notizie

 

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Un cavese il più giovane comandante della flotta Grimaldi

Dal 15 febbraio prossimo, a soli 33 anni, il cavese Luigi Giordano sarà al comando della “Grande Sierra Leone”, la nave mercantile della flotta Grimaldi che dall’Africa Occidentale (Western Africa), solcando l’Oceano Atlantico, arriva in Nord America.

Tappe bruciate in meno di quattordici anni, da quando ai genitori Matteo e Rosaria Stotuti (di Vietri sul mare), comunicò la scelta del Nautico, dove si è diplomato con il massimo dei voti. Dopo gli studi si iscrive ad un corso di specializzazione, notato da un supervisor, supera il colloquio e a 20 anni (nel 2006) inizia la carriera sulle navi come allievo. A marzo del 2009 diventa terzo ufficiale di coperta, a luglio del 2010 è già secondo ufficiale di coperta ed a marzo del 2013 primo ufficiale di coperta. In questi sette anni ha sempre navigato tra l’Africa e l’America riportando giudizi più che positivi da parte dei vari comandanti che si sono susseguiti e nelle cui relazioni avevano già presentato la sua propensione al comando.
Lo scorso 8 gennaio, alla presenza di una commissione composta dall’armatore Guido Grimaldi, 3 comandanti e 3 ingegneri navali si è tenuto il colloquio finale per il comando, brillantemente superato con il plauso di tutta la commissione, e quindi la nomina di Comandante.
Dal 19 gennaio è imbarcato sul mercantile Roll-on/Roll-off, nave da carico/scarico di merce e veicoli gommati “Grande Sierra Leone”, affiancato al Comandante da cui il prossimo 15 febbraio rivelerà il comando.

“I sacrifici di quattordici anni di navigazione sono stati ricompensati e ringrazio la Compagnia e gli Armatori per la fiducia riposta – ha dichiarato il  Comandante Luigi Giordano – Questo non è un traguardo bensì l’inizio di una nuova avventura che affronterò con energie profonde, dando il meglio di me conscio delle grosse responsabilità che giorno dopo giorno mi troverò ad affrontare. Condivido questo momento di gioia con la mia famiglie ed in particolare con mia moglie e la piccola Arianna, per la pazienza delle lunghe attese (il periodo di imbarco è di 4/5 mesi, per stare a casa due mesi poi di nuovo in mare). Ho solo il rammarico che nessuno dei nonni ha potuto dividere con me la gioia di questa nomina. Mi conforta l’orgoglio di portare in giro per il mondo il nome di Cava de’ Tirreni, una città senza mare ma tanto da … amare”.

 

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Gli Ispettori Ambientali accolti dal Sindaco Vincenzo Servalli

Come consuetudine per tutte le Istituzioni, in chiusura d’anno anche il Nucleo Ispettori Ambientali Comunali Volontari ha sentito il dovere di illustrare alla collettività di Cava de’ Tirreni, l’impegno profuso ed i risultati conseguiti in tema dei Regolamenti a cui attende.

Grazie alla lungimirante attenzione posta da chi ci ha governati e ci governa, ma, in particolare, è d’obbligo rivolgere un doveroso ringraziamento al Signor Fortunato Palumbo, al tempo Assessore all’Ambiente e in tempi più recenti al Sindaco Vincenzo Servalli, all’Assessore Nunzio Senatore ed ai Dirigenti Francesco Sorrentino, Luigi Collazzo, Antonino Attanasio e Stefano Cicalese, senza omettere la fattiva e costruttiva vicinanza dei vertici della Metellia Servizi S.r.l. e del Segretario Generale Vincenzo Maiorino, col quale, da subito, il Nucleo ha provveduto a sollecitare i necessari emendamenti ai Regolamenti comunali.

Premesso che per gli appartenenti al Nucleo la verbalizzazione rappresenta l’ultima ratio per far osservare Leggi e Regolamenti, indispensabili per il democratico vivere comune, sin dal nascere ad oggi, ha ammonito ben 827 concittadini intenti, prima che ciò avvenisse, a conferire rifiuti d’ogni genere sia nelle 17 Frazioni collinari e sia nel Borgo, in giorni non consentiti dal vigente calendario, attivo dalla Metellia Servizi S.r.l., sin dal 2008, oltre che in orari antimeridiani.

