eventi & appuntamenti

 

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Nella cattedrale di Santa Maria della visitazione di Cava, la celebrazione eucaristica del 2 novembre del Sacrario Militare di Cava

Intenso e toccante il ricordo dei caduti in tutte le guerre.


Celebrata, ieri sera, nel Duomo di Cava de’ Tirreni da S.E. Monsignor Orazio Soricelli, Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Amalfi/Cava, la messa del 2 novembre alla presenza dei rappresentanti dell’amministrazione comunale e dei componenti del Comitato per il Sacrario Militare di Cava de’ Tirreni.

Alla cerimonia, officiata all’interno della Cattedrale di Santa Maria della Visitazione, hanno preso parte, tra gli altri, il vicesindaco Nunzio Senatore, il presidente del Comitato per il Sacrario Militare di Cava de’ Tirreni Daniele Fasano ed i componenti il sodalizio: il Generale Lucio Cesaro, il professor Roberto Catozzi e Roberto Randino, il fratello del Caporal Maggiore dell’Esercito Massimiliano Randino, morto in un attentato in Afghanistan nel 2009.

Particolarmente intensa la commozione dei presenti alla celebrazione officiata in suffragio di tutti i defunti e dei Caduti Cavesi di tutte le guerre.

“Ogni due novembre, come di consuetudine, rendiamo omaggio al Sacrario metelliano – ha sottolineato Monsignor Soricelli – Ed oggi, alla presenza dei componenti del Comitato per il Sacrario Militare di Cava de’ Tirreni, ci fermiamo per un momento di raccoglimento.
Affidiamo i caduti alla bontà di Dio perché li accolga nel Regno della pace.
Ricordiamo quindi, tutti i militari che si sono sacrificati per la patria sapendo di rischiare la loro vita per i valori in cui credono”.

“I valori di fratellanza e generosità veicolati da tanti eroi – ha dichiarato il Presidente del Comitato per il Sacrario Militare, il dottor Daniele Fasano – hanno ispirato, nel corso del tempo, l’esistenza di tanti caduti che, eroicamente, hanno sacrificato la loro vita per la pace e per ciò in cui hanno sempre creduto. Ringrazio S.E. Monsignor Orazio Soricelli per averci invitato alla celebrazione serale in Duomo e richiamato, alla memoria, con infinito affetto, i caduti cavesi di tutte le guerre”.

Infine, un invito del Presidente Daniele Fasano:

“Facciamo nostre le parole scolpite nel marmo all’interno del Sacrario di Cava de’ Tirreni in memoria dei caduti “Assetati d’ideale nell’addio, non udiste il nostro gemito ed ora le salme composte nel santissimo tempio dove la forte giovinezza crebbe nella fede. A noi chiedete i suffragi nell’amore alla patria”.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Al Duomo metelliano la celebrazione eucaristica del 2 novembre del Sacrario Militare

Sarà un due novembre sui generis, quello che sta per arrivare tra una manciata di giorni date le normative anti-Covid.

Il Comitato per il Sacrario Militare di Cava de’ Tirreni non officerà la consueta celebrazione eucaristica mattutina al Sacrario Militare presso il civico cimitero ma prederà parte alla cerimonia in suffragio di tutti i Defunti e dei Caduti Cavesi di tutte le guerre, che si terrà il prossimo 2 novembre alle ore 19.00 alla Cattedrale Diocesana di Cava De’ Tirreni.

Il Comitato per il Sacrario Militare di Cava de’ Tirreni parteciperà quindi alla cerimonia eucaristica prevista all’interno dell’evento organizzato dall’amministrazione comunale dal titolo “I santi ed i defunti”.

Il rito religioso, ad ingresso contingentato nei limiti delle normative anti-Covid in corso, sarà presieduto da S.E. Monsignor Orazio Soricelli, Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Amalfi/Cava.

“Viviamo tempi difficili – sottolinea il presidente del Comitato per il Sacrario Militare di Cava de’ Tirreni Daniele Fasano – Il nostro pensiero va ai valorosi eroi caduti in guerra che hanno sacrificato la loro vita per noi. E’ infatti un nostro preciso dovere civile e morale, veicolare un profondo messaggio di pace e solidarietà ricordando chi ha compiuto il sacrificio supremo, per non far mai cadere nell’oblio il ricordo delle tante persone che hanno immolato la propria vita, combattendo per la patria”.

CAVA DE’ TIRRENI (SA). Proclamati i vincitori del Concorso “Sant’Alfonso”, ma niente premiazione, causa Covid

Tarpata dall’emergenza Covid sia a maggio che in questo triste autunno di ricaduta, la Premiazione del decimo Concorso di Poesia e Prosa religiosa “Sant’Alfonso”, fondato e presieduto dal Parroco don Gioacchino Lanzillo, non è riuscita proprio a venire alla luce. Doveva effettuarsi il 24 ottobre presso il complesso parrocchiale di Sant’Alfonso, in via Filangieri a Cava de’ Tirreni, ma, come a maggio così in questo triste autunno di ricaduta, è stata tarpata dall’emergenza Covid.

Peccato, veramente peccato per questo indesiderato “aborto”, anche perché i lavori presentati, come sempre su tematiche o personaggi di ispirazione religiosa, sono stati numerosi, provenienti da varie parti d’Italia e di qualità decisamente buona.

Facendo di necessità virtù, in mancanza di quell’incontro diretto che è sempre gradito e fecondo, la pubblicizzazione dei risultati avverrà attraverso i media e la consegna degli attestati e delle targhe brevi manu per i residenti in zona e via posta per gli altri.

Il Segretario e Coordinatore del Premio, Emanuele Occhipinti, dopo aver confermato l’annullamento della premiazione diretta, ha trasmesso i risultati del concorso.

I membri della Giuria (Lucia Antico, Maria Alfonsina Accarino, Lucia Criscuolo, Maria Teresa Kindjiarsky, Rosanna e Teresa Rotolo, Annamaria Violante), presieduta dal sottoscritto scrivente, Franco Bruno Vitolo (ma senza diritto di voto), hanno così formato e motivato il podio e il gruppo dei segnalati al merito:

Primo premio: Tiziana Monari (Prato), con la poesia Era di maggio (a mia madre)

Motivazione: Attraverso affettuose immagini e colorite metafore in tumultuosa successione, inserite in versi e strofe armoniosi nel suono ma volutamente distonici nella lunghezza per indicare l’ondosa variazione degli stati d’animo, la poetessa produce un’intensa elegia d’amore nel ricordo della figura di sua madre e ricrea un emozionante rapporto con la sua avvolgente presenza-assenza , generando così una teatrale elettricità e plasmando dal silenzio della sofferenza e dall’intimità della Fede il canto primaverile di una speranza d’infinito in fondo al cuore.

Secondo premio: Rita Muscardin (Savona), con la il racconto Lettera di un bambino dal mare

Motivazione: Con un’affabulazione chiara ed a forti tinte emozionali, impreziosita da venature liriche e sentimentali capaci di alleggerire la drammaticità della situazione, coinvolgendo pienamente il lettore attraverso la voce dell’infanzia tarpata e ed immergendolo nel fondo del mare reale della storia e del mare metaforico della disperazione legata alle migrazioni nei barconi, la scrittrice riesce a commuovere e nello stesso tempo ad imporre una seria riflessione su quei drammi sociali di cui noi siamo non solo spettatori ma anche attori di fatto.

