 887 il numero dei sequestri.

L’edilizia senza regole è una piaga di cui il nostro Paese stenta a liberarsi e che fa orribile mostra di sé lungo i litorali più belli: la politica clientelare cerca ancora di sanare le case abusive, si demolisce poco o nulla e si condanna all’isolamento e alla sconfitta elettorale i pochi sindaci che lo fanno.

La Campania detiene anche il primato specifico del cemento illegale sulle coste, con il 20,4 % dei reati accertati in Italia. Qui si registra un vero e proprio record di infrazioni 1.419 con un allarmante aumento del 102% rispetto lo scorso anno con 1.930 persone denunciate e arrestate e 320 i sequestri effettuati. Un’impennata rispetto allo scorso anno, dovuta anche all’inserimento, per la prima volta, dei dati forniti dai Carabinieri tutela del lavoro sui cantieri, in materia di abusivismo, caporalato edile.

Questo dossier- commenta Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania– ci restituisce uno spaccato di illegalità, purtroppo, ancora troppo rilevante, indice del fatto che contro i “nemici del mare” è necessario alzare il livello, non solo della repressione dei reati, ma anche della vigilanza preventiva. Sono numeri che non danno scampo, che ci dicono che bisogna fare di più e meglio. Che bisogna mettere in campo un’azione più incisiva, a cominciare da una maggiore collaborazione tra associazioni, enti locali, forze di polizia. Senza dimenticare il ruolo strategico dei singoli cittadini che devono riappropriarsi della responsabilità di segnalare gli episodi di illegalità, intesa come dovere ma anche come diritto a un ambiente più sano, pulito e bello. Per questo- conclude Mariateresa Imparato– Legambiente anche quest’anno farà la sua parte, con il varo di Goletta Verde, la storica campagna itinerante che denuncia gli scempi e promuove le esperienze positive lungo le coste della penisola e che “a bordo” avrà per la prima volta il progetto Volontari X Natura (www.volontaripernatura.it), con cui tutti possono diventare sentinelle dell’ambiente, segnalando in modo circostanziato discariche, condotte sospette e altre forme di illegalità.”

Il dossier di Legambiente evidenzia anche altre forme di illegalità che colpiscono il mare campano:sul fronte della pesca di frodo, una pratica molto diffusa e che produce effetti nefasti, non solo sull’ecosistema e la biodiversità, ma anche sulla salute dei consumatori e sull’economia del Paese: la Campania si assesta a metà classifica con 299 infrazioni e 299 persone denunciate e arrestate e 53 sequestri. Esiste infine un altro, non trascurabile, nemico del mare. Ci sono i diportisti incapaci e ci sono i pirati del mare, che viaggiano sui propri natanti sprezzanti delle regole e della vita delle persone che incrociano lungo la loro rotta.  Motoscafi e moto scooter sono i principali imputati: solcano le onde introducendosi in aree off limits di delicati ecosistemi, come quelli delle aree marine protette, oppure navigano troppo vicino alla costa, mettendo in serio pericolo la vita di inconsapevoli bagnanti. A svettare in questa classifica c’è il Lazio che con 439 infrazioni accertate, detiene il 21,9% del totale. La Campania è quinta con 176 infrazioni . 209 persone denunciate e arrestate e 137 sequestri.

Con la presentazione del dossier prende il via l’estate di impegno di Legambiente con il viaggio della Goletta Verde di Legambiente che farà tappa in Campania il 2 agosto a Scario, 4 agosto ad Acciaroli per concludere il suo viaggio il 5 e 6 agosto a Procida, e prosegue con Vele spiegate, il progetto di campi di volontariato in barca vela in Penisola Sorrentina e nel Cilento con volontari provenienti da tutta Italia impegnati per tutta l’estate in attività di pulizia di spiagge e fondali e ricerca scientificaE ancora con la storica campagna di informazione e sensibilizzazione Riciclaestate, per parlare di raccolta differenziata nelle località turistiche della regione.

RAVELLO (SA). Gran finale in Auditorium con il Porsche Macan Music Platform

Ravello celebra la Festa Europea della Musica con quattro concerti.


