eventi & appuntamenti

 

X-TEAM D2D, il progetto europeo che rivoluzionerà il trasporto pubblico urbano e interurbano dal 2025

Due le realtà campane in prima linea nella ricerca.


Entra nel vivo – dopo un primo importante step valutativo svoltosi nei giorni scorsi con la Commissione Europea – il Progetto di ricerca X-TEAM D2D, destinato a definire le linee guida e gli indirizzi di una vera e propria rivoluzione del sistema di trasporto pubblico in tutta Europa con nuovi sistemi di integrazione e logistica ed una importante apertura a nuove modalità di trasporto.

X-TEAM D2D mira infatti a definire, sviluppare e convalidare un manuale delle operazioni (ConOps) comune a livello europeo, per una perfetta integrazione dell’ATM (Air traffic management) con tutti gli altri mezzi di trasporto disponibili (aria, superficie, acqua) per una mobilità “porta a porta” senza interruzioni, in ambiente urbano e suburbano (fino ad una scala dimensionale regionale) per i prossimi decenni, con timeline di operatività fissate al 2025, al 2035 e finale 2050.

L’obiettivo è aumentare l’efficienza complessiva della rete di trasporto europea per far fronte alla domanda sempre più articolata, varia ed esigente da parte dei passeggeri e l’ottimizzazione del viaggio “Door to Door”, grazie una maggiore (e migliore) interoperatività/integrazione/sinergia delle diverse modalità di trasporto già disponibili e ad un incremento della sostenibilità ambientale, rendendo più efficienti le infrastrutture esistenti e quelle future.

Integrandosi con altri progetti di ricerca in corso (ASSURED UAM, TINDAiR), X-TEAM D2D si pone tra gli obiettivi primari quello di ottimizzare e ridurre i tempi di viaggio.

Il progetto X-TEAM D2D.

Il progetto X-TEAM D2D fa parte della Programmazione Pluriennale SESAR 2020 per il periodo 2019-2021. Punta ad approfondire ed analizzare in modo particolare la domanda, attraverso una segmentazione dei potenziali passeggeri, in base alla natura dei possibili viaggi (di piacere, d’affari, etc.), ai casi d’uso e ai requisiti specifici dei diversi spostamenti.

Il progetto è stato pensato per costruire un sistema a misura di passeggero, per soddisfare tutte le sue esigenze, grazie ad un sistema di rimodulazione capace di risolvere le eventuali problematiche in tempo reale.

Le attività di ricerca culmineranno con la definizione di un “manuale operativo” quasi del tutto automatizzato, in grado di modificare in tempo reale le coordinate anche per problemi o interferenze legate a fattori contingenti (maltempo, guasti, caratteristiche personali ed esigenze del passeggero, etc.). Un sistema che grazie ad un elevato grado di monitoraggio tecnologico degli impianti (e quindi dei sistemi di preallerta), ridurrà disservizi e fronteggerà ogni evenienza, riducendo le iniziative autonome.

Il nuovo sistema accompagnerà il passeggero nella individuazione della soluzione più adatta alle proprie specificità, dando indicazioni di ottimizzazione del viaggio o di revisione del tragitto e dei mezzi per arrivare a destinazione, anche con cambiamenti/adattamenti in corso d’opera.

L’obiettivo di fondo dell’UE, attraverso X-TEAM D2D ed ulteriori progetti innovativi (tra i quali anche TINDAiR e ASSURED UAM) che impegnano svariati istituti di ricerca anche italiani, inciderà profondamente sulle nostre abitudini e sui nostri stili di vita: punta, infatti, ad impiegare non più di quattro ore per spostarsi “door to door” da un punto all’altro dell’Unione Europea. Qualunque esso sia, ovunque si trovi (quindi non solo capitali, città o centri strategici).

È evidente che questo presuppone una intermodalità e una interconnessione assolutamente rivoluzionaria tra una pluralità di mezzi e sistemi di trasporto in cui l’utilizzo dei droni è uno dei più alternativi ed innovativi.

Il progetto prevede anche una integrazione con servizi ibridi e di mobilità condivisa, come bike sharing, car sharing, etc. con l’obiettivo di ottimizzare tutta la rete attraverso una efficiente integrazione anche con queste infrastrutture di micromobilità, per tutto o parte del tragitto.