Terzo premio: Giovanna Piranio (Ragusa), con la poesia Maria, confido in Te

Motivazione: Con il ritmo serrata di un tormentato monologo interiore, facendo trasparire un doloroso purgatorio familiare, in cui il Paradiso dell’amore materno viene oscurato dalle nuvole del dubbio riguardanti scelte educative ed affettive che potrebbero aver creato pungenti barriere, la poetessa crea alla fine varchi di rassegnato ma partecipe abbandono alla protezione della Madre Universale, generatrice di una consolatoria speranza che almeno Lei possa accompagnare i suoi figli nella notte, ogni altro abisso. E la sua rassegnazione ci insegna la forza del futuro, mentre la sua commozione diventa la nostra commozione.

Segnalazioni speciali sono state assegnate a:

Giuseppe Capone (Majori – Sa) per la poesia Corpusdomene

Manuela Capri (Crevalcore – Bo) per la poesia L’assoluta certezza di Te

Guglielmo Cirillo (Cava d.T. – Sa) per la poesia Bell’ ‘i mamma

Carla D’Alessandro (Nocera Inf. – Sa) per il racconto Benedetta

Rosario La Greca (Majori – Sa) per la poesia Alla beata Vergine del Rosario

Elena Maneo (Mestre – Venezia) per il racconto La candela

Luisa Mazzanti (Merone – Como) per la poesia Cammina, Pietro, cammina!

Rita Minniti (Cava d.T. – Sa) per la poesia Come unico dono

Pino Pietropaolo (Amorosi – BN) per la poesia La mia via

Nicola Prebenna (Ariano Irpino – Av) per la poesia Dal Gargano a Delfi

Annamaria Santoriello (Cava d.T. – Sa) per il racconto Samantha, una vita da brivido

Stefania Siani (Cava d.T. – Sa) per il racconto La voce del cuore

Sulla base della classifica finale e/o delle indicazioni degli interessati sono stati poi assegnati i seguenti premi speciali, con le relative motivazioni:

Premio Speciale dell’Arcivescovo

Valentina Carleo (Pontecagnano F, – Sa) per la poesia Ascoltare la paura di scegliere

Motivazione: Con un efficace impasto di emozioni confuse e fumo di tormento e una sapiente e armonizzata varietà di versi e strofe, attraverso lo sguardo soggettivo di una carezzata solitudine e di un animo ancor vago del facile inganno del mondo, viene descritto lo scenario angosciato dell’uomo autolesionistcamente sofferente, ma alla fine il seme d’amore divino e di poesia che nasce da questo smarrimento terreno non solo allontana la Malinconia, ma riesce anche a donare il crisma di un’opera di alta qualità poetica ed umana.

Premio Speciale del Parroco

Vincenzo Cerasuolo (Pontecagnano F. – Sa) per la poesia Damme

Motivazione: Con quartine armoniose e coinvolgenti, vivacizzate dai colori e dalle intense connotazioni della lingua napoletana, il poeta intesse un’emozionata ed emozionante preghiera dettata da radici di profonda spiritualità e dal bisogno di lenire le sofferenze e le debolezze con la forza della fede e di quelle certezze che, alleviando i tormenti , possono rendere l’anima comme ‘a neve e donare la luce della speranza.

E l’insieme lascia una scia profonda che induce alla riflessione e all’emozione.

Premio Speciale delle catechiste

Domenico Pujia (Roma) per la poesia Una luce nel buio

Motivazione: In un afflato di religiosa emozione che racconta il cammino dalle macerie di notti buie macerie alla certezza dell’Amore di Dio, il poeta intesse una meditazione profonda che, nella rasserenante consapevolezza del miracoloso dono della Vita, parte dal cuore e arriva al cuore.

Premio Speciale del Presidente di VersoCava

Rosalba Fieramosca (Salerno) per la poesia Guarderemo il tramonto

Motivazione: Con versi di immediato impatto comunicativo, in cui la dolce pacatezza dei toni crea un lirico contrappunto rispetto alla dolorosa malinconia dei contenuti, partendo da una dimensione personale e toccando con delicatezza la tematica “archetipica” della lacerante separazione di una coppia per il naturale avanzare dell’età, la poetessa produce una saggia consolazione, sospesa tra la speranza della vita eterna in comune e il privilegio di poter ricordare primavere di risate, sorrisi e baci, in un insieme di sensazioni che la emoziona e ci emoziona profondamente.

Premio Speciale del Segretario del Concorso

Antonio Botta (Casoria – Na) per la poesia Ascoltare la paura di scegliere

Motivazione: Con un linguaggio complesso ma di ampio respiro culturale e religioso, in versi di ampia estensione variamente strutturati ed emotivamente vibranti, prospettando sotto forma di un immaginario dialogo il cammino spirituale del poverello d’Assisi dalle mistiche nozze con Madonna Povertà fino al momento in cui Sorella Morte accoglie con gaudio e schiude l’anima al calore del Santo Spirito, la poesia genera una suggestiva e catartica preghiera che ci fa sentire ancora più vicina la santità di due splendide figure della Cristianità.

Segnalazioni semplici sono state assegnate a:

Alfonso Apicella (Cava de’ Tirreni – Sa), Alfonso Apicella (Cava de’ Tirreni – Sa), Antonio Armenante (Cava de’ Tirreni – Sa), Fernanda Baragli (Treviso), Alberto Cerbone (Casoria – Na), Mirella Costabile (Salerno), Maddalena Della Mura (Maiori – Sa), Alfonso Gargano(Salerno), Maria Giraudo (San Dalmazzo – CN), Liliana Ianni (Roseto Degli Abruzzi – Te), Carmela Lo Bue (Palermo), Maria Luisa Mignone (Salerno), Biagio Napolano (Cava de’ Tirreni – Sa).

Ad evidenziare il livello alto delle opere nel loro complesso, il fatto che le due prime classificate, Tiziana Monari di Prato e Rita Muscardin da Savona non solo sono state tanto brave da aggiudicarsi, a turno, ben nove delle dieci edizioni finora effettuate, ma hanno un carnet personale ricchissimo di premi conquistati in vari concorsi ed in tutto il territorio della penisola. È un livello che si conserva fin dalla prima edizione, il che significa che il Concorso è seguito, atteso e apprezzato. Anche per questo merita una conclusione meno “clandestina” . Ma prima, per parafrasare il buon Eduardo, “ha da passà ‘a nuttata”…

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Corpus domene

di Giuseppe Capone

Grazie anche ad un uso prezioso della lingua napoletana e delle sue ataviche sonorità, descrivendo la processione del Corpus Domini attraverso gli occhi e gli atteggiamenti della popolazione, il poeta riesce con incisiva vivacità a fondere la concretezza delle richieste di grazie legate alla vita quotidiana con la spiritualità della religione, offrendo

un delizioso quadretto di colorita e sanguigna identità.

