Archivio

ricerca per autore

 

Musica e fumetti ai tempi del Coronavirus. I Puzzle arrivano sul web con le loro cover a colori

C’è chi si annoia, chi si attacca alla tv, chi ancora decide di fare attività fisica. E poi ci sono loro, che fanno di questa quarantena un’occasione per mettere in gioco il proprio talento e la propria passione per la musica. I Puzzle arrivano sul web con cover e vignette simpatiche.

Da soli due giorni sul web ma la voglia di continuare a cantare e a creare è sempre più. Raffaele e Andrea Scocozza sono fratelli, due giovani ebolitani, amanti della musica. Voce e piano divengono il passatempo giusto per affrontare queste giornate. Cantano, suonano, rivisitano canzoni, ma non solo. Grazie alle capacità creative, i ragazzi decidono di mettere nero su bianco quanto vivono in questa quarantena con vignette simpatiche. Un esempio per i tanti giovani? Si, l’obiettivo dei ragazzi è quello di far tesoro di questo momento particolare della vita di ognuno per mettere in gioco il proprio talento e non annoiarsi. Un mix perfetto tra i fumetti di Topolino e il movimento artistico degli anni 50/60, giochi di colori e disegni che catturano l’attenzione di chi ha come passatempo la home di Facebook.

“Ci siamo sempre chiusi nel nostro studio di casa per registrare – commentano i Puzzle – In queste ultime due settimane le ore passate al pianoforte sono aumentate e abbiamo deciso di trasformare la noia da coronavirus in produttività. Cantiamo, suoniamo e condividiamo. E’ il momento di comunicare al mondo positività. Siamo giovani e vediamo il futuro davanti a noi. Siamo convinti andrà tutto bene”.

La prima cover dei Puzzle è Mondo di Cesare Cremonini. Un messaggio perfetto di speranza che vuole vedere un mondo, quel pianeta che tanto amiamo e che ci piace, brillare ancor di più quanto prima. Le mani di Andrea toccano i tasti del pianoforte e la voce di Raffaele accompagnano i tre minuti di video. I due artisti hanno deciso di non “metterci la faccia” con la decisione di voler comunicare solo la propria musica e l’ironia con il disegno e i colori.

“Avete presente i pezzi di un puzzle? – racconta Raffaele – Si devono incastrare perfettamente affinché nasca la meraviglia di un’immagine limpida e ben dettagliata. Abbiamo deciso di dare questo nome al gruppo proprio perché ci sentiamo due pezzi di un enorme Puzzle chiamato musica”.

Un cantante – Raffaele – e un pianista – Andrea. Insieme, in uno studio arredato da pianoforte a coda e microfono shure amord, vinili e giradischi, danno vita alla musica. Si può dire che sono nati con le note musicali.

“Papà che strimpellava la chitarra per farci addormentare e la voce di nostra madre che cantava la ninna nanna – continua Andrea – Siamo cresciuti e quella semplice passione, dopo anni di formazione è divenuta il nostro pane quotidiano”.

I Puzzle rivisitano cover, rendendole loro, per poi approcciarsi a qualcosa di ancora più personale, la loro musica, i loro testi, le loro melodie. Compongono, creano, tra note, risate e riflessioni.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Un pari nel silenzio del Romeo Menti tra Cavese e Potenza

Divisione della posta in palio nel silenzio del Menti tra la Cavese e il Potenza. Pari come all’andata tra le due formazioni. Alla fine equo il responso del campo anche se la Cavese deve recriminare per due pali colpiti da Russotto e Sainz-Maza e il Potenza per due conclusioni neutralizzate alla grande dal giovane D’Andrea, in campo al posto del febbricitante Bisogno.

Ma veniamo alla cronaca della partita. Speculari le due squadre. Il 3-4-3 è una variazione sul tema classico per Sasà Campilongo. Parte benissimo la Cavese che al 3’pt si fa pericolosissima con il solito Russotto. Azione personale insistita e conclusione dai venti metri sulla quale non c’arriva Ioime ma a negare la gioia del gol all’attaccante aquilotto ci pensa la base del palo.

Dopo la sfuriata metelliana la partita giocata in un’atmosfera surreale per l’assenza del pubblico e davanti a una cinquantina di addetti ai lavori e giornalisti cala di ritmo e per registrare un’altra emozione bisogna arrivare al 26’pt. Spaltro si involta sulla destra e lascia partire un tiro-cross che attraversa pericolosamente tutto lo specchio della porta ma senza trovare maglie bleu foncé all’appuntamento con la deviazione sotto misura.

Il Potenza si fa vedere al 34’pt e rischia di passare. Ci vuole un ottimo intervento di D’Andrea, al posto di Bisogno febbricitante, per neutralizzare la rasoiata dal limite di Giosa. Poi l’azione è interrotta per un fallo di Ricci sul numero uno aquilotto. Fino al fischio finale nulla altro di interessante e squadre negli spogliatoi. La ripresa si apre ancora con la Cavese pericolosa.