X-TEAM D2D mira anche ad un percorso informatizzato di adattamento automatico dei biglietti in caso di modifiche impreviste.

Un ulteriore obiettivo comune di questi progetti è armonizzare le disposizioni europee in materia di trasporti, nell’ottica proprio di questa integrazione e intermodalità.

Il progetto X-TEAM D2D chiuderà i battenti il prossimo anno e metterà nero su bianco le prime direttrici e i primi punti delle linee guida della futura regolamentazione comunitaria. Simulazioni pratiche si stanno già effettuando in varie parti d’Europa.

La centralità del passeggero

Aspetto caratterizzante di questo progetto di ricerca attiene la centralità del passeggero, dai problemi pratici (biglietto unico, accesso alla bigliettazione, sistemi di pagamento, rimborsi, informazioni su orari e mezzi alternativi, etc.) alle esigenze “estreme” (e quindi con particolarissima attenzione non solo per i diversamente abili e per tutte le disabilità fisiche anche temporanee o contingenti).

Questo nuovo sistema di mobilità garantirà piena e uguale dignità a tutti i viaggiatori, assicurando la possibilità di muoversi senza l’imprescindibile necessità di una ulteriore persona a supporto o in accompagnamento.

Il progetto non a caso ruota soprattutto intorno a quelli che vengono definiti utenti estremi: perché accontentando gli utenti estremi, si riescono ad accontentare tutti i viaggiatori.

Le simulazioni

Nei prossimi mesi il progetto attiverà viaggi simulati tra città europee, con diversi profili di passeggero e diverse preferenze/esigenze, in condizioni ottimali di svolgimento del viaggio e con svariate problematiche, priorità e inconvenienti, prevedendo anche interruzioni del servizio per eventi naturali, imprevisti, contrattempi, guasti, per capire quanto questo sistema di automazione sia in grado di rispondere e applicare bene i principi ipotizzati e rispettare gli obiettivi predefiniti.

 Il Consorzio di X-TEAM D2D: due realtà campane in prima linea

Il progetto X-TEAM D2D è coordinato dal CIRA, il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali, che ha sede a Capua.

Impegna altri cinque centri di ricerca tra i più importanti in Europa:

ISSNOVA, Istituto per la società sostenibile e l’innovazione, con sede a Napoli. Un istituto di ricerca indipendente, cui partecipano il Centro Interdipartimentale di Ricerca “R. d’Ambrosio” LUPT dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Dipartimento di Scienze e Tecnologie di Laboratorio dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope e l’AMSEDE LAB – Laboratorio di Modellazione avanzata per l’evoluzione delle dinamiche socioeconomiche dell’Università degli Studi del Sannio)

D-FLIGHT Spa, Italia: società del Gruppo ENAV, la società italiana responsabile della gestione e del controllo del traffico aereo civile in Italia;

DEUTSCHES ZENTRUM FUR LUFT – UND RAUMFAHRT EV, Germania

SIEC BADAWCZA LUKASIEWICZ-INSTYTUTLOTNICTWA, Polonia

STICHTING HOGESCHOOL VAN AMSTERDAM, Paesi Bassi

 Le dichiarazioni

«Lo scopo del progetto – spiega Vittorio Di Vito, responsabile del Dipartimento per l’efficienza del traffico aereo del CIRA, coordinatore del progetto – è definire il concetto operativo per implementare il trasporto multimodale sia in ambito urbano che in ambito regionale, mettendo al centro il segmento aereo dal punto di vista tecnologico ma con una grandissima attenzione al passeggero, che è il focus del nostro concetto di mobilità come servizio. Il nostro orizzonte temporale è quello di lungo termine, in cui prevediamo, tra l’altro, il completo sviluppo del servizio di trasporto passeggeri multimodale con la possibilità di voli urbani ed extra urbani anche attraverso velivoli autonomi, secondo il concetto target di Urban Air Mobility. Abbiamo appena completato il primo anno di attività. Ci siamo concentrati inizialmente sull’individuazione delle tendenze in atto e prospettici, sia in termini economici e sociali che tecnologici. Al momento stiamo finalizzando la prima versione dei concetti operativi verso un sistema multimodale che faciliti il passeggero nel trasporto cosiddetto door-to-door attraverso la combinazione ottimale di più mezzi diversi, ove necessario, ma senza soluzione di continuità del servizio. In questo modo la mobilità door-to-door diventerà per il passeggero un servizio di mobilità unico ed ottimizzato come tale e non più un insieme di trasporti diversi indipendenti tra loro. Questa base di conoscenza alimenterà la fase di validazione, che fornirà indicazioni su come migliorare i concetti operativi ed arrivare alla loro finalizzazione entro un anno».