Grazie anche ad un uso prezioso della lingua napoletana e delle sue ataviche sonorità, descrivendo la processione del Corpus Domini attraverso gli occhi e gli atteggiamenti della popolazione, il poeta riesce con incisiva vivacità a fondere la concretezza delle richieste di grazie legate alla vita quotidiana con la spiritualità della religione, offrendo

un delizioso quadretto di colorita e sanguigna identità.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Bell’ ‘i mamma

di Guglielmo Cirillo

Con le connotazioni tipiche della lingua napoletana ed una narrazione lineare e coinvolgente fondata su un’idea finale illuminante, il poeta rievoca con tenera affettività uno storico simbolo di Pietà come Mamma Lucia e nello stesso tempo stabilisce un suggestivo ponte tra la sua figura terrena

di maternità universale e l’universalità celeste della Madre di Gesù, unendole in un quadretto

che fa vibrare il cuore con la forza dell’emozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Cammina, Pietro, cammiona

di Luisa Mazzanti

Con versi coinvolgenti e frementi di intima religiosità, in un lirico intreccio tra il silenzio divino della preghiera e lo smarrito urlo terreno di lacerante sofferenza, nel rievocare la solitaria e indimenticabile celebrazione eucaristica di Papa Francesco in una Piazza San Pietro svuotata dalla pandemia ma riempita dai cuori di tutto il mondo, la poetessa con sincero spirito di speranza trasmette tutta la forza della fede, aiuta l’anima a confidare nella carezza divina e, in un alternarsi di lacrime trattenute, versate e deterse, commuove il lettore e riesce a sublimare il dolore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Ascoltare la paura di scegliere

di Valentina Carleo

Con un efficace impasto di emozioni confuse e fumo di tormento e una sapiente e armonizzata varietà di versi e strofe, attraverso lo sguardo soggettivo di una carezzata solitudine e di un animo ancor vago del facile inganno del mondo, viene descritto lo scenario angosciato dell’uomo autolesionistcamente sofferente, ma alla fine il seme d’amore divino e di poesia che nasce da questo smarrimento terreno non solo allontana la Malinconia, ma riesce anche a donare il crisma di un’opera di alta qualità poetica ed umana.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2019 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

La voce del cuore

di Stefania Siani

Con lineare chiarezza, attraverso un intrigante rimpallo di passato e presente e la fascinosa convivenza di rassicuranti certezze, scelte tormentate, vago scetticismo e testimonianze di fede, il racconto propone tematiche di ampia portata etica ed esistenziale, gestite con lucido equilibrio narrativo in modo tale che la “voce” è pronunciata con la lingua della ragione ma proviene tutta dal cuore, intrisa di dolcezza umana e ricche connotazioni d’amore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Guarderemo il tramonto

di Rosalba Fieramosca

Con versi di immediato impatto comunicativo, in cui la dolce pacatezza dei toni crea un lirico contrappunto rispetto alla dolorosa malinconia dei contenuti, partendo da una dimensione personale e toccando con delicatezza la tematica “archetipica” della lacerante separazione di una coppia per il naturale avanzare dell’età, la poetessa produce una saggia consolazione, sospesa tra la speranza della vita eterna in comune e il privilegio di poter ricordare primavere di risate, sorrisi e baci, in un insieme di sensazioni che la emoziona e ci emoziona profondamente.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Una luce nel buio

di Domenico Pujia

In un afflato di religiosa emozione che racconta il cammino dalle macerie di notti buie macerie alla certezza dell’Amore di Dio, il poeta intesse una meditazione profonda che, nella rasserenante consapevolezza del miracoloso dono della Vita, parte dal cuore e arriva al cuore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Come unico dono

di Rita Minniti

Con ampia varietà di toni ed un altrettanto ampio respiro nella gestione dei versi, dove si alternano riflessioni e voli poetici, la poetessa genera in forma di profezia una meditazione personale e profonda,sulle ombre del mondo e sulle chiaroscurali ondulazioni del bene e del male, trovando alla fine l’eco costruttiva di una speranza adagiata su coltri soffici di nuvole: è lo spirito che vive in noi che diverrà tutt’uno con l’eterno, è il lampo della grazia divina… e dell’emozione poetica.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Damme

di Vincenzo Cerasuolo

Con quartine armoniose e coinvolgenti, vivacizzate dai colori e dalle intense connotazioni della lingua napoletana, il poeta intesse un’emozionata ed emozionante preghiera dettata da radici di profonda spiritualità e dal bisogno di lenire le sofferenze e le debolezze con la forza della fede e di quelle certezze che, alleviando i tormenti , possono rendere l’anima comme ‘a neve e donare la luce della speranza.

E l’insieme lascia una scia profonda che induce alla riflessione e all’emozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

Lettera di un bambino dal mare

di Rita Muscardin

Con un’ affabulazione chiara ed a forti tinte emozionali, impreziosita da venature liriche e sentimentali capaci di alleggerire la drammaticità della situazione, coinvolgendo pienamente il lettore attraverso la voce dell’infanzia tarpata e ed immergendolo nel fondo del mare reale della storia e del mare metaforico della disperazione legata alle migrazioni nei barconi, la scrittrice riesce a commuovere

e nello stesso tempo ad imporre una seria riflessione

su quei drammi sociali di cui noi siamo non solo spettatori

ma anche attori di fatto.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Era di maggio

di Tiziana Monari

Attraverso affettuose immagini e colorite metafore in tumultuosa successione, inserite in versi e strofe armoniosi nel suono ma volutamente distonici nella lunghezza per indicare l’ondosa variazione degli stati d’animo, la poetessa produce un’intensa elegia d’amore nel ricordo della figura di sua madre e ricrea un emozionante rapporto con la sua avvolgente presenza-assenza , generando così una teatrale elettricità e plasmando dal silenzio della sofferenza e dall’intimità della Fede il canto primaverile di una speranza d’infinito in fondo al cuore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Alla Beata Vergine del Rosario

di Rosario La Greca

Con versi strutturati in cadenza di preghiera, strofe volutamente uniformate a mo’ di litania ed un linguaggio intimamente rituale, la lirica stabilisce un ponte diretto tra l’umano e il divino, sublimandolo con lo slancio della voglia di ogni cuore smarrito di cercare il volo verso la grazia dell’amore infinito di Maria e creando così un emozionato momento di poetica liturgia.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

 

L’assoluta certezza di te

di Manuela Capri

Con lirica sensibilità e versi brevi atti ad esprimere l’affanno dell’anima , evidenziando la tensione tra gli abissi del solitario patire e i rigeneranti sforzi della risalita alimentati dai ricordi felici e dalle tenerezze affettive, la poesia riesce a far germogliare quel seme di luce che fiorisce dal buio del dolore, stemperandolo in un canto dell’amore possibile, da cui si intuisce che non è tra le nuvole il cielo, ma il cielo è proprio qui.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

Samantha, una vita da brividi

di Annamaria Santoriello

Con un linguaggio chiaro e coinvolgente ed un’affabulazione intensa e di immediato impatto, ricca di espressioni sincopate e fortemente evocative, fondata su un lungo e lacerante percorso della memoria, in una serrata successione di alti e bassi che creano una colonna sonora dell’anima, la scrittrice presenta il lento cammino dal pozzo del dolore di una donna (e di tante altre come lei) fino alla luce di una fortificante speranza di fede, lasciando nel cuore una scia di vibranti brividi di emozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2019 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

La mia via

di Pino Pietropaolo

Con una narrazione carica di drammatica tensione e con una successione di immagini quasi cinematografiche, supportate da un linguaggio chiaro e comunicativo, all’occorrenza giustamente sincopato, lo scrittore trasmette “in diretta” la tragedia della Passione di Cristo attraverso l’originale angolazione di un protagonista sociale dell’epoca, facendocene comprendere le dinamiche e lasciando il brivido di una commozione che pervade il cuore ed esalta l’anima nell’amore generato dal Santo Sacrificio.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2019 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