Ravello, città della musica per eccellenza, venerdì 21 giugno ospiterà, in occasione della Festa Europea della Musica, un doppio appuntamento in Villa Rufolo e presso l’Auditorium Oscar Niemeyer il cui filo conduttore sarà il talento femminile, a salire sul podio dei due concerti due direttori donne.
Una particolare sezione della festa, invece è dedicata, come tutti gli anni, ai giovani musicisti del Liceo Musicale Alfano I che eseguiranno due concerti nel Duomo e in Piazza Vescovado.
Il M° Colomba Capriglione, docente del Conservatorio Licinio Refice di Frosinone, Direttrice e Compositrice Corale proporrà dei madrigali scritti da lei per quartetto vocale e voce recitante ed un programma di musica da camera che spazia da Tosti a Rossini, da Leoncavallo a Rota ed un omaggio alla romanza napoletana d’autore.
Il concerto si svolgerà nel suggestivo scenario del chiostro di Villa Rufolo alle ore 11.30. Interpreti vocali saranno Mariano Buccino Basso, Davide Battiniello Tenore, Stefano Bellu Tenore e voce recitante, Antonietta Lucariello Contralto, Valentina Pernozzoli Soprano accompagnati da Rossella Marcone al pianoforte.
Da evidenziare che il tenore Davide Battiniello è stato individuato come giovane promessa al X Concorso Internazionale di Canto Lirico Ravello Città della Musica e il basso Mariano Buccino oramai presente in tutti i più importanti teatri italiani ed esteri è stato vincitore nel medesimo concorso nell’edizione del 2016.
Doppio appuntamento con i giovani musicisti del Liceo Alfano I con il Progetto Christos Mare Nostrum. Si parte alle ore 17.30 in Piazza Vescovado con l’Orchestra etno-popolare diretta dal M° Espedito De Marino e si continua in Duomo alle ore 18.30 con un concerto di musica sacra dell’Orchestra a plettro e il Coro di Voci Bianche dell’I.C. Calcedonia e Pirro diretti dal M° Michele De Marino con la collaborazione del Maestro del Coro Rosa Spinelli e coadiuvati dal M° Maria Arcuri.
Grande chiusura alle ore 20.30, presso l’Auditorium Oscar Niemeyer con l’ultimo dei quattro concerti della Porsche Macan Music Platform condotto dal M° Beatrice Venezi, tra i direttori d’orchestra più giovani al mondo ad aver ottenuto importanti traguardi internazionali. Beatrice dirige in moltissimi paesi in tutto il mondo e porterà per l’occasione, il suo messaggio di innovazione e apertura musicale rispetto al mondo dell’opera e della musica classica.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). In partenza il Bibliobus

Prima tappa del tour di Bibliobus alla frazione San Pietro, il prossimo 25 giugno, con sosta dalle ore 9 alle 11, nello spiazzo antistante la scuola primaria.

L’iniziativa dell’Amministrazione Servalli per la divulgazione e promozione della lettura tra i ragazzi è organizzata dall’Assessorato alla Cultura, Istruzione, Servizio Biblioteca e Archivio Storico, con la collaborazione di alcune librerie e cittadini che hanno donato libri.

Diciassette appuntamenti che si concluderanno il 31 luglio nel parco Falcone e Borsellino di viale Crispi, nei quali i bambini saranno coinvolti in attività di lettura animata di fiabe e brevi racconti, con momenti di teatralizzazione e laboratori di disegno, accolti dal personale specializzato della Biblioteca comunale e dai volontari del Servizio Civile Universale che partecipano al progetto “Biblio-square: piazza del sapere”.

“Con questa iniziativa – afferma il vice Sindaco ed Assessore alla Cultura e Istruzione, Armando Lamberti. – raggiungiamo due obbiettivi, diffondere e promuovere il valore della lettura e far conoscere la nostra biblioteca comunale che è un grande patrimonio della città, offre tanti servizi e possibilità, come il prestito librario, oltre a conservare la memoria storica con un preziosissimo archivio storico tra i più importanti d’Italia. Invitiamo i ragazzi e i genitori a partecipare a questa bella iniziativa perché abituarsi alla lettura aiuta ad avere un atteggiamento più aperto e positivo verso l’apprendimento, la conoscenza e la cultura in generale”

Queste le tappe del BiblioBus: 25 giugno e 15 luglio S. Pietro; 26 giugno SS. Annunziata davanti l’oratorio; 27 giugno e 17 luglio S. Lucia (piazza Baldi/scuola primaria); 28 giugno e 26 luglio, S. Lorenzo, (spiazzo scuola primaria Carducci Trezza); 1 e 19 luglio Passiano (spiazzo chiesa SS. Salvatore); 3 e 23 luglio S. Anna (piazza B. Lamberti spiazzo scuola primaria); 5 luglio parco Villa Rende, ai Pianesi; 9 e 29 luglio S. Cesareo (spiazzo oratorio); 11 e 25 luglio S. Giuseppe al Pozzo (spiazzo scuola primaria); 31 luglio parco Falcone e Borsellino di viale Crispi.