«Il progetto X-TEAM D2D – dichiara Gabriella Duca, CEO di Issnova – non solo contribuirà a rendere i servizi di mobilità più efficienti e sostenibili ma ha anche l’ambizione di definire degli standard per i veicoli e per tutte le infrastrutture fisiche e digitali che utilizziamo per organizzare e compiere il viaggio in un’ottica di totale inclusione e accessibilità. L’insieme delle conoscenze tecniche rilasciate dal progetto potrà costituire un riferimento a disposizione degli esperti di trasporto per realizzare servizi di mobilità in grado di soddisfare realmente le esigenze degli utenti. Infatti, in X-TEAM D2D abbiamo analizzato la variabilità delle caratteristiche e dei bisogni dei passeggeri nei tre orizzonti temporali del progetto, per comprendere come permettere a tutti, indipendente dalle abilità fisiche o sensoriali, dalle differenze culturali o condizioni contestuali specifiche (come possono essere, ad esempio, il viaggio con bambini piccoli o con bagagli voluminosi), di godere dei servizi di trasporto in autonomia e con soddisfazione, dando piena attuazione agli obiettivi di equità e inclusione che restano oggi ancora troppe volte disattesi quando parliamo di trasporto pubblico».

Napoli, 22 luglio 2021

Cava de’ Tirreni (SA). Mostra-Concorso, presentazione di libri, eventi show: riapre alla grande l’Accademia “Arte e Cultura”

Festa grande il 27 giugno scorso al Complesso Monumentale di San Giovanni di Cava de’ Tirreni, a coronamento dei sette giorni di eventi della Mostra Concorso indetta dall’Accademia “Arte e Cultura”, fondata e presieduta da Michelangelo Angrisani. Basata su un ampio numero di sezioni (Pittura, Scultura, Fotografia, Artigianato Artistico, Poesia, Lingua e Vernacolo, Narrativa e Giovani Poeti), l’iniziativa ha festeggiato le sue nozze d’argento col territorio, in linea con la storia dell’Accademia organizzatrice, che da quasi trent’anni è linfa di creatività e umanità per l’Agro nocerino-sarnese, da cui proviene, e per la Valle metelliana, dove oramai è radicata da quasi dieci anni.

Alla festa finale hanno dato colore, calore e sapore i prestigiosi ospiti intervenuti: il prof. Armando Lamberti, Assessore alla Cultura del Comune di Cava de’ Tirreni, che ha patrocinato e sostenuto la manifestazione; Edda Cioffi, psicologa, attiva nelle varie forme della comunicazione, presentatrice e conduttrice televisiva; Angelo Ianniello, ambasciatore del sorriso nel mondo e prestigioso testimonial della figura di Pulcinella, che ha riproposto nel corso della serata suscitando fresche risate ma anche stimolanti riflessioni sulle criticità del mondo di oggi; il giovane e già affermato pianista Ernesto Tortorella, bravissimo non solo nell’esecuzione ma anche nella composizione di trascinanti brani musicali; la dottoressa Antonella Cicale, poetessa ed esponente di punta della giuria letteraria e già madrina nella scorsa edizione.

La manifestazione ha avuto inizio ore Sabato 19 Giugno, con l’apertura della mostra e la presentazione itinerante di tutte le opere in concorso, con la guida del patron Michelangelo Angrisani e del sottoscritto scrivente Franco Bruno Vitolo, che hanno gestito insieme tutti i vari eventi della settimana. È stata una serata particolare, perché il cammino itinerante ha permesso un dialogo costante e libero tra artisti e pubblico e di conseguenza ha aperto una finestra significativa ed a tratti emozionante non solo sul protagonismo culturale, ma a tratti anche sulla persona che lo genera.