La candela

di Elena Maneo

Con una narrazione chiara, scorrevole e di immediato impatto, fondata abilmente sugli evidenti richiami all’attualità e sulla creazione di un’atmosfera quasi da thriller o noir ricco di mistero e di gravido di turbative emozionali, in una serrata successione di piccoli ma significativi colpi di scena, l’autore risolve un trepidante cammino con la luce di una fortificante speranza di fede, che va oltre la luce puramente miracolistica e si innalza nel recupero di quella purezza innocente che cresce nell’infanzia, non va mai dispersa nella maturità e permette di volare verso gli azzurri cieli del divino.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

Benedetta

di Carla D’Alessandro

Con la scelta di una storia ambientata nella drammatica attualità della pandemia e una narrazione chiara e di immediato impatto, con i riflettori puntati sulle emozioni e sulle reazioni interiori della protagonisti rispetto al drammatico rimbombo della vicenda sociale, la scrittrice liricamente trasforma la malattia nello spunto di una fortificante speranza di fede, che diventa il paradigma universale per la creazione di una corazza personale di fronte alle difficoltà della vita terrena, pronta a generare le ali per godere le azzurre beatitudini della vita celeste.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Dal Gargano a Delfi

di Nicola Prebenna

Attraverso un contenuto di ampio respiro culturale espresso in versi razionalmente costruiti ed emotivamente vibranti, la lirica prospetta un suggestivo parallelo tra i moderni pellegrinaggi presso i luoghi di San Pio, al servizio dei fratelli e strumento di bene, e gli antichi pellegrinaggi di stampo classico presso l’oracolo di Apollo, generoso di consigli, saggi e salutari. Alla fascinosa congiunzione tra il mondo serio del passato e la salvezza vera dell’Assoluto, aggiunge l’unione ideale tra cultura terrena e ispirazione divina, creando un’atmosfera che lascia una scia di sottile incantamento.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Dialogo tra Sorella Chiara e Frate Francesco

di Antonio Botta

Con un linguaggio complesso ma di ampio respiro culturale e religioso, in versi di ampia estensione variamente strutturati ed emotivamente vibranti, prospettando sotto forma di un immaginario dialogo il cammino spirituale del poverello d’Assisi dalle mistiche nozze con Madonna Povertà fino al momento in cui Sorella Morte accoglie con gaudio e schiude l’anima al calore del Santo Spirito, la poesia genera una suggestiva e catartica preghiera che ci fa sentire ancora più vicina la santità di due splendide figure della Cristianità.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia-prosa

Maria, Confido in te

di Giovanna Piranio

Con il ritmo serrata di un tormentato monologo interiore, facendo trasparire un doloroso purgatorio familiare, in cui il Paradiso dell’amore materno viene oscurato dalle nuvole del dubbio riguardanti scelte educative ed affettive che potrebbero aver creato pungenti barriere, la poetessa crea alla fine varchi di rassegnato ma partecipe abbandono alla protezione della Madre Universale, generatrice di una consolatoria speranza che almeno Lei possa accompagnare i suoi figli nella notte, ogni altro abisso. E la sua rassegnazione ci insegna la forza del futuro, mentre la sua commozione diventa la nostra commozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

Tarpata dall’emergenza Covid sia a maggio che in questo triste autunno di ricaduta, la Premiazione del decimo Concorso di Poesia e Prosa religiosa “Sant’Alfonso”, fondato e presieduto dal Parroco don Gioacchino Lanzillo, non è riuscita proprio a venire alla luce. Doveva effettuarsi il 24 ottobre presso il complesso parrocchiale di Sant’Alfonso, in via Filangieri a Cava de’ Tirreni, ma, come a maggio così in questo triste autunno di ricaduta, è stata tarpata dall’emergenza Covid.

Peccato, veramente peccato per questo indesiderato “aborto”, anche perché i lavori presentati, come sempre su tematiche o personaggi di ispirazione religiosa, sono stati numerosi, provenienti da varie parti d’Italia e di qualità decisamente buona.

Facendo di necessità virtù, in mancanza di quell’incontro diretto che è sempre gradito e fecondo, la pubblicizzazione dei risultati avverrà attraverso i media e la consegna degli attestati e delle targhe brevi manu per i residenti in zona e via posta per gli altri.

Il Segretario e Coordinatore del Premio, Emanuele Occhipinti, dopo aver confermato l’annullamento della premiazione diretta, ha trasmesso i risultati del concorso.

I membri della Giuria (Lucia Antico, Maria Alfonsina Accarino, Lucia Criscuolo, Maria Teresa Kindjiarsky, Rosanna e Teresa Rotolo, Annamaria Violante), presieduta dal sottoscritto scrivente, Franco Bruno Vitolo (ma senza diritto di voto), hanno così formato e motivato il podio e il gruppo dei segnalati al merito:

Primo premio: Tiziana Monari (Prato), con la poesia Era di maggio (a mia madre)

Motivazione: Attraverso affettuose immagini e colorite metafore in tumultuosa successione, inserite in versi e strofe armoniosi nel suono ma volutamente distonici nella lunghezza per indicare l’ondosa variazione degli stati d’animo, la poetessa produce un’intensa elegia d’amore nel ricordo della figura di sua madre e ricrea un emozionante rapporto con la sua avvolgente presenza-assenza , generando così una teatrale elettricità e plasmando dal silenzio della sofferenza e dall’intimità della Fede il canto primaverile di una speranza d’infinito in fondo al cuore.

Secondo premio: Rita Muscardin (Savona), con la il racconto Lettera di un bambino dal mare

Motivazione: Con un’affabulazione chiara ed a forti tinte emozionali, impreziosita da venature liriche e sentimentali capaci di alleggerire la drammaticità della situazione, coinvolgendo pienamente il lettore attraverso la voce dell’infanzia tarpata e ed immergendolo nel fondo del mare reale della storia e del mare metaforico della disperazione legata alle migrazioni nei barconi, la scrittrice riesce a commuovere e nello stesso tempo ad imporre una seria riflessione su quei drammi sociali di cui noi siamo non solo spettatori ma anche attori di fatto.

Terzo premio: Giovanna Piranio (Ragusa), con la poesia Maria, confido in Te

Motivazione: Con il ritmo serrata di un tormentato monologo interiore, facendo trasparire un doloroso purgatorio familiare, in cui il Paradiso dell’amore materno viene oscurato dalle nuvole del dubbio riguardanti scelte educative ed affettive che potrebbero aver creato pungenti barriere, la poetessa crea alla fine varchi di rassegnato ma partecipe abbandono alla protezione della Madre Universale, generatrice di una consolatoria speranza che almeno Lei possa accompagnare i suoi figli nella notte, ogni altro abisso. E la sua rassegnazione ci insegna la forza del futuro, mentre la sua commozione diventa la nostra commozione.

Segnalazioni speciali sono state assegnate a:

Giuseppe Capone (Majori – Sa) per la poesia Corpusdomene

Manuela Capri (Crevalcore – Bo) per la poesia L’assoluta certezza di Te

Guglielmo Cirillo (Cava d.T. – Sa) per la poesia Bell’ ‘i mamma

Carla D’Alessandro (Nocera Inf. – Sa) per il racconto Benedetta

Rosario La Greca (Majori – Sa) per la poesia Alla beata Vergine del Rosario

Elena Maneo (Mestre – Venezia) per il racconto La candela

Luisa Mazzanti (Merone – Como) per la poesia Cammina, Pietro, cammina!