Al 3’st magistrale azione del solito Russotto che imbecca in corsa sul filo del fuorigioco Sainz-Maza. L’attaccante riesce ad aggirare sull’uscita Ioime ha si decentra troppo e non riesce a incrociare e di sinistro colpisce in pieno il palo tra la disperazione dei suoi. Come nel primo tempo il Potenza risponde con un’azione affidata a Dettori, al 10’st, che crossa per la testa di Murano che indirizza sotto la traversa ma ci arriva con la punta delle dita D’Andrea che sventa in angolo.

La squadra di Campilongo va in affanno e cinque minuti più tardi per un rinvio errato proprio di D’Andrea Golfo rischia di trovare il corridoio giusto per l’accorrente Murano. In extremis sventa in angolo Marzupio. I ritmi non sono alti nel silenzio del Menti rotto dalle sollecitazioni di Campilongo ai suoi. E tornano a scarseggiare le emozioni.

Nel rush finale il Potenza rischia di passare. Al 43’st palla di Ferri Marini per Ricci che nel cuore dell’area aquilotta indirizza sul palo lontano. Si allunga D’Andrea che salva l’inviolabilità della sua porta. Ancora Potenza nel finale pericoloso con D’Angelo che a colpo sicuro mette sul fondo salvando la Cavese. Al triplice fischio le proteste di Russotto nei confronti dell’arbitro gli fanno guadagnare un cartellino rosso.

Un grande calciatore che ha però dimostrato ancora una volta di peccare di una dote essenziale: la freddezza.


Cavese 1919- Potenza

CAVESE (3-4-3): D’Andrea; Matino, Marzupio, Marzorati; Ricchi (33’st De Luca), Favasuli, Castagna, Spaltro; Di Roberto (47′ st Romano), Sainz-Maza (17’st Germinale), Russotto. A disp. Abibi, Cernaz, De Rosa, Montaperto, Mirante. All. Salvatore Campilongo.

POTENZA (3-4-3): Ioime; Sales, Giosa, Emerson; Coccia, Coppola, Dettori (25’st D’Angelo), Sepe; Ricci, Murano (3’st Franca), Golfo (32’st Ferri Marini). A disp. Santopadre, Brescia, Viteritti, Panico, Gassama, Di Somma, Ferri Marini, Longo, Souare, Iacullo. All. Giuseppe Raffaele.

ARBITRO: Francesco Meraviglia (Pistoia), I ass. Emanuele Yoshikawa (Roma 1) Giorgio Rinaldi (Roma 1).

NOTE: Gara a porte chiuse. Espulso a gara finita per proteste Russotto (C ). Ammoniti: Marzupio (C ), Favasuli (C ), Germinale (C ), Giosa (P), Coccia (P). Angoli: 5 a 3 per il Potenza. Recuperi: 1’pt, 3’st.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). L’Acquachiara festeggia l’8 Marzo in vasca a Cava de’Tirreni

Nel giorno della Festa della Donna, le ragazze di Barbara Damiani scenderanno in vasca contro il Cosenza per difendere l’imbattibilità nel campionato di A2.


L’8 Marzo si festeggia in vasca alla Piscina Comunale di Cava de’Tirreni.

Nel giorno della Festa della Donna, le ragazze dell’Acquachiara affronteranno il Cosenza nel match valevole per il Campionato di A2 di pallanuoto femminile.

Il match contro il Cosenza, squadra allenata da Francesco Fasanella, sarà particolarmente impegnativo per le Ach Girls. L’imbattibilità della squadra di coach Damiani verrà messa a dura prova da una delle squadre rivelazione del torneo.

Soprattutto in fase offensiva, la formazione calabrese può contare sul talento di Giusy Citino, il centro classe 1997 già in orbita nazionale che nell’ultima partita disputata contro la capolista Velletri ha realizzato ben 6 gol.

La Citino è anche una delle top-scorer del torneo di A2 con 15 segnature messe a referto finora. Altra giocatrici da tenere a bada in fase difensiva Federica Francesca Nisticò, anch’essa autrice di 15 goals nelle partite di campionato disputate finora dal Cosenza.

Il coach della squadra Barbara Damiani è pronta per la sfida: “Sarà un match molto impegnativo, soprattutto in fase difensiva, ma le ragazze sono pronte. Ci vorranno testa e cuore per riuscire a spuntarla. Dobbiamo difendere l’imbattibilità tra le mura di Cava de’Tirreni per puntare ai vertici della classifica. La lotta per il campionato è aperta e sono certa che anche noi potremo dire la nostra”.

La sfida tra Acquachiara e Cosenza è in programma domenica 8 marzo alle ore 16 presso la Piscina Comunale di Cava de’Tirreni in via Gino Palumbo. 