Lunedi 21 Giugno è stata la volta della presentazione del libro “Zampilli a colori”, frizzante raccolta di racconti “di viaggio nelle città e nella vita” di Annamaria Santoriello, a cura di Franco Bruno Vitolo, con la relazione di Maria Olmina D’Arienzo, già insegnante e dirigente scolastica.

Sono intervenuti: Michelangelo Angrisani, Presidente dell’Accademia, Armando Lamberti, Assessore alla Cultura del Comune di Cava de’ Tirreni, Chiara Savarese, illustratrice di qualità di tutti i racconti del libro. In chiusura di serata, ad integrazione della manifestazione è stato proiettato il video “Pensiero nel mare” (collegato al libro attraverso uno specifico QRCode) con testo poetico e musica della stessa Annamaria Santoriello, voce del soprano Dorothy Manzo, realizzazione di Ivan Iannone, esecuzione dello stesso Ivan Iannone e di Anna Squitieri. Belle e suggestive le immagini, intensa di palpiti e forte di sentimenti la musica, alto e coinvolgente lo zampillio di emozioni.

Venerdi 25 giugno, a cura di Franco Bruno Vitolo, in dialogo con le autrici e col supporto delle bellissime illustrazioni contenute nei due volumi, sono stati presentati due libri fratelli di tre sorelle: “Anche gli Angeli fanno l’autostop” di Rosanna Rotolo e del libro “Una sfida da vincere” di Teresa Rotolo (con due contributi di Luigia Rotolo). Sono due libri fratelli di tre sorelle, che, da angolazioni diverse (il primo in chiave più spirituale, il secondo più legato agli atteggiamenti ed alle scelte della vita quotidiana), affrontano entrambi il tema cruciale e problematico della ricerca e della realizzazione del Sé.

Sono intervenuti: Il presidente Michelangelo Angrisani per un breve saluto; Luigia Rotolo, autrice di due saggi in appendice al libro Una sfida da vincere; Ernesto Tortorella, pianista. Nel corso della serata è stato proiettato, con intimi fremiti a battito di cuore, il video “Lettera a un seme di primavera” (ispirato ad un frammento del libro di Teresa Rotolo), realizzato con professionale maestria e calda, paterna partecipazione, da Marco Sada, su testo di Franco Bruno Vitolo, con la collaborazione maternamente musicale di Patrizia Siani e con un’apparizione, dolcissima, della piccola Cristina Sada.

Sabato 26, la premiazione delle opere relative alla Sezione Letteraria, secondo le valutazioni della Giuria, composta da Antonella Cicale, Antonietta Ciancone, Fabio Dainotti, Paola La Valle, Franco Bruno Vitolo. Queste le risultanze:

Sezione Poesia in Lingua italiana:

1° Premio: Luisa Di Francesco (Taranto); 2° Premio: Occhipinti Emanuele (Cava de’Tirreni – Sa) ; 3° Premio: Fiorello Doglia (Genzano – Roma) ; 4° Premio: Susy Troncone (Mercato San Severino – Sa); 5° Premo ex aequo: Annamaria Santoriello (Cava de’ Tirreni – Sa); Elvira Venosi (Nocera Superiore – Sa); Francesco Terrone (Mercato Sanseverino).

Segnalazioni di Merito:

Antonio Arpaia (Pompei – Na) – Giuseppe Romano (Malcesine – Verona) – Sergio Zappia (Salerno) – Angela Maria Tiberi (Pontinia – Latina) – Luciana Capece (Roma) – Sofia Colaiacovo (Latina) – Giuseppina Amendola (Castel San Giorgio – Sa) – Iolanda Della Monica (Cava de’ Tirreni – Sa) – Paola De Lorenzo Ronca (Avellino) – Rita Palmieri (Campagna – Sa) – Fabrizio Cacciola (Messina) – Katia Marotta (Messina) – Maria Stimpfl (Padavena – Belluno)

Sezione Poesia in vernacolo

1° Premio: Amalia Viti (Napoli); 2° Premio ex aequo: Lucia Ruocco (Atrani – Sa), Natalina Stefi (Napoli); 3° Premio: Ignazio De Rosa (Salerno)

Sezione Narrativa:

1° Premio Annabella Mele (Novara); 2° Premio Lucia Ruocco (Atrani – Sa); 3° Premio Anna Toscano (Venezia)

Premi Speciali:

Francesco Terrone (Mercato San Severino – Sa): Ambasciatore della poesia nel mondo;

Ana Correa (Santo Domingo dell’Ecuador): per la forza della sua poesia e la sua voce che sa volare oltre i confini.