Rita Minniti (Cava d.T. – Sa) per la poesia Come unico dono

Pino Pietropaolo (Amorosi – BN) per la poesia La mia via

Nicola Prebenna (Ariano Irpino – Av) per la poesia Dal Gargano a Delfi

Annamaria Santoriello (Cava d.T. – Sa) per la poesia Samantha, una vita da brivido

Stefania Siani (Cava d.T. – Sa) per il racconto La voce del cuore

Sulla base della classifica finale e/o delle indicazioni degli interessati sono stati poi assegnati i seguenti premi speciali, con le relative motivazioni:

Premio Speciale dell’Arcivescovo

Valentina Carleo (Pontecagnano F, – Sa) per la poesia Ascoltare la paura di scegliere

Motivazione: Con un efficace impasto di emozioni confuse e fumo di tormento e una sapiente e armonizzata varietà di versi e strofe, attraverso lo sguardo soggettivo di una carezzata solitudine e di un animo ancor vago del facile inganno del mondo, viene descritto lo scenario angosciato dell’uomo autolesionistcamente sofferente, ma alla fine il seme d’amore divino e di poesia che nasce da questo smarrimento terreno non solo allontana la Malinconia, ma riesce anche a donare il crisma di un’opera di alta qualità poetica ed umana.

Premio Speciale del Parroco

Vincenzo Cerasuolo (Pontecagnano F. – Sa) per la poesia Damme

Motivazione: Con quartine armoniose e coinvolgenti, vivacizzate dai colori e dalle intense connotazioni della lingua napoletana, il poeta intesse un’emozionata ed emozionante preghiera dettata da radici di profonda spiritualità e dal bisogno di lenire le sofferenze e le debolezze con la forza della fede e di quelle certezze che, alleviando i tormenti , possono rendere l’anima comme ‘a neve e donare la luce della speranza.

E l’insieme lascia una scia profonda che induce alla riflessione e all’emozione.

Premio Speciale delle catechiste

Domenico Pujia (Roma) per la poesia Una luce nel buio

Motivazione: In un afflato di religiosa emozione che racconta il cammino dalle macerie di notti buie macerie alla certezza dell’Amore di Dio, il poeta intesse una meditazione profonda che, nella rasserenante consapevolezza del miracoloso dono della Vita, parte dal cuore e arriva al cuore.

Premio Speciale del Presidente di VersoCava

Rosalba Fieramosca (Salerno) per la poesia Guarderemo il tramonto

Motivazione: Con versi di immediato impatto comunicativo, in cui la dolce pacatezza dei toni crea un lirico contrappunto rispetto alla dolorosa malinconia dei contenuti, partendo da una dimensione personale e toccando con delicatezza la tematica “archetipica” della lacerante separazione di una coppia per il naturale avanzare dell’età, la poetessa produce una saggia consolazione, sospesa tra la speranza della vita eterna in comune e il privilegio di poter ricordare primavere di risate, sorrisi e baci, in un insieme di sensazioni che la emoziona e ci emoziona profondamente.

Premio Speciale del Segretario del Concorso

Antonio Botta (Casoria – Na) per la poesia Ascoltare la paura di scegliere

Motivazione: Con un linguaggio complesso ma di ampio respiro culturale e religioso, in versi di ampia estensione variamente strutturati ed emotivamente vibranti, prospettando sotto forma di un immaginario dialogo il cammino spirituale del poverello d’Assisi dalle mistiche nozze con Madonna Povertà fino al momento in cui Sorella Morte accoglie con gaudio e schiude l’anima al calore del Santo Spirito, la poesia genera una suggestiva e catartica preghiera che ci fa sentire ancora più vicina la santità di due splendide figure della Cristianità.

Segnalazioni semplici sono state assegnate a:

Alfonso Apicella (Cava de’ Tirreni – Sa), Alfonso Apicella (Cava de’ Tirreni – Sa), Antonio Armenante (Cava de’ Tirreni – Sa), Fernanda Baragli (Treviso), Alberto Cerbone (Casoria – Na), Mirella Costabile (Salerno), Maddalena Della Mura (Maiori – Sa), Alfonso Gargano(Salerno), Maria Giraudo (San Dalmazzo – CN), Liliana Ianni (Roseto Degli Abruzzi – Te), Carmela Lo Bue (Palermo), Maria Luisa Mignone (Salerno), Biagio Napolano (Cava de’ Tirreni – Sa).

Ad evidenziare il livello alto delle opere nel loro complesso, il fatto che le due prime classificate, Tiziana Monari di Prato e Rita Muscardin da Savona non solo sono state tanto brave da aggiudicarsi, a turno, ben nove delle dieci edizioni finora effettuate, ma hanno un carnet personale ricchissimo di premi conquistati in vari concorsi ed in tutto il territorio della penisola. È un livello che si conserva fin dalla prima edizione, il che significa che il Concorso è seguito, atteso e apprezzato. Anche per questo merita una conclusione meno “clandestina” . Ma prima, per parafrasare il buon Eduardo, “ha da passà ‘a nuttata”…

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Corpus domene

di Giuseppe Capone

Grazie anche ad un uso prezioso della lingua napoletana e delle sue ataviche sonorità, descrivendo la processione del Corpus Domini attraverso gli occhi e gli atteggiamenti della popolazione, il poeta riesce con incisiva vivacità a fondere la concretezza delle richieste di grazie legate alla vita quotidiana con la spiritualità della religione, offrendo

un delizioso quadretto di colorita e sanguigna identità.

Grazie anche ad un uso prezioso della lingua napoletana e delle sue ataviche sonorità, descrivendo la processione del Corpus Domini attraverso gli occhi e gli atteggiamenti della popolazione, il poeta riesce con incisiva vivacità a fondere la concretezza delle richieste di grazie legate alla vita quotidiana con la spiritualità della religione, offrendo

un delizioso quadretto di colorita e sanguigna identità.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Bell’ ‘i mamma

di Guglielmo Cirillo

Con le connotazioni tipiche della lingua napoletana ed una narrazione lineare e coinvolgente fondata su un’idea finale illuminante, il poeta rievoca con tenera affettività uno storico simbolo di Pietà come Mamma Lucia e nello stesso tempo stabilisce un suggestivo ponte tra la sua figura terrena

di maternità universale e l’universalità celeste della Madre di Gesù, unendole in un quadretto

che fa vibrare il cuore con la forza dell’emozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Cammina, Pietro, cammiona

di Luisa Mazzanti

Con versi coinvolgenti e frementi di intima religiosità, in un lirico intreccio tra il silenzio divino della preghiera e lo smarrito urlo terreno di lacerante sofferenza, nel rievocare la solitaria e indimenticabile celebrazione eucaristica di Papa Francesco in una Piazza San Pietro svuotata dalla pandemia ma riempita dai cuori di tutto il mondo, la poetessa con sincero spirito di speranza trasmette tutta la forza della fede, aiuta l’anima a confidare nella carezza divina e, in un alternarsi di lacrime trattenute, versate e deterse, commuove il lettore e riesce a sublimare il dolore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Ascoltare la paura di scegliere

di Valentina Carleo

Con un efficace impasto di emozioni confuse e fumo di tormento e una sapiente e armonizzata varietà di versi e strofe, attraverso lo sguardo soggettivo di una carezzata solitudine e di un animo ancor vago del facile inganno del mondo, viene descritto lo scenario angosciato dell’uomo autolesionistcamente sofferente, ma alla fine il seme d’amore divino e di poesia che nasce da questo smarrimento terreno non solo allontana la Malinconia, ma riesce anche a donare il crisma di un’opera di alta qualità poetica ed umana.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2019 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