Il Cava Basket torna alla vittoria contro Nola

Il Cava Basket torna alla vittoria. La compagine del presidente Emilio Maddalo si è imposta con il punteggio di 73-60 sul C.A.P. Nola, fanalino di coda della C Silver Campana, nella sfida valida per l’ottava giornata del girone di ritorno, che si è disputata, mercoledì 4 marzo, alla palestra “Mauro e Gino Avella” di Cava de’ Tirreni.

I ragazzi di coach Alfonso Senatore, reduci da tre ko consecutivi, sono scesi in campo decisi a rialzare la testa e hanno approcciato nella maniera giusta la partita, archiviando il primo quarto avanti di 12 punti, prima di allungare ulteriormente le distanze nel secondo parziale (39-19). Al rientro dagli spogliatoi, la squadra ospite ha provato ad impensierire i metelliani che, dopo aver mantenuto il predominio nella terza frazione di gioco –  terminata sul 63-37 –, a risultato già di fatto acquisito, hanno abbassato un po’ la guardia nell’ultimo quarto, consentendo agli avversari di rendere meno pesante la sconfitta.

Miglior realizzatore del match è stato Pasquale Catapano con 17 punti messi a referto; la nota stonata, invece, è rappresentata dall’infortunio di Vincenzo Di Somma che ha rimediato una distorsione alla caviglia. Ulteriori esami, in programma dopo un periodo di riposo di quindici giorni, permetteranno di stabilire con precisione i tempi di recupero dell’atleta.

Intanto la Federazione Italia Pallacanestro, in considerazione delle disposizioni emanate dal Governo per l’emergenza Coronavirus e la salvaguardia della salute pubblica, ha decretato la sospensione dei campionati regionali su tutto il territorio nazionale.

“Ritengo che sia doveroso fermarsi – ha dichiarato il presidente del Cava Basket, Emilio Maddalo –. Anche noi dobbiamo fare la nostra parte per cercare di contenere questo contagio, riducendo le forme di aggregazione nell’ambito di eventi sportivi”.

Alla ripresa del torneo, il Cava Basket, al momento quarto in classifica con 24 punti, osserverà il turno di riposo, determinato dall’esclusione della Basilicata Sport Potenza; gli Eagles torneranno in campo poi per il big match con la capolista Cestistica Benevento.


TABELLINO 

CAVA BASKET – CAP NOLA 73-60 (23-11; 16-8; 24-18; 10-23)

CAVA BASKET: CATAPANO 17, CUCCO 10, DI SOMMA 10, CAPACCIO 7, CIRILLO 7, RUSSO 7, D’APICE 6, CATAPANO 4, RUSSO R. 3,  SANTUCCI 2, DI MARINO, DRAME n.e.

ALL.: SENATORE A.

CAP NOLA: BARRELLA 15, ESPOSITO 15, DE SENA M. 9, LUMINELLI 6,  RICCIO 3,  RUOTOLO 6, FEDERICI 4, GIORDANO 2, BENEVENTO, DE SENA A., GENOVESE A., MASCOLO n.e.  

ALL.: CAPORASO F.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Una benedizione per il parking San Francesco

Con la benedizione del Padre Guardiano del Convento di San Francesco, Fra’ Pietro Isacco, è stato ufficialmente inaugurato il nuovo parcheggio di San Francesco, recentemente acquisito al patrimonio comunale dopo la chiusura per abusivismo della precedente area parcheggio, priva di ogni requisito ed autorizzazione.

Alla cerimonia erano presenti il Sindaco Vincenzo Servalli, la Dirigente sanitaria dell’Ospedale Santa Maria dell’Olmo, Luciana Catena, il Presidente e il Direttore  della Metellia Servizi, Giovanni Muoio e Maurizio Avagliano, il Presidente del Tribunale del Malato, Carlo Russo ed in rappresentanza dei dipendenti ospedalieri Giovanni Lopez e il Sindacalista Gaetano Biondino.

 “Abbiamo riconsegnato alla città – afferma il Sindaco Vincenzo Servalli – un nuovo parcheggio, dopo aver dovuto risolvere tutti i problemi che ne portarono alla chiusura e lo abbiamo messo soprattutto nella disponibilità di chi lavora o si reca in ospedale, in pieno accordo e sintonia con tutti i frati ai quali mi lega una fraterna e sincera amicizia”.

Il nuovo parcheggio conta circa 80 posti ed è particolarmente a servizio del plesso ospedaliero cavese con tariffe agevolate per i dipendenti ospedalieri (1,5 euro per l’intero turno di lavoro) e per coloro che assistono i ricoverati durante la notte (1 euro per l’intera fascia oraria dalle ore 21 alle 8), le tariffe orarie standard sono di 50 centesimi (ore 7/13 e 17/21) e di 1 euro (ore 13/17 e 21/7).

“Siamo particolarmente grati all’Amministrazione ed al Sindaco Servalli – afferma la Dirigente Catena – che anche in questa occasione ha dimostrato attenzione ed impegno verso l’ospedale così come in tutte le altre problematiche che lo riguardano”.