Antonio De Caro (Castel San Giorgio – Sa): Medaglia del Presidente della Camera dei Deputati – Giovanissimo scrittore che attraverso un racconto ben articolato ha saputo fare sfoggio di fantasia e dare una significativa lezione di coscienza civica ed ecologica.

Domenica 27 Giugno, Premiazione della Sezione Arti visive, secondo le valutazioni della giuria presieduta da Michelangelo Angrisani, coadiuvato da Raffaele Citarella e Franco Bruno Vitolo.

Sezione Scultura

1° Premio ex Aequo, Paolo Polli (Annone di Brianza – Lecco); Fiorello Doglia (Genzano – Roma)

Sezione Fotografia

1° Premio: Pasquale Esposito (Cava de’ Tirreni – Sa)

2° Premio: Flora Cocchi Mican (Arezzo)

3° Premio Lucia Ruocco (Atrani – Sa)

Segnalazione di merito: Giorgio Vezzaro (Vicenza)

Sezione Pittura Grafica

1° Premio: Emanuela Borrelli (Cava de’ Tirreni)

Sezione Pittura non figurativa

1° Premio: Giuseppe Citro (Castel San Giorgio – Sa)

Per la Pittura Figurativa

1° Premio ex aequo: Amel Hajjar (Monastir – Tunisia); Paola Cetani (Sorrento –Na)

3° Premio ex aequo: Luigi Cr’o (Caserta); Lina Di Lorenzo (Vallo Della Lucania – Sa)

4° Premio ex aequo: Enrico Di Filippo (Siano – Sa); Susy Tronconi (Mercato San Severino – Sa)

5° Premio: Carmela Alfano: (Mercato San Severino – Sa); Nunzia Alfano (Mercato San Seveino – Sa)

Segnalazioni di merito:

Per la Pittura figurativa: Rita Di Novi (Battipaglia – Sa) – Mohamed Larachiche (Algeria) – Paolo Polli (Annone Brianza – Lecco) – Dina Zilberberg (Ra-anna Israele) – Pilar Segura Badia (Barcellona – Spagna)

Rosanna Ferraiuolo (Artigianato Artistico)

Premio speciale fuori concorso:

Liliana Scocco Cilla (Arezzo) – Per la carriera artistica di assoluto prestigio nazionale.

Cava de’ Tirreni (SA). “Matematica vedica”: divertimento e magia nella “variante indiana” di Michele Baldi

Il libro presentato nella Sala del Consiglio giovedì 27 maggio.


E la bestia nera diventò più chiara, quasi bianca. Così può apparire agli occhi degli studenti la matematica se la si studia e applica non solo con la rigidità dei calcoli classici, ma anche con la “variante indiana” della matematica vedica, che favorisce una sorprendente velocità e crea un gioco divertente e catturante.

L’ha proposta, e la ripropone, Michele Baldi, dottore in Fisica, esperto- innamorato, di didattica informatica e matematica, soprattutto se sperimentale, già fondatore del Centro Intermedia a Cava de’ Tirreni, da anni motore della cultura scientifica del territorio e promotore di una serie di iniziative ad hoc per e con le scuole, le associazioni specializzate ed anche semplici cittadini.

La sua iniziativa è sfociata per ora in un delizioso libro “libera-mente”, dal titolo emblematico, Matematica vedica, divertimento e magia.

Ha una copertina così colorata e fantasiosa che sembra un libro per bambini. Ed in effetti lo è, ma strizza occhio e occhiolino anche agli adulti. L’idea della sua pubblicazione è nata da un’interazione tra il dott. Baldi e docenti e dirigenti della scuola primaria, che si sono appassionati loro per primi e si sono entusiasmati quando hanno visto la reazione possibile che il metodo vedico ed i giochini annessi potevano scatenare nei piccoli discenti. Si è sviluppata così una sinergia tra la ricerca scientifica e l’istituzione scolastica, che ha avuto il suo corollario finale nel sostegno dell’Amministrazione, dato che il libro è stato pubblicato dal Comune di Cava, diventato artefice di un esperimento non certo comune nel nostro paese e quindi tale da ergersi a modello per altre esperienze analoghe.