La voce del cuore

di Stefania Siani

Con lineare chiarezza, attraverso un intrigante rimpallo di passato e presente e la fascinosa convivenza di rassicuranti certezze, scelte tormentate, vago scetticismo e testimonianze di fede, il racconto propone tematiche di ampia portata etica ed esistenziale, gestite con lucido equilibrio narrativo in modo tale che la “voce” è pronunciata con la lingua della ragione ma proviene tutta dal cuore, intrisa di dolcezza umana e ricche connotazioni d’amore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Guarderemo il tramonto

di Rosalba Fieramosca

Con versi di immediato impatto comunicativo, in cui la dolce pacatezza dei toni crea un lirico contrappunto rispetto alla dolorosa malinconia dei contenuti, partendo da una dimensione personale e toccando con delicatezza la tematica “archetipica” della lacerante separazione di una coppia per il naturale avanzare dell’età, la poetessa produce una saggia consolazione, sospesa tra la speranza della vita eterna in comune e il privilegio di poter ricordare primavere di risate, sorrisi e baci, in un insieme di sensazioni che la emoziona e ci emoziona profondamente.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Una luce nel buio

di Domenico Pujia

In un afflato di religiosa emozione che racconta il cammino dalle macerie di notti buie macerie alla certezza dell’Amore di Dio, il poeta intesse una meditazione profonda che, nella rasserenante consapevolezza del miracoloso dono della Vita, parte dal cuore e arriva al cuore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Come unico dono

di Rita Minniti

Con ampia varietà di toni ed un altrettanto ampio respiro nella gestione dei versi, dove si alternano riflessioni e voli poetici, la poetessa genera in forma di profezia una meditazione personale e profonda,sulle ombre del mondo e sulle chiaroscurali ondulazioni del bene e del male, trovando alla fine l’eco costruttiva di una speranza adagiata su coltri soffici di nuvole: è lo spirito che vive in noi che diverrà tutt’uno con l’eterno, è il lampo della grazia divina… e dell’emozione poetica.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Damme

di Vincenzo Cerasuolo

Con quartine armoniose e coinvolgenti, vivacizzate dai colori e dalle intense connotazioni della lingua napoletana, il poeta intesse un’emozionata ed emozionante preghiera dettata da radici di profonda spiritualità e dal bisogno di lenire le sofferenze e le debolezze con la forza della fede e di quelle certezze che, alleviando i tormenti , possono rendere l’anima comme ‘a neve e donare la luce della speranza.

E l’insieme lascia una scia profonda che induce alla riflessione e all’emozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

Lettera di un bambino dal mare

di Rita Muscardin

Con un’ affabulazione chiara ed a forti tinte emozionali, impreziosita da venature liriche e sentimentali capaci di alleggerire la drammaticità della situazione, coinvolgendo pienamente il lettore attraverso la voce dell’infanzia tarpata e ed immergendolo nel fondo del mare reale della storia e del mare metaforico della disperazione legata alle migrazioni nei barconi, la scrittrice riesce a commuovere

e nello stesso tempo ad imporre una seria riflessione

su quei drammi sociali di cui noi siamo non solo spettatori

ma anche attori di fatto.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Era di maggio

di Tiziana Monari

Attraverso affettuose immagini e colorite metafore in tumultuosa successione, inserite in versi e strofe armoniosi nel suono ma volutamente distonici nella lunghezza per indicare l’ondosa variazione degli stati d’animo, la poetessa produce un’intensa elegia d’amore nel ricordo della figura di sua madre e ricrea un emozionante rapporto con la sua avvolgente presenza-assenza , generando così una teatrale elettricità e plasmando dal silenzio della sofferenza e dall’intimità della Fede il canto primaverile di una speranza d’infinito in fondo al cuore.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Alla Beata Vergine del Rosario

di Rosario La Greca

Con versi strutturati in cadenza di preghiera, strofe volutamente uniformate a mo’ di litania ed un linguaggio intimamente rituale, la lirica stabilisce un ponte diretto tra l’umano e il divino, sublimandolo con lo slancio della voglia di ogni cuore smarrito di cercare il volo verso la grazia dell’amore infinito di Maria e creando così un emozionato momento di poetica liturgia.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

 

L’assoluta certezza di te

di Manuela Capri

Con lirica sensibilità e versi brevi atti ad esprimere l’affanno dell’anima , evidenziando la tensione tra gli abissi del solitario patire e i rigeneranti sforzi della risalita alimentati dai ricordi felici e dalle tenerezze affettive, la poesia riesce a far germogliare quel seme di luce che fiorisce dal buio del dolore, stemperandolo in un canto dell’amore possibile, da cui si intuisce che non è tra le nuvole il cielo, ma il cielo è proprio qui.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

Samantha, una vita da brividi

di Annamaria Santoriello

Con un linguaggio chiaro e coinvolgente ed un’affabulazione intensa e di immediato impatto, ricca di espressioni sincopate e fortemente evocative, fondata su un lungo e lacerante percorso della memoria, in una serrata successione di alti e bassi che creano una colonna sonora dell’anima, la scrittrice presenta il lento cammino dal pozzo del dolore di una donna (e di tante altre come lei) fino alla luce di una fortificante speranza di fede, lasciando nel cuore una scia di vibranti brividi di emozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2019 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

La mia via

di Pino Pietropaolo

Con una narrazione carica di drammatica tensione e con una successione di immagini quasi cinematografiche, supportate da un linguaggio chiaro e comunicativo, all’occorrenza giustamente sincopato, lo scrittore trasmette “in diretta” la tragedia della Passione di Cristo attraverso l’originale angolazione di un protagonista sociale dell’epoca, facendocene comprendere le dinamiche e lasciando il brivido di una commozione che pervade il cuore ed esalta l’anima nell’amore generato dal Santo Sacrificio.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2019 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

La candela

di Elena Maneo

Con una narrazione chiara, scorrevole e di immediato impatto, fondata abilmente sugli evidenti richiami all’attualità e sulla creazione di un’atmosfera quasi da thriller o noir ricco di mistero e di gravido di turbative emozionali, in una serrata successione di piccoli ma significativi colpi di scena, l’autore risolve un trepidante cammino con la luce di una fortificante speranza di fede, che va oltre la luce puramente miracolistica e si innalza nel recupero di quella purezza innocente che cresce nell’infanzia, non va mai dispersa nella maturità e permette di volare verso gli azzurri cieli del divino.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per il racconto

Benedetta

di Carla D’Alessandro

Con la scelta di una storia ambientata nella drammatica attualità della pandemia e una narrazione chiara e di immediato impatto, con i riflettori puntati sulle emozioni e sulle reazioni interiori della protagonisti rispetto al drammatico rimbombo della vicenda sociale, la scrittrice liricamente trasforma la malattia nello spunto di una fortificante speranza di fede, che diventa il paradigma universale per la creazione di una corazza personale di fronte alle difficoltà della vita terrena, pronta a generare le ali per godere le azzurre beatitudini della vita celeste.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Dal Gargano a Delfi

di Nicola Prebenna

Attraverso un contenuto di ampio respiro culturale espresso in versi razionalmente costruiti ed emotivamente vibranti, la lirica prospetta un suggestivo parallelo tra i moderni pellegrinaggi presso i luoghi di San Pio, al servizio dei fratelli e strumento di bene, e gli antichi pellegrinaggi di stampo classico presso l’oracolo di Apollo, generoso di consigli, saggi e salutari. Alla fascinosa congiunzione tra il mondo serio del passato e la salvezza vera dell’Assoluto, aggiunge l’unione ideale tra cultura terrena e ispirazione divina, creando un’atmosfera che lascia una scia di sottile incantamento.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia

Dialogo tra Sorella Chiara e Frate Francesco

di Antonio Botta

Con un linguaggio complesso ma di ampio respiro culturale e religioso, in versi di ampia estensione variamente strutturati ed emotivamente vibranti, prospettando sotto forma di un immaginario dialogo il cammino spirituale del poverello d’Assisi dalle mistiche nozze con Madonna Povertà fino al momento in cui Sorella Morte accoglie con gaudio e schiude l’anima al calore del Santo Spirito, la poesia genera una suggestiva e catartica preghiera che ci fa sentire ancora più vicina la santità di due splendide figure della Cristianità.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

X Concorso di Poesia e Prosa “Sant’Alfonso”

Cava de’ Tirreni – 2020

Motivazione del premio

per la poesia-prosa

Maria, Confido in te

di Giovanna Piranio

Con il ritmo serrata di un tormentato monologo interiore, facendo trasparire un doloroso purgatorio familiare, in cui il Paradiso dell’amore materno viene oscurato dalle nuvole del dubbio riguardanti scelte educative ed affettive che potrebbero aver creato pungenti barriere, la poetessa crea alla fine varchi di rassegnato ma partecipe abbandono alla protezione della Madre Universale, generatrice di una consolatoria speranza che almeno Lei possa accompagnare i suoi figli nella notte, ogni altro abisso. E la sua rassegnazione ci insegna la forza del futuro, mentre la sua commozione diventa la nostra commozione.

Cava de’ Tirreni, 24 ottobre 2020 Il Presidente della Giuria

Franco Bruno Vitolo

CAVA DE’ TIRRENI (SA). “Le parole sono ponti”: premiazione in mascherina e finale al chiaro di luna

Nonostante le insidie permanenti della pandemia, è giunta finalmente in porto a Cava de’ Tirreni la settima edizione del Concorso Letterario “Le parole sono ponti”, riservato agli studenti e dedicato alla prof. Elisabetta Sabatino, grande maestra di saggezza didattica e umanità relazionale, precocemente scomparsa sette anni fa. Dopo sei edizioni celebrate tutte a marzo nella Sala del Consiglio Comunale, stavolta la premiazione è stata rimandata a settembre e poi mercoledì 30 effettuata nel Cortile del Complesso di San Giovanni.

È stata una premiazione un po’ anomala, perché la Sala del Consiglio del Palazzo di Città, abituale sede, offre supporti più funzionali, eppure la serata ha conservato tutto il suo fascino, derivante dall’evocazione sempre emozionata ed emozionante della figura di una donna e una docente che ha saputo trasmettere tutta la poesia della vita e l’allegria del sapere.

A questo aggiungiamo lo scenario suggestivo di un monumento storico come l’ex convento delle Clarisse, oggi complesso polifunzionale di altissimo profilo, la progressiva penombra della sera e l’altrettanto progressivo spuntare della luna piena dietro gli spigoli illuminati del Palazzo, e poi, “ciliegina sulla torta”, le letture finali forzatamente a lume di cellulare. Avremo così le coordinate di un incontro che comunque rimarrà nella memoria, intriso di una straordinarietà e di una “poeticità” tali da compensare anche le mascherine dominanti e le spine annesse e connesse.

Alla manifestazione, organizzata come sempre dal Comune, ha presenziato il Vice Sindaco e Assessore alla Cultura Armando Lamberti. Le letture sono state affidate a Brunella Piucci, Giuliana Carbone e Manuela Pannullo, la conduzione al sottoscritto scrivente Franco Bruno Vitolo. La Giuria era composta da Paola e Barbara Sabatino, sorelle di Elisabetta, dalla Dirigente Scolastica Gabriella Liberti e dal sottoscritto. Alla premiazione erano presenti anche il marito di Elisabetta, Mario, il figlio Giulio, l’altra sorella Meralda e il fratello Maurizio.

Pur considerando idealmente tutti i partecipanti alla pari e vincenti, facciamo una piccola eccezione rivolgendo un particolare grazie e mille complimenti ai “docenti-allenatori” dei ragazzi premiati e segnalando il giovane studente Alfonso Maria di Somma, del Liceo Classico“Galdi-De Fillippis”, un talento giovane già signore della penna, trionfatore nella categoria delle scuole superiori.

Già vincitore nell’edizione nello scorso anno, egli non solo ha raddoppiato, superando tra l’altro rivali di alto livello, ma con il racconto vincitore, Uno sguardo sul mio abisso (storia di un ragazzo sensibile e studioso deviato dall’allettamento dei facili guadagni della mala e poi riscattato grazie alla lezione morale ricevuta a scuola), ha già vinto anche il Concorso “Arte e cultura”, trionfando su scrittori esperti e adulti di varie regioni italiane. Ad maiora, aquilotto!

Ed ecco i premiati, divisi per ordine di scuola e sottolineando la performance della “squadra fortissimi” del De Filippis (sette premi su dieci!) .

E ora aspettiamo insieme che venga primavera… e che il Concorso 2021 si possa concludere regolarmente a marzo…

  1. Sezione “Scuola Primaria”: 1) Rosanna Horvath (I. C. Santa Lucia); 2) Valeria Iannone (Scuola Opera Pia “Di Mauro”); 3) Alessandra Di Palo (IC Carducci Trezza) – Segnalazioni di merito:3) Letizia Ferrara, Stefano Vitale (I.C. Santa Lucia); Manuel Murolo, Francesca Sergio, Gruppo Classe V A (I.C. Carducci Trezza); Manuela Bottiglieri e Carmen Margarita, Vittoria Russo (I.C. S. Nicola)

  2. Sezione “Scuole Medie”: 1) Giorgia Milione (I.C. Giovanni XXIII); 2) Martina Sorrentino (I.C .Carducci Trezza); 3) Sara Scotto Di Quacquaro I. C. Balzico) – Segnalazioni di merito: Sophie D’Amato (I.C. Giovanni XXIII); Gruppo classe IV San Pietro (I.C. S. Nicola), Imma Armenante e Francesca Apicella (I.C. Santa Lucia); Emanuele Senatore (I.C. Carducci Trezza), Marika Siani e Roberta Siani, Cecilia Rita Campanile (I.C. Balzico).

  3. Sezione “Scuole Superiori”: 1) Alfonso Maria Di Somma (Liceo Classico “Marco Galdi”); 2) Pasqua Guarino (Liceo Linguistico Sociopedagogico “De Filippis – Galdi”); 3) Suamy Raffaele Memoli (IIS “Della Corte-Vanvitelli)); – Menzione speciale della Giuria: Lucia Longobardi (Liceo Linguistico Sociopedagogico “De Filippis – Galdi”) – Segnalazioni di merito: Giorgia Bozzetto (Liceo Classico “Marco Galdi”); Dalila D’Andrea, Ylenia Faiella, Siria Galdi, Giovanni Scannapieco, Miriam Sileo (Liceo Linguistico Sociopedagogico “De Filippis – Galdi”).