Pur tuttavia, nello stesso periodo, sono stati elevati, mai nei confronti di minori o di persone in avanzata età, ben 127 atti pubblici, di cui:

1.n. 5 Notizie di Reato, che hanno interessato la Magistratura nocerina e la Polizia Giudiziaria cavese, per oltraggio, violenza, minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale, furto di beni della Pubblica Amministrazione e minacce ad Incaricati di Pubblico Servizio, Diffamazione a mezzo stampa;

2.n. 51 verbali per conferimento rifiuti;

3.n. 28 verbali per affissione abusiva, procedendo anche alla conseguente defissione, restituendo il “Borgo Grande” e non solo al decoro cittadino;

4.n. 31, invece, sono stati i dettagliati rapporti inoltrati all’Ufficio Ambiente Comunale, per l’inosservanza alle prescrizioni emanate per frenare l’abbandono di amianto, con le conseguenti Notizie di Reato, ex art. 347 del C.P.P., per violazione all’art. 650 del C.P., e l’irrogazione della complessiva sanzione amministrativa da € 26.000,00 a € 52.000,00;

5.n. 12 verbali inerenti le deiezioni canine, la nettezza del suolo, l’incendio di sfalci ed il volantinaggio non consentito.

Alla luce di quanto detto, il Sindaci, il Dirigente Cicalese, ma anche il Dottore Giovanni Muoio e l’Avvocato Maurizio Avagliano hanno espresso al Nucleo Ispettori Ambientali parole di vivo apprezzamento, recepito anche dalla Società Civile, per la costante volontaria attività svolta.

NAPOLI. L’Orchestra Scarlatti Junior di Napoli protagonista del tradizionale Concerto di Natale della Camera dei Deputati

L’Orchestra Scarlatti Junior di Napoli sarà protagonista del tradizionale Concerto di Natale della Camera dei Deputati, diretta dal M.° Gaetano Russo, in un programma sinfonico spaziante da Bizet a Sibelius, da Morricone a Beethoven.
L’evento si terrà quest’anno lunedì 9 dicembre, alle ore 18.00, e sarà trasmesso in diretta da RAI5, e poi in differita, il 22 dicembre da RAI3.
L’Orchestra, cuore giovane della Comunità delle Orchestre Scarlatti che da alcuni anni cresce intorno alla Nuova Orchestra Scarlatti, ritorna a Roma, alla Camera dei Deputati dopo il successo del concerto del 16 dicembre 2018, realizzato nell’ambito della manifestazione “Montecitorio a porte aperte”.

Circa 90 ragazze e ragazzi della Scarlatti Junior saranno impegnati in un ricco e vario programma sinfonico in cui ogni brano scelto ha un suo specifico valore musicale o significato sociale, come afferma il M.° Russo (direttore artistico della Nuova Scarlatti e coordinatore didattico-musicale della Junior).
Così, ad esempio, dopo l’Inno di Mameli a cui si unirà il Coro del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, l’esecuzione, senza direttore, della trascinante Farandole dalla Seconda Suite dell’Arlesiana di Bizet, guidata dall’interno dell’Orchestra dalla Spalla (il Primo violino) Chiara Rollini, sarà una prova anche di forte coesione per i giovani e giovanissimi della Junior.

Tra i musicisti, anche le violiniste Nicole Vitale e Chiara Guida, allieve, rispettivamente, del Liceo musicale e del Liceo classico “Marco Galdi” dell’IIS “De Filippis Galdi” di Cava de’Tirreni, e Alessia Sorrentino e Ludovica Ventre, violinista e violoncellista, diplomatesi al l Liceo musicale metelliano nello scorso anno scolastico. Un’altra prova di bravura degna di un’orchestra professionale sarà poi l’esecuzione del poema sinfonico Canto di primavera di Jean Sibelius, una pagina tutta in crescendo, di ampio respiro sinfonico, veramente difficile da trovare nel repertorio di un’orchestra giovanile.
Una particolarissima versione strumentale di Here’s to You di Ennio Morricone (dalla colonna sonora del film Sacco e Vanzetti), portata all’essenza di un canto senza parole che si leva su un ritmo ostinato di marcia, trasformerà questa celebre ballad in un corteo che man mano si avvicina, irrompe sulla scena al massimo dell’energia, per poi sfumare gradualmente.
Un Inno laico di libertà a cui risponderanno idealmente, a fine programma, le note dell’Inno alla Gioia di Beethoven (di nuovo con la partecipazione del Coro del Conservatorio di Roma): il grande sogno di fraternità universale del sommo musicista in cui, non a caso, l’Europa Unita riconosce oggi il suo Inno.

Partecipano al Concerto di Natale anche due giovani voci napoletane, Laura Paolillo e Naomi Rivieccio, giovane cantante che spazia dall’opera del ’700 al pop (nota al grande pubblico anche come finalista dell’edizione 2018 di X Factor)

Tra gli altri brani in programma ricordiamo alcune tra le pagine più amate di Roberto De Simone e un brano inedito composto espressamente per l’Orchestra Scarlatti Junior da Bruno Persico, musicista napoletano che si muove con versatilità fra classico e jazz, composizione e improvvisazione: Don Duke, brillante omaggio sinfonico a Duke Ellington (in cui a un certo punto sentiremo come la nostra Munasterio ‘e Santa Chiara fa il verso a In a sentimental mood, a ricordare che la nostra è da sempre terra di incontri fecondi tra culture diverse).
Dice infine Gaetano Russo: “Sarà una grande soddisfazione per i nostri ragazzi manifestare in uno dei più importanti luoghi delle nostre istituzioni, della nostra democrazia, tutto l’entusiasmo e l’impegno spesi per raggiungere obiettivi di alto professionismo e, insieme, esprimere tutti i valori di autentica comunità che fioriscono dentro un’Orchestra, chiaro esempio per una vera coesione artistica e sociale”.

PONTECAGNANO FAIANO (SA). Celebrata la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate

La città di Pontecagnano – Faiano ha celebrato domenica 17 novembre u.s. nel centro di Faiano la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. L’ evento, organizzato dal sindaco Dott. Giuseppe Lanzara con l’ amministrazione comunale e in sinergia con l’ Associazione Nazionale Combattenti e Reduci – sezione di Faiano guidata dal Presidente Anna Francese e l’Associazione “Amici del Tricolore” e altre associazioni partners, si è tradotto in una cerimonia per onorare il giorno dedicato alle Forze Armate e all’ Unità Nazionale, a cui hanno preso parte numerose autorità civili, militari e delle scolaresche giunte dai territori limitrofi.

La cerimonia denominata “L’Italia più grande e più forte” ha avuto inizio con la deposizione di una corona di alloro al monumento dedicato ai caduti in piazza Sabbato e poi proseguita con la cerimonia dell’alzabandiera e la successiva deposizione di una corona in piazza Garibaldi. Presenti alla celebrazione Monsignor Luigi CASTIELLO, in servizio presso la Curia Arcivescovile di Napoli e Consultore Nazionale per la Pastorale della salute della Conferenza Episcopale Italiana, Emilia Calò figlia del Colonnello Carmine Calò, Medaglia d’Oro al Valor Militare, Angela Arena Lampanosa vedova del carabiniere Fortunato Arena, Medaglia d’Oro al Valor Civile, Martino Zoccola, papà della finanziere Daniele Zoccola, Medaglia d’Oro al valor Civile.

Inoltre, presente una scolaresca dell’ I.C. MOSCATI di Faiano con la Dirigente Professoressa Raffaella Luciano, alcuni studenti hanno dato lettura di brani sul tema della guerra suscitando grandi emozioni. La cerimonia è poi proseguita con la Santa messa presieduta dal Parroco di Faiano Don Roberto FACCENDA. Al termine della funzione religiosa gli intervenuti all’evento si sono recati in piazza San Benedetto per la deposizione di un cuscino di alloro.

Significativo è stato l’intervento dello storico Professor Alessandro MAZZETTI che ha fatto delle profonde riflessioni sul tema della guerra. Consegnate delle menzioni d’onore al personale civile e militare che ha contribuito alla realizzazione dell’evento tra cui il Monsignor Luigi Castiello, in servizio presso la Curia Arcivescovile di Napoli e Consultore Nazionale per la Pastorale della salute della Conferenza Episcopale Italiana, Andrea VOLPE, Direttore del premio FABULA, il Dott. Ing. Rosa D’ ELISEO, Comandante provinciale dei Vigli del fuoco, il Colonnello Antonio VECCHIONE, Comandante della Polizia Municipale di Salerno, il Colonnello Ciriaco Fausto TROISI, Comandante il Comprensorio militare di Persano, Colonnello Carmine Vinci, Comandante il 4° reggimento carri di Persano, il Colonnello Lucio DI BIASIO, Comandante del Comando Militare Esercito Basilicata, il Colonnello Daniele CESARO, Comandante del reggimento Guide (19°), il Maggiore Vitantonio SISTO, Comandante della compagnia carabinieri di Battipaglia, la Professoressa LUCIANO Raffaella, Dirigente scolastica, Delia CATALANO, Soprano,

La cerimonia si è conclusa con l’intervento del Vice sindaco Michele Roberto DI MURO che ha sottolineato l’importanza nel ricordare i valori, le gesta ed il sacrificio di quegli eroi che hanno perso la loro vita e, nell’ importanza nel convivere civilmente e in maniera fraterna. Ha proseguito sottolineando l’importanza della presenza dei bambini e degli anziani alla cerimonia, i secondi possono travasare ai primi gli insegnamenti del passato.

Al termine della manifestazione il presidente dell’associazione “Amici del Tricolore” Antonio GALDI ha ringraziato tutti coloro che hanno collaborato con l’associazione per la realizzazione dell’evento, il Vice Sindaco Michele Roberto DI MURO, il Colonnello Ciriaco Fausto TROISI, Comandante il Comprensorio militare di Persano, il Colonnello Carmine VINCI, Comandante il 4° reggimento carri di Persano, il Colonnello Lucio DI BIASIO, Comandante del Comando Militare Esercito Basilicata, Colonnello Daniele CESARO, Comandante del reggimento Guide (19°), il Maggiore Vitantonio SISTO, Comandante della compagnia carabinieri di Battipaglia, la Professoressa LUCIANO Raffaella, Dirigente scolastica, Delia CATALANO, Soprano,

Inoltre, i partners che hanno collaborato all’organizzazione, l’ associazione “militare d’Arma, Polizia, Guardia di Finanza e Servizi, in congedo storico patriottiche”, l’associazione “i Butteri” di Faiano, l’ “Aero Club” di Benevento.

La cerimonia è stata resa ancor più formale con la resa degli onori del personale militare in armi del reggimento Guide (19°) e, ancor più interessante con l’allestimento nella piazza di un infopoint e una mostra statica di mezzi, in cui è stato possibile ammirare lo storico carro armato L3-33 impiegato durante la Campagna d’Africa, con personale del 4° reggimento carri di Persano.

L’associazione “amici del Tricolore” è presente sul territorio Salernitano dal 2011 e si prefigge nobili obiettivi quali fornire solidarietà a favore del prossimo e l’impegno civico e sociale; i principi ispiratori dei soci sono l’amor di Patria, la legalità e il rispetto delle Istituzioni. Numerose le iniziative svolte negli anni finalizzate nel formare le coscienze dei giovani coinvolgendoli nelle iniziative di rievocazione storica al fine di tramandare i valori fondanti della nostra democrazia.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Edward Lear e le sue visioni della Costiera e di Cava

Venerdì 15 novembre 2019, alle ore 18, nell’Aula Consiliare del Palazzo di Città di Cava de’ Tirreni in Piazza Abbro, sarà effettuata la presentazione del volume Edward Lear, visioni inedite della Costa d’Amalfi, curato da Giovanni Camelia, Marco Graziosi e Federico Guida. L’iniziativa è organizzata dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana, col patrocinio del Comune di Cava de’ Tirreni e dell’Associazione Giornalisti di Cava de’ Tirreni e Costa d’Amalfi “Lucio Barone”.

Dopo i saluti istituzionali di Vincenzo Servalli, Sindaco di Cava de’ Tirreni, Ermelinda Di Lieto, Presidente del Centro di Cultura e Storia Amalfitana, Emiliano Amato, Presidente dell’Associazione Giornalisti “Lucio Barone”, interverranno i tre autori, Giovanni Camelia, Marco Graziosi, Federico Guida, e il Direttore del Centro Studi per la Storia di Cava Giuseppe Foscari, docente universitario. La conduzione sarà affidata a Franco Bruno Vitolo.

L’opera contiene una raccolta di oltre cento acquerelli e disegni del pittore, poeta e viaggiatore inglese Edward Lear, eseguiti nel corso dei suoi soggiorni ad Amalfi e Cava nel periodo tra il 1838 e il 1844. Sono quindi rappresentati scenari di tutto l’ambito territoriale. Le immagini provengono da collezioni di importanti biblioteche e musei, non solo europei ma anche americani.