Il piacere, l’utilità e la qualità dell’intera iniziativa sono stati sottolineati con forza ed entusiasmo durante la presentazione del libro, avvenuta giovedì 27 maggio nella Sala del Consiglio Comunale, in un’incontro ricco di partecipanti, in presenza e a distanza, comprese anche delle classi intere di ragazzi.

La prof. Gabriella Liberti, Dirigente scolastica, dopo aver proclamato che Michele Baldi è stato capace di riconciliarla con la matematica, ha evidenziato che quest’esperienza riesce a superare la classica divisione che vede da una parte l’umanesimo depositario della creatività e dall’altra la matematica ferma davanti al muro del rigore logico. E quindi è un’iniziativa che viene da lontano e guarda lontano.

La prof. Raffaelina Trapanese, anche lei Dirigente Scolastica, ha evidenziato proprio la collegialità che ha portato all’adozione della proposta Baldi, aggiungendo che tali sinergie e il dialogo ad esse sotteso, unite all’uso intelligente delle tecnologie, come è emerso negli ultimi tempi, possono essere le basi su cui costruire la scuola aperta del futuro.

Gongolante per la qualità dell’iniziativa, il Sindaco di Cava Vincenzo Servalli ha esaltato la vivacità propositiva che ad ogni occasione emerge nelle scuole cittadine e che fa il paio con la generale tendenza della Città verso l’innovazione tecnologica (e il Centro dell’ex Mercato coperto ne è un esempio luminoso).

Quando poi Michele Baldi ha preso la parola per spiegare i meccanismi e la funzionalità del suo libro, il cervello di tutto il pubblico, coinvolto in prima persona in calcoli, giochi e indovinelli, si è tinto di divertiti colori. Alla fine, tante oscurità iniziali si sono schiarite e si è compreso meglio il nocciolo del progetto e di questo metodo.

La Matematica vedica è un sistema di calcolo veloce, anche mentale, risalente alle secolari tradizioni della cultura indiana, rilanciato a metà del secolo scorso dal matematico Tirthaji e poi applicato soprattutto nei paesi anglosassoni, anche nelle scuole superiori e con buoni risultati generali, in particolare nello stimolare l’approccio alla disciplina dei ragazzi svantaggiati, in difficoltà nel mantenere il passo rigoroso della cultura ufficiale.

In effetti, questo sistema, che, ripetiamo, integra ma non sostituisce in toto la matematica ufficiale, favorisce l’agilità mentale perché, oltre ad essere alternativo, ipotizza anche una certa gamma di scelte, come ad esempio calcolare leggendo sia da destra a sinistra che da sinistra a destra, oppure scegliendo volta per volta il metodo.

Il metodo rapido di calcolo da sempre ha incuriosito e stimolato i ragazzi, a prescindere dal luogo di nascita. Valgano gli esempi del “nostro” Leonardo Fibonacci, il futuro “inventore” dello zero, e di Carl Gauss, che facendo in pochissimi minuti la somma di tutti i numeri da uno a cento stupì il suo stesso maestro, che invece aveva dato un compito “punitivo” per la sua lunghezza.

Ma qui siamo andati oltre e siamo entrati anche nel campo dei giochi e dei quiz matematici di cui Michele Baldi ha infiorato il suo libro. Quiz e giochi che hanno lasciato noi del pubblico in sala sorridenti… e pure in sospeso… magari con la curiosità di sapere come si può individuare l’età di una persona sapendo che ha gli occhi celesti…

Come si fa a saperlo? Basta prendere il libro… e giocarci a sorsi, come se fosse un caffè… e senza chiedersi se non sarebbe comunque più facile di fronte ad un calcolo interrogare la calcolatrice dello smartphone così sollecita e veloce…

Ma il cervello della calcolatrice ha i chip, non i muscoli, il nostro invece i muscoli ce li ha e vanno adoperati. E un cervello muscoloso aiuta a vivere meglio e, udite udite, rafforza anche il sistema immunitario.

Ergo, meditiamo, gente, meditiamo. E facciamo bene i nostri calcoli …

Cava de’ Tirreni (SA). Rinascicultura … Cava de’ Tirreni porte aperte

In occasione della celebrazione del 2 giugno, Festa della Repubblica, l’Amministrazione Servalli ha organizzato l’iniziativa “Cava de’ Tirreni Porte Aperte”.

Potranno essere visitati gratuitamente: le sale dell’ottocentesco Palazzo di Città, una volta “Teatro Verdi”, con la storica pinacoteca di dipinti del ‘500, sarà esposta anche la Pergamena Bianca; l’area del Castello di Sant’Adiutore con la cinta muraria e i grandi bastioni di difesa oggetto di recupero e di un progetto di circa 2.1 milioni di euro, la millenaria Basilica dell’Abbazia Benedettina con i marmi policromi, mosaici, l’ambone, la grotta di Sant’Alferio con la cappella dei quattro Santi e il Chiosto; la cinquecentesca Chiesa del Convento di San Francesco con storica biblioteca del Convento di San Francesco con corali, pergamene ed incunaboli di grande pregio; il cinquecentesco Duomo Concattedrale Santa Maria della Visitazione; la quattrocentesca Basilica Pontificia Santuario Santa Maria Incoronata dell’Olmo, ricca di affreschi, opere scultoree, di stemmi nobiliari delle famiglie cavesi.

Tutti i luoghi di RinasciCultura sono visitabili dalle ore 10 alle 12.30 e dalle ore 16.30 alle 19.30

“Una bella e significativa iniziativa – afferma l’Assessore alla Cultura, Armando Lamberti – che nasce dal desiderio, largamente condiviso, di vivere “un nuovo rinascimento”, in un giorno dal grande valore simbolico apriamo le porte del patrimonio storico-artistico e culturale del nostro territorio per trasmettere un grande messaggio di speranza”.

La manifestazione è promossa dai Comuni di Angri, Castel San Giorgio, Corbara, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Pagani, Roccapiemonte, Siano, Scafati, San Marzano sul Sarno, San Valentino Torio, Siano.

Cava de’ Tirreni (SA). “Ciao sono Simona, una nuvola che si perde nel cielo”

Questa mattina, sabato 29 maggio, è stato reso omaggio alla piccola Simonetta Lamberti, che 39 anni fa, fu vittima innocente a soli 11 anni, di un attentato la cui vittima designata era il papà Alfonso Lamberti, magistrato anticamorra della Procura di Sala Consilina.

Il giudice Lamberti scampò miracolosamente ai colpi esplosi dai killer della camorra, ma perse la vita la figlia Simonetta seduta sul sedile posteriore dell’auto.

Il fascio di fiori è stato deposto dal Sindaco insieme alla sorella Serena davanti al monumento che ricorda il sacrificio di Simonetta, nel Parco Falcone e Borsellino, alla presenza anche della cugina Agata e dello zio Alfredo Lamberti, degli Assessori e Consiglieri comunali, dei bambini ed insegnanti della classe I sezione A, della scuola media Balzico, frequentata da Simona, di Marcello Ravveduto, docente alle Università di Salerno e di Modena e Reggio Emilia, impegnato nella lotta alla camorra, dei rappresentanti dell’Associazione Liberi Avvocati Salernitani e di tanti cittadini. Un mazzo di fiori è stato deposto anche da un rappresentante della tifoseria della Cavese, da sempre vicini alla sorella Serena ed alla famiglia Lamberti.

“Simonetta è e resterà sempre nel cuore dei cavesi – afferma il Sindaco Servalli – il prossimo anno, in occasione del 40º anniversario, liberi dal covid, organizzeremo una cerimonia per ricordarla e testimoniare che il suo sacrificio ha scosso le coscienze di tutte quelle persone che si riconoscono nel monito del Presidente Mattarella: o si sta contro la mafia, o si è complici. Non ci sono alternative”.

Commossa Serena Lamberti, che seppur nata dopo la tragica morte di Simonetta, ha dedicato la sua vita al ricordo della sorella ed a trasmette alle nuove generazioni l’impegno a non piegarsi alla criminalità.

“Simonetta è più viva oggi di tanti camorristi che respirano ma sono morti dentro – afferma Serena Lamberti – è mi piace immaginarla così come lei stessa scrisse, sono una nuvola che si perde nel cielo. Simonetta è la sorellina di tutti i cavesi e il mio impegno è quello di ricordarne sempre la memoria”.