CAVA DE’ TIRRENI (SA). La scomparsa di Salvatore Fasano, l’angelo dei caduti cavesi

Ha catalogato, ritrovato, fatto rimpatriare centinaia di soldati morti in guerra.


Mi piace immaginare che al suo arrivo lassù in cielo con commozione e gratitudine lo accolgano i volti, le mani, i cuori dei tanti soldati che egli ha restituito alle famiglie e alla terra che li ha visti nascere.”

Così, con affettuosa emozione, don Rosario Sessa ha aperto la sua omelia durante la messa funebre per Salvatore Fasano, che ci ha lasciati martedì 22 settembre dopo novantasette anni di vita intensa e feconda.

Sulla scia ideale tracciata da Mamma Lucia, a modo suo anche lui è stato un angelo dei caduti, poiché ha ricercato informazioni e/o ritrovato e/o fatto rimpatriare le salme di centinaia di soldati cavesi caduti in Italia e all’estero durante le terribili guerre mondiali del secolo scorso . Non ha percorso i campi e le valli con la zappa come Mamma Lucia, non ha estratto materialmente dalla terra i corpi dei poveri ragazzi tarpati dalla guerra, non li ha puliti e accarezzati né gli ha potuto sussurrare “Bell’ ‘i papà”, ma la sua è stata ugualmente un’opera meritoria di alta, altissima Carità, che gli è valsa a suo tempo il prestigioso titolo di Commendatore e Grand’Ufficiale, riconosciutogli motu proprio dal Presidente della Repubblica.

A questo lavoro di ricerca e di recupero ha dedicato decine di anni, impegnando tempo, passione, emozione ed anche tanto denaro, scartabellando tra le carte con certosina pazienza e massima attenzione e mettendosi in contatto con enti, città, governi, eserciti. Ha pure lui scavato tanto, senza pala ma negli archivi di mezzo mondo, ha tampinato impiegati, funzionari, ufficiali, ha teso una mano di consolazione sul dolore di famiglie private dei loro cari, ha aperto finestre nel cuore della Città.

E i risultati sono ancora sotto i nostri occhi: la fondazione del Sacrario Militare, con i resti dei soldati caduti e di quelli recuperati, quattro edizioni dell’Albo d’oro dei caduti cavesi, ogni volta più ricche ed anche graficamente più eleganti, un volume dedicato alle epigrafi ed ai monumenti legati agli eventi bellici e sparsi lungo il territorio metelliano, un ricco e documentato volume sulle strade di Cava, di cui circa cento, per effetto dell’opera di Fasano come presidente della Commissione Toponomastica, sono proprio soldati caduti in guerra, forse un record nazionale. Collaterali a questi prodotti, tante cerimonie solenni con la presenza delle più alte autorità civili, religiose e militari, ogni volta che un caduto ritornava a casa. E tanti occhi lucidi, dei familiari, dei partecipanti e soprattutto di don Salvatore stesso.

Ma l’energia e la passione “a pile ricaricabili” egli non le ha spese solo per volare come angelo sui caduti.

Gli sono servite da ragazzo per affrontare le difficoltà della vita quotidiana di una famiglia carica di amore ma anche di persone (quattordici i figli…) e di tempi difficili per povertà e tensioni belliche. Gli hanno dato la possibilità di cercare spazi, tempi e risorse per poter studiare e coltivare i suoi sogni di volo sociale e umano. Lo hanno sostenuto per esercitare al meglio e con dedizione piena la “missione” di maestro. Gli hanno dato benzina per accendere il fuoco dell’amore e corteggiare fin “da sotto il balcone” la sua Delia e poi per creare con lei una solidissima coppia e far maturare,“come cemento amato”, una famiglia ampia e unita. Gli hanno aperto la strada per vivere da protagonista e da cittadino la vita politica: dal 1964 al 1985, a vario titolo, come consigliere, assessore e una volta anche come Sindaco facente funzioni, è stato attivo nella vita amministrativa, diventando compagno e amico tra i più fidati e affidabili di Eugenio Abbro. Si è dato tanto da fare in quel periodo, soprattutto nella zona familiare oltre Passiano, tanto che da qualcuno fu definito affettuosamente Sindaco del Contrapone. E poi per anni ha diretto e gestito la Commissione Toponomastica, battezzando decine e decine di strade della Città e alla fine, come già detto, insieme col figlio Daniele, con il sottoscritto scrivente Franco Bruno Vitolo, con Lara Adinolfi e Beatrice Sparano, ha prodotto il bel volume strenna “Le strade di Cava”.

Insomma, ha lasciato un segno profondo nella vita della Città e con lui se ne è andata via una pagina grande della nostra storia.

Ma anche una pagina grande nella storia della sua famiglia. È stato padre amato e stimato da figli Daniele, Lucio e Livia, dolcemente e potentemente messi in rampa di lancio da lui e da mamma Delia Cristini; è stato sicuro punto di riferimento patriarcale, nonno affettuoso di nipoti “gabbiani”. E i suoi li ha non solo allevati, ma anche “nutriti”. Infatti amava molto cucinare, operazione che abitualmente ha fatto fino a un anno fa con la fidatissima assistente Maria, alzandosi prima dell’alba. Ed era lui che in occasione dei pranzi patriarcali nelle Feste comandate preparava con le sue mani e con caloroso entusiasmo il “Grande Secondo”, che quasi sempre era il capretto con le patate, suo fiore all’occhiello, cotto nella spaziosissima teglia che ancora oggi odora di lui.

Alla sua famiglia estesa, ai Fasano, negli ultimi anni ha lasciato un retaggio straordinario. Dieci faldoni di documenti, fotografie, manoscritti, testimonianze che ricostruiscono la storia di tutta la stirpe. Un’opera “monumentale”, di cui era profondamente orgoglioso ed a cui ha dedicato pensiero e ritocchi fino a poche settimane prima della sua scomparsa. Un’opera che va oltre la storia familiare, ma tocca momenti di vita cittadina, tanto è vero che quando l’ha finita ha anche meritato articoli di giornale e televisivi, rimanendo così fino all’ultimo sotto la luce dei riflettori.

La luce poi lentamente si è spenta, accompagnandolo nel Grande Viaggio verso l’oltre, in un finale in cui lui, immagine vivente della vitalità, ha visto dolorosamente le sue pile “scaricarsi”. Ma questo purtroppo fa parte del gioco della Vita. Ed è importante che in questo “gioco” egli abbia consegnato ai suoi cari un così forte retaggio d’affetto.

Ma ora è importante anche che la Città si faccia carico dell’eredità che lui ha lasciato, tributandogli i segni della su riconoscenza . Qualcosa si può fare anche subito: ad esempio, dedicando a lui il Sacrario Militare, che è proprio una sua creatura e quasi una sua compagna. E, trascorso il tempo debito, assecondare il suo desiderio di sempre: una strada nel “suo” Contrapone. Una decisione del genere lo renderebbe veramente felice, sia perché in quella zona egli ha lasciato tracce concrete in strade e infrastrutture, sia perché completerebbe quel suo sogno di rimanere vivo oltre la vita, come foscolianamente può desiderare chi lascia eredità d’affetti e compie egregie cose che l’animo accendono.

Che quel suo sogno possa diventare realtà sarebbe cosa buona e giusta. Salvatore Fasano ha vissuto in piedi, ora merita un posto in poltrona nel Paradiso della